Domenica 12 Luglio 2020
   
Text Size

W IL CIRCO... SÌ MA SENZA L’UTILIZZO DI ANIMALI!

circo senza animali

circo senza animali “Cara amica, caro amico,

che stai pensando di trascorrere qualche ora di svago al circo, magari in compagnia dei tuoi bambini o dei tuoi amici. Prima di oltrepassare le soglia del tendone ed immergerti in quello che sembra essere un mondo magico, ti invito gentilmente a fermarti un attimo e a dedicare un minuto del tuo prezioso tempo alla lettura di questa breve nota.

Il circo che stai pensando di visitare oggi, è un circo che dispone ancora di animali, per giunta esotici, quali tigri, dromedari e ippopotami (così come pubblicizzato sul sito stesso del circo in questione).

Tali animali sono esibiti e impiegati in alcuni numeri dello spettacolo proposto.

Questo breve testo ha lo scopo di informarti su qualche dato che siamo certi ora ti sfugcirco senza animalige:

- Gli animali impiegati nei circhi vengono addestrati con metodi violenti, che prevedono l’impiego di fruste, bastoni, arpioni, scariche elettriche, calci, pugni e altri metodi coercitivi (come ampiamente documentato da un gran numero di dossier e video che potrai facilmente trovare on line);

- Spesso agli animali vengono somministrate sostanze stupefacenti al fine di smorzarne l’aggressività, stordirli e renderli inoffensivi, tanto nel corso degli addestramenti, che delle “esposizioni” al pubblico;

- Quando i riflettori si spengono e lo spettacolo finisce, tu torni a casa, gli animali dei circhi NO!

Un paio d’ore di divertimento del pubblico pagante, costano agli animali del circo una vita di prigionia e di schiavitù, costretti a trascorrere la loro intera esistenza in gabbie – tir piccolissime, perennemente sballottolati da un luogo all’altro del mocirco senza animalindo, talvolta percorrendo anche tratte lunghissime e in condizioni climatiche, che nella maggior parte dei casi, non si confanno alla loro natura!

- Molti animali vengono ancora prelevati illegalmente in libertà, scambiati tra circhi come figurine di un album (senza tenere conto dei legami sociali che gli animali stabiliscono tra loro) o fatti riprodurre in cattività. Anche qualora gli animali non abbiamo mai conosciuto la libertà, questo non significa che la vita circense si adatti alla loro natura. La Federazione dei Veterinari Europei (FVE) ha divulgato nel 2015 una posizione ufficiale in merito, in cui dichiarava che: “gli animali di specie esotiche detenuti in cattività hanno la stessa identica genetica ed esigenze etologiche dei loro simili in natura, anche se nati e detenuti in cattività da diverse generazioni.”

- Gli esercizi cui gli animali sono costretti costituiscono per gli stessi una tortura e al contrario di quanto dichiarato dai circensi, non sfruttano la naturale tendenza alla giocosità degli animali. Questi ultimi sono forzati a compiere movimenti innaturali e ad assumere posizioni per loro dolorose e comportamenti che mai assumerebbero naturalmente allo stato selvatico. L’esigenza di piegarli alla volontà del domatore rende inevitabile l’uso della violenza di cui sopra!

- Se tutto questo non bastasse, anche nella remota ipotesi in cui gli animali venissero solo esibiti, anche allora si commetterebbe un sopruso! Negli spazi angusti in cui sono reclusi o costretti a viaggiare costantemente, privati della loro libertà, esposti come oggetti in vetrina, sotto riflettori abbaglianti e bombardati da musiche assordanti, gli animali impazziscono! Privati della loro natura, gli animali impazziscono! Ridicolizzati in numeri da clown, mortificati e umiliati con la paura, gli animali impazziscono! Ogni animale che percorre su e giù costantemente i pochi metri di una gabbia, che dondola su sé stesso, che compie movimenti schematizzati e ripetitivi, è un animale che è stato violato nel corpo e nello spirito. É un animale morto dentro! Siine consapevole quando lo osservi!

- Nel mondo quasi cinquanta Paesi hanno adottato leggi per vietare l’icirco senza animalimpiego degli animali nei circhi e in Italia è al vaglio una legge. Molti circhi non utilizzano più animali e i loro spettacoli non sono meno divertenti, anzi! Sono gli uomini che esibiscono le loro doti artistiche di acrobati, maghi, giocolieri, clowns e contorsionisti. Queste sì che sono abilità speciali da premiare e finanziare...mentre nessun merito né bravura vi è nel piegare un altro essere vivente alla propria volontà con la forza e la violenza! Pensaci! Grazie per il tuo tempo...

E BADA BENE: QUESTA NON É UNA CAMPAGNA ANIMALISTA, QUESTA É UNA CAMPAGNA DI CIVILTÁ!”

QUESTA NON É UNA CAMPAGNA A FAVORE DEGLI ANIMALI, É UNA CAMPAGNA A FAVORE DI UN’UMANITÁ MIGLIORE, A VANTAGGIO DI TUTTI!”

Grazie di cuore.

Ivana Guagnano
Ex Presidente della Sez. WWF Gioia – Acquaviva – Santeramo

 

Commenti  

 
#6 DX 2020-02-04 10:34
Se gli animali del circo potessero parlare, direbbero sicuramente:...MA FATEVI I "....." VOSTRI che noi qui stiamo bene.
Hanno tutto il cibo di cui hanno bisogno senza doverselo cercare, se si ammalano li curano, se fa freddo li coprono, se nevica non muoiono di freddo e di fame. Per quattro saltelli che gli fanno fare in pista (che gli fanno anche bene) vogliono toglierci lo spettacolo "PIU' UMANO" che sia mai stato inventato. VE L'HO GIA' DETTO..ANDATE A LAVORARE IN UNA BELLA MASSERIA CON TANTI ANIMALI, che non sapete neanche come sono fatte le galline.

La Redazione
"Lo spettacolo più umano" in che senso? A te piacerebbe vivere fino alla fine dei tuoi giorni rinchiuso in una gabbia o incatenato?
Saluti
 
 
#5 carnevale 2020-02-03 22:47
brava Ivana, grazie
 
 
#4 F.Giannini 2020-02-03 18:12
Brava, Ivana.
Vorrei ricordare che, anche su sollecitazione di alcuni consiglieri e di Associazioni come quella che rappresentavi, il 15 aprile 2004, ho convocato e presieduto il Consiglio Comunale in qualità di Presidente, e i consiglieri votarono positivamente un Ordine del Giorno: Divieto di attendamento per gli spettacoli ambulanti che utilizzano animali nei loro spettacoli.
Da allora, per qualche anno, a Gioia non hanno messo piede circhi che portavano al loro seguito animali, per le motivazioni che tu hai addotto.
Per permettere questo ritorno probabilmente una Amministrazione comunale successiva ha abolito quell'ordine del giorno!
 
 
#3 Mimmo Covella 2020-02-03 09:05
Sono completamente d'accordo con le cose scritte da questo articolo ! Basta utilizzare gli animali come oggetti di svago o di arredo delle proprie vetrine !
 
 
#2 Mara 2020-02-02 21:33
Gli animali del circo venuto a Gioia, non sono impiegati per fare spettacoli.
 
 
#1 Poorlydone 2020-02-02 17:35
Se ci fosse la possibilità d'indire un referendum per vietare l'uso degli animali, toglieremmo questa bega si nostri "indaffarati" deputati, e il mio voto sarebbe: SI.
Nessun animale deve essere maltrattato, soprattutto per fare divertire gli "umani".
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.