Giovedì 24 Settembre 2020
   
Text Size

Coldiretti Puglia: “caro prezzi frutta. Ciliegie perso 80% raccolto”

coldiretti aumentano prezzi frutta

coldiretti aumentano prezzi fruttaAddio ad un frutto su tre con il crollo del raccolto di frutta estiva, con la perdita fino al 80% di ciliegie in Puglia per colpa di gelate e trombe d’aria, che è destinato ad avere effetti sui prezzi al consumo. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base delle previsioni sul raccolto di frutta in tutta Europa di Europech per il 2020.

Si stima una produzione di pesche e nettarine ridotta del 28% e il quantitativo di albicocche – aggiunge Coldiretti - che risulta più che dimezzato rispetto allo scorso anno (-56%).

Si registrano tensioni sui prezzi dei beni alimentari che hanno fatto segnare un aumento medio del 3%, ma con punte che raddoppiano per i prodotti freschi. A pesare è la situazione climatica avversa che ha tagliato le produzioni sulle quali gravano i maggiori costi a carico delle aziende per garantire le misure di sicurezza anti-Covid e le preoccupazioni per la carenza di lavoratori per le raccolte che potrebbe comportare ulteriori perdite a carico dell’offerta delle produzioni agricole”, afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Per questo al Mercato contadino di Lecce, per rispondere alla crescita della domanda al consumo dcoldiretti aumentano prezzi fruttai frutta e ortaggi al prezzo giusto, gli agricoltori di Campagna Amica hanno puntato in Piazza Bottazzi su insalate, cicoria otrantina, bietole, spinaci, cicorie selvatiche, peperoni gialli, verdi e rossi, finocchi, cavolfiori, broccoli, ravanelli, zucchine con fiore e senza, melunceddhe (cocomeri/caroselli), fave verdi, piselli verdi, carote, fagiolini, sedano, pomodori insalatari, pomodori rossi a grappolo, carciofi, patate, melanzane, meloni gialli, quelli retati, fragole, nespole.

Una situazione drammatica nelle campagne destinata ad avere ulteriori e pesanti effetti anche sull’andamento dei prezzi per i consumatori che hanno fatto già registrare sugli scaffali incrementi che vanno dal +8,4% frutta al +5% per la verdura ad aprile secondo l’analisi Coldiretti su dati Istat che rileva aumenti anche per pesce surgelato (+4,2%), latte (+4,1%), salumi (+3,4%) pasta (+3,7%), burro (+2,5%), carni (+2,5%) e formaggi (+2,4%) per effetto dello sconvolgimento in atto sul mercato per le limitazioni ai mercati al dettaglio e ai consumi fuori casa con l’emergenza coronavirus.

Ai pochi centesimi riconosciuti agli agricoltori la forbice si allarga a dismisura al consumo – denuncia Coldiretti Puglia - come per esempio per i caroselli che da 1,20 euro al chilo nei campi il prezzo schizza a 3,80 euro al dettaglio con una forbice chcoldiretti aumentano prezzi fruttae segna il +217%, le fave novelle che da 0,40 euro pagati agli agricoltori vengono vendute a 2,80 euro al chilo con +600%, i carciofi con prezzi al dettaglio del + 591% rispetto ai campi, i piselli verdi che da 1 euro in campagna sono venduti al consumo a 4,50 euro al chilo, fino ai broccoli con una forbice del +400%.

Una crescita trainata dalla voglia di tornare in linea con più di 1 pugliese su 3 (39%) che si è messo a dieta per prepararsi alla prima prova costume dell’anno dopo il lungo periodo di lockdown durante il quale si è registrato un aumento medio in peso di almeno due chili. Soprattutto tra i giovani la maggiore attenzione al benessere a tavola si esprime con smoothies, frullati e centrifugati con frutta e verdura consumati spesso fuori casa che – sottolinea la Coldiretti - è venuta a mancare con chiusura obbligatoria di bar, pub e locali.

Il lungo periodo di chiusura – sottolinea la Coldiretti – ha pesato su molte imprese dell’agroalimentare Made in Italy, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche su salumi e formaggi che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco e sui quali gravano anche le difficoltà all’esportazione con molti Paesi stranieri che hanno adottato le stesse misure di blocco".

Ufficio Stampa Coldiretti Puglia
Teresa De Petro

 

Commenti  

 
#1 Nicola A. 2020-05-25 10:50
Leggo "pochi centesimi agli agricoltori ….. la forbice si allarga". Mi chiedo, come mai alcuni agricoltori e imprenditori agricoli che hanno un punto vendita dei propri prodotti li vendono ANCHE LORO a prezzi speculativi. Vero che alcuni sono "vittime" dei grossisti ma quando vendono direttamente dal "produttore al consumatore", sui prezzi di vendita, non scherzano neanche loro. Perché non vendono a prezzi concorrenziali lasciando i "compratori grossisti" senza merce?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.