Venerdì 10 Luglio 2020
   
Text Size

Sala d’attesa della stazione. Un vero letamaio a rischio di infezioni/foto

106009656-627723044768300-4325890408233526289-n

106280889-578706796164522-3922737992046743361-nA dir poco vergognoso lo stato in cui versa la sala di attesa per i ferrovieri della stazione di Gioia del Colle. A denunciarlo in un video e foto scattate in diverse giornate è un nostro lettore, Antonio C. che ringraziamo per la segnalazione.

L’esterno imbrattato da vernici e disegni scurrili è poca cosa se paragonato all’interno, sporco e maleodorante, senza più arredi, con immondizia sul pavimento e lerciume ovunque.

A giudicare dagli “arredi” - cartoni, stracci, sedioline provenienti da qualche aula (?), bancali trasformati in giacigli e ripiani di tavoli di plastica rotti -, è evidente che vi è chi vi dorme o vi soggiorna.

105907456-3044943385559059-5072531459686884223-nE’ questa l’immagine che i viaggiatori che vengono in città hanno di Gioia: trascuratezza, sporcizia, sudiciume… Se poi ci sono bambini, non è da escludere il rischio che toccando possano infettarsi, anche perché non si può escludere oltre a insetti, scarafaggi e blatte anche la presenza di topi.

Una situazione a livello sanitario di assoluta emergenza. Invitiamo pertanto l’ufficio igiene e chi di dovere ad ispezionare questo luogo e prendere gli opportuni provvedimenti. Sanificare e mettere in sicurezza i locali è il minimo che con urgenza va fatto. Seppur priva di uffici, biglietteria e possibilità di controllo magari con telecamere, la stazione ferroviaria resta pur sempre un luogo frequentato da pendolari e viaggiatori, non può essere abbandonata a tale degrado.

Sarebbe opportuno che il sindaco Mastrangelo, in quanto responsabile della salute dei cittadini, contatti i responsabili delle RFI e faccia un esposto, affinché al di là della contingente urgenza, si controlli puntualmente lo stato dei luoghi e si prendano misure di ispezione quotidiana.

https://ibb.co/album/rRSWFx 

Commenti  

 
#10 stat cit 2020-06-30 09:54
non si può lasciare una stazione senza qualcuno che controlli e mantenga ordine e pulizia della struttura . Inoltre anche da un punto di vista della sicurezza non si può abbandonare questo luogo , ci sono anziani , donne ragazzini etc etc che magari viaggiano da soli e hanno bisogno di aiuto o protezione o perlomeno non avere paura .
 
 
#9 satangai 2020-06-30 09:08
E che dire del fatto che per andare al binario 2 esiste un sottopasso con rampe di scale inaccessibili per i disabili? Come fa un disabile su una sedia a rotelle a prendere, ad, esempio, l'Intercity delle ore 20,34 per Milano? Vola?
 
 
#8 F.Giannini 2020-06-28 18:35
Se non erro si dovrebbe trattare di locali utilizzati un tempo da un sindacato ferrovieri.
A dir del vero anche le sale di attese lasciano a desiderare.
Ndn esiste alcun controllo e sono terra di tutti.
Che dire poi di bici che entrano liberamente e di giovani che bivaccano tutte le ore con notevole disturbo per la quiete pubblica e con lanci di pietre anche contro impianti ferroviari?
 
 
#7 Malpensante 2020-06-28 17:17
Redazione,belle parole,quasi un poema,come al solito,del resto,dire tanto per non dire nulla,assodato che non è la Sala d'Attesa per Viaggiatori,ma dedicata al personale viaggiante,chiedo:"Ma se il suddetto Personale
Viaggiante se ne frega,o quantomeno non usa questi locali,e l'Amministrazione Ferroviaria altrettanto,chi siamo noi per intervenire,posso capire lo sporco,il vandalismo,di pochi grazie a Dio,ma cosa c'entra l'Amministrazione Comunale???,quale autorità possiede per poter intervenire nelle altrui Amministrazioni,nuovo Esempio,se una qualsiasi Azienda commette un errore,che c'entra lo Stato,purchè questo errore non porti seri problemi e/o danni al Cittadino,e a tutt'oggi nulla ho letto o sentito a riguardo di queste sale d'Attesa,e se anche ci fossero stati,vi Sono le Forze di Polizia preposte a questo,inoltre come ben sappiamo le Ferrovie dello Stato,sono una Azienda Pubblica in S.P.A.,pertanto Amministrativamente Indipendente;Per cortesia finiamola di approfittare di ogni cacchetta di mosca,per mettere su una sceneggiata atta a screditare qualcuno,non è serio!!

La Redazione
Screditare chi, se è un preciso dovere di tutti i sindaci quello di intervenire con qualunque mezzo per assicurare l'incolumità e la sicurezza sanitaria di tutti i cittadini delle citta che amministrano? Forse, sarebbe il caso che ci si informasse anche su quelli che sono i compiti e i doveri dei così chiamati "primi cittadini".
Saluti
 
 
#6 Cucchiarone 2020-06-28 14:28
Niente selfie. Espellere quelli che abitualmente vi dimorano, DDT a carrettate, impedire rientri aumm-aumm. Vigilanza e basta cazzate buoniste.
 
 
#5 malinconico 2020-06-28 06:34
e pensare che la stazione di gioia era un punto di riferimento funzionava tutto bar,edicola,biglietteria,sale di attesa che fungevano da ritrovo di molti giovani a fare chiacchiere senza rompere niente ora invece la modernizzazione ci ha portato a tutto questo non voglio immaginare il futuro come sarà in questo paese e italia ormai terra di nessuno.che dire.....GRAZIE POLITICI ITALIANI
 
 
#4 Immobile 2020-06-27 20:38
Nessun si muove!
 
 
#3 Theo84 2020-06-27 16:57
Accogliamo, accogliamo...
 
 
#2 Malpensante 2020-06-27 16:30
Salve,ma siamo proprio sicuri,al punto di mettere una mano sul fuoco,che sia la Sala d'Attesa???,o piuttosto dei locali ad uso del Personale Ferroviario??,non verrei che la segnalazione di un sedicente SOTUTTOIO ALLARMISTA,faccia prendere una sonora cantonata a qualche corrispondente,se non erro le sale d'Attesa,da cui si accede ai binari sono coperte da pensiline,i locali da me citati,NO!,se poi ogni qualsiasi avvenimento,debba essere usato per criticare e/o mettere in imbarazzo questa Amministrazione,consiglierei di collegare Cervello,se lo si possiede,al ditino che segnala.

La Redazione
In questo caso è del tutto evidente che la sala di attesa non è quella dei passeggeri bensì quella del personale viaggiante, come giustamente fai notare. E chi frequenta la stazione ferroviaria lo sa benissimo. Ma per evitare inutili equivoci, abbiamo provveduto ad aggiungere la "parolina magica" che però non elimina il problema. Quello cioè dell'evidente degrado in cui versa l'intera struttura, non solo la sala di attesa per il personale viaggiante. Basta guardarla, farsi un giro nel sottopassaggio, nella zona scarico merci o dei bagni, ma anche all’esterno per rendersene conto. Fare inutili precisazioni non sempre è da considerare un "buon viatico" per la soluzione dei problemi che i cittadini evidenziano. Nemmeno la permalosità o il voler chiudere gli occhi a tutti i costi, anche di fronte all'evidenza dei fatti, in questo caso delle immagini che mostrano impietose lo stato di degrado denunciato. Così come il voler fare a tutti i costi una distinzione tra i vandali, se extracomunitari o italiani, i vandali sono vandali e vanno contrastati oltre che individuati e allontanati, e possibilmente educati. Punto. E in merito non ci sono giustificazioni che tengano, a maggior ragione se utilizzate per difendere un evidente immobilismo amministrativo che perdura da anni ma sempre utilizzato per scalzare, politicamente, quelli in carica, ritenuti sempre inetti ed incapaci. Ecco, basta solo questo per capire che il cervello è ben collegato o c'è bisogno di altre dimostrazioni?
Saluti
 
 
#1 Impossibile 2020-06-27 15:08
È sicuro che è Gioia del colle?non credo! E allora perché non si fanno i selfie qui?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.