Sabato 24 Agosto 2019
   
Text Size

Una brutta esperienza all’Ufficio Postale di Gioia del Colle

ufficio postale gioia del colle

ufficio postale“In data 5 agosto 2019 mi sono recato all’Ufficio Postale di Via Ricciotto Canudo con un avviso di raccomandata da ritirare. Prenoto l’operazione all’ingresso, il distributore automatico mi dà un ticket col numero 96, l’orario stampato diceva 17:51. Fino alle 18.45 allo sportello n.3 adibito al ritiro delle raccomandate sono state servite solo 2 persone. Nello stesso tempo, veniamo avvisati che alle 19.05 scattava un’azione di sciopero, quindi gli sportelli non opereranno più e si ritornerà il giorno dopo.

Il tempo passava e il signore che veniva servito allo sportello n.3 stava lì da una buona mezz’ora. Mi avvicino allo sportello e chiedo all’impiegata: “scusa questo sportello è adibito per il ritiro o la spedizione di corrispondenza, state operando in tale senso o state facendo altro?” L’impiegata mi guarda e interdetta, mi fa segno verso il signore che veniva servito al momento, e mi fa capire che sta insiste con altro, difatti da parecchio tempo aveva in mano lo smartphone e discutevano sull’utilizzo di alcune applicazioni.

Allora incomincio ad alzare la voce e dico “scusate voglio sapere se a questo sportello si sta operando secondo l’indicazione del display oppure si sta facendo altro”. Immediatamente interviene una responsabile e mi chiede qual è il problema. Le rispondo che poiché allo sportello n.3 dalle 17.51 alle 19.00 sono state servite solo due persone, ho visto che si stanno facendo operazioni diverse da quello che dice il display. La responsabile senza rendersi conto se fosse vero mi dice: “come fa ad affermare questo?”. Le rispondo: “guardi sul ticket che ho preso al distributore automatico all’ingresso, c’è scritto: SPEDIZIONI, RITIRI E SERVIZI AL CITTADINO, possiamo verificare se effettivamente allo sportello 3 adibito a questo servizio si sta svolgendo questa attività?”

Messa di fronte al fatto si avvicina allo sportello n.3 e immediatamente si rende conto che stanno facendo altro. Mi viene risposto dicendo: “guardi, sicuramente prima hanno svolto un’attività inerente al servizio e solo in un secondo momento è stato chiesto dell’altro”. Mi arrabbio molto ma la cosa finisce li.

Dopo pochi secondi lo sportello si libera, perché le persone stanche di aspettare sono andate via. Oggi, nel tempo dell’era informatica dove tutto è accelerato al massimo, in un’ora e dieci minuti si servono solo due persone per il ritiro della corrispondenza, sono entrato che veniva servito il n.89, poi è stato servito il 91 e io col 96, gli altri stanchi di aspettare sono andati via.

Ma la cosa non finisce qui, consegno la cartolina a me intestata con su il numero della raccomandata da ritirare e l’addetta mi fornisce un modulo da compilare con tutti i miei dati. Mentre lo compilo l’impieginterno-ufficio-postaleata va a prendere la raccomandata e dispiaciuta si accorge che la raccomandata non è intestata a me e dice: è del condominio. Le chiedo: “ma porta il mio nome? Sulla raccomandata c’è scritto il mio nome e cognome?” Mi risponde di no. Allora chiedo: “ma al posto del nome cosa sta scritto?” Risposta: “condominio via XXXXX”.

Allora dico: “mi scusi, come si fa a compilare un avviso di ritiro di raccomandata mettendo su un nome che non corrisponde al reale?” L’impiegata mi risponde che l’errore è stato commesso dal portalettere. Strappo il modulo che avevo compilato e arrabbiatissimo vado via.

Ora mi chiedo: è normale tutto questo? E’ normale che la nostra cultura acquisita come gestore di un servizio pubblico, ci spinge a mentire pur di non ammettere che un’impiegata, non ha avuto il corretto comportamento professionale di dire ad un fruitore del servizio “questo sportello svolge il ritiro e la spedizione di corrispondenza”? E non voglio affrontare un principio per me prioritario. Cioè, che se entro in un ufficio pubblico alle 17.51 tutti quelli che entrano dopo devono essere serviti dopo di me.

Oggi invece regna la confusione totale, non si può protestare per le lunghe attese, perché se si fa notare che stai aspettando da ore e chi è entrato da poco viene servito prima di te, ti rispondono così: “non dipende da noi, il sistema viene gestito da Roma”.

Così, prima i governi nazionali hanno operato per il decentramento, in modo che si avvicinasse al cittadino chi prende le decisioni, poi si adottano sistemi per riaccentrare i poteri riallontanandoli dai cittadini”.

Carlo Antonio Resta

 

Commenti  

 
#23 gioiese 2019-08-10 15:56
Io vado sempre all'Ufficio Postale di Via Noci, lavorano sodo e sono veloci
 
 
#22 Hariscandra 2019-08-09 10:39
Per inviare un pacco 1.30 h, questa ė l'era informatica,servizio loose...... :o
 
 
#21 Gianni 2019-08-08 19:50
Capita spesso di fare una lunga fila e poi sentirsi dire di passare il giorno dopo...
 
 
#20 Giovanni allocca 2019-08-08 08:33
Purtroppo l'Italia ormai è gestita unicamente da personaggi che non amano l,Italia o il cittadino italiano , amano solo lo stipendio per altro esagerato rispetto a quel che fanno , percui a nessuno interessa più nulla e noi povere formichina operaie siamo allo sbando e subiamo le prepotenze di cdi chi , anche dietro un banalissimo sportello postale crede di poter fare ciò che meglio crede a suo favore o a favore dell,amico o parente....ci vorrebbe LUI..... che punisce chi fa sipprusi
 
 
#19 Segnalatore 2019-08-08 08:23
È successo anche a me: sportello impegnato,chiedo gentilmente un modulo per bonifico in bianco per poterlo compilare prima che scatti il mio numero è l'impiegata mi dice deve aspettare, ok aspetto nel frattempo chiacchierava del più e del meno... chiedo ad un altro impiegato che mi fornisce subito il modulo in bianco così posso compilarlo.Scatta il numero dall' impiegata precedente quando arrivo allo sportello prima di potermi servire si confronta con la collega di fianco su di un intero album fotografico di una serata che aveva sul suo cellulare, dopo averlo visionato e commentato giunge finalmente il momento del bonifico.
 
 
#18 Nicola A. 2019-08-08 07:28
X VITO MILANO. I “furbetti” come li chiama lei, prendono più numeri perché molte volte capita che una volta allo sportello ti rispondono “hai sbagliato, devi prendere l’altro numero e rifare l fila” Le sembra giusto? Qualche giorno fa dovevo sostituire una PostePay e presi il simbolo “1” poiché era una sola operazione. Arrivato il mio turno mi fu risosto che avrei dovuto prendere il numero con il simbolo “€”.
Praticamente ho rifatto la fila, allora molta gente, per non sbagliare prende più numeri. Osservazione; ma perché non far prendere un solo numero valido per qualsiasi operazione invece di ostinarsi a dover far scegliere un numero con un simbolo incomprensibile da molti? Sarebbe rispettata l’ordine cronologico di arrivo, si eviterebbe che più di qualcuno prenda più numeri e soprattutto, gli impiegati non potrebbero fare furbescamente (questo SI) operazioni per amici e parenti approfittando della mancanza del cliente allo sportello perché questi avendo preso un altro numero ha sbrigato le sue cose.
e oltre alle LUNGHE ATTESE aggiungo che è IMUNANO che in un Ufficio PUBBLICO ci siano SOLO 5 SEDIE.
 
 
#17 Piero A. 2019-08-08 07:11
Altro che alogaritmo e quando gli impiegati si fanno operazioni personali le fanno con l’alogaritmo?
Vi racconto quello che mi è capitato circa un mese fa. Avevo acquistato un oggetto e come punto di ritiro avevo scelto l’Ufficio Postale di vi Ricciotto Canudo, Mi arriva l’avviso che il pacco era in consegna e questo era confermato anche sul sito di Poste Italiane. Mi presento allo sportello 10, l’impiegato verifica il codice e va a prendere il pacco, usa il lettore ottico per scaricarlo e con sorpresa mi comunica che non può consegnarmelo perché il “sistema” non gli consente di farlo e che sarei dovuto ritornare il giorno successivo. Gli faccio presente che sarei andato fuori Gioia e visto che il pacco era lì, potevano darmelo, niente da fare. Rimango esterrefatto perché il pacco l’ho visto fisicamente ma non posso entrare in possesso, così ritorno a casa, stampo la pagina di Poste Italiane dove afferma che il pacco è in consegna e ritorno allo sportello. Inizia una discussione ed apprendo che poiché qualcuno ha caricato il codice del pacco in ritardo la consegna può essere fatto solo dal giorno dopo. Gli faccio presente, ancora una volta, che sarei stato fuori per un mesetto ma allo sportello furono irremovibili e persino la direttrice si mostrò ironica sulla mia richiesta. Gli facevo rilevare che il pacco sarebbe tornato indietro, la risposta fu che non era un loro problema. Feci reclamo attraverso il sito evidenziando l’incongruenza tra quanto dichiarato all’Ufficio di Gioia e quanto riportato sul sito. Dopo un po ricevetti risposta ma fu uguale alla favole che si racconta “Pulcinella chiamò a testimoniare la moglie”. Alla fine il pacco è tornato al mittente ed io ho avuto il rimborso ma rimango DELUSO da quello che è accaduto, sono cose da TERZO MONDO (senza offesa per il terzo mondo). Comunque non userò mai più come punto di ritiro l’ufficio Postale.
 
 
#16 gioiese 2019-08-08 06:47
non facciamo di tutte le erbe un fascio.prendiamo per esempio l'ufficio postale di gioia 2 via noci dove ci sono impiegati competenti disponibili e educati cosa da non poco al giorno d'oggi.
 
 
#15 Luigi 2019-08-08 00:56
A me è successo la stessa cosa all ufficio postale di Santeramo in colle (Bari) in 2 ore sono scattati solo 2 numeri per ritiro raccomandata impiegati e dirigenti vanno mandati a raccogliere i pomodori.
 
 
#14 Giusy ventrella 2019-08-08 00:06
Si, nel bel paese di Rodolfo Valentino è , quasi, sempre cosi.Impiegati che si assentano, numerazione bloccata, specie di pomeriggio, una vera e propria agonia Gioia no, non posso dire A, mi Son ritrovata con bancomat scaduto in giornata senza saperlo, è dovevo utilizzarlo in concessionaria, ed ero pure fuori sede! sono stati gentili e tempestivi nel risolvere il mio problema.trattata divinamente. Ancora mille, grazie!
 
 
#13 Ilaria 2019-08-07 23:09
Io ieri ho provato ad andare alla posta per una operazione unica....il numero ritirato era 187 e stavano al numero 111.. dopo un'ora.... 112!!!!! Me ne sono andata disperata..e oggi ho rifatto l'operazione a Bari, dove forse per fortuna, in 5 minuti ho fatto quello che dovevo!....
 
 
#12 Un sorriso 2019-08-07 19:54
Sono gioiese ma vivo in Friuli un giono mi reco all'ufficio postale del paese in cui abito. Era completamente vuoto, pertanto mi avvicino allo sportello e porgo l'avviso di giaciena.La addetta mi chiede il numero, io mi giro e nell'ufficio non c'era nessuno, ma proprio nessuno. Quindi chiedo perché, visto che non c'è nessuno e nessuno è entrato negli ultimi 5 minuti. L'addetta mi risponde purché è la regola. :lol:
 
 
#11 Gi 2019-08-07 19:06
Ormai stanno lì per proporre abbonamento telefono...ci guadagnano loro in primis
 
 
#10 Pinko 2019-08-07 18:14
Comunque sia ci sono uffici postali dove gli impiegati e direttori devono cambiare mestiere
 
 
#9 vito milano 2019-08-07 17:12
Invece di parlare degli operatori che fanno il loro lavoro e lo fanno bene parliamo dei furbetti che prendono 5 ho 6 numeri e fanno perdere tempo agli altri a vuoto
 
 
#8 #diritti umani 2019-08-07 16:28
È successo anche a me un mese fa, una donna in attesa, entro in posta alle 14,30 e educatamente aspetto il mio turno del numero preso(anche se avrei diritto alla precedenza) arrivano le ore 16,00 io stanca morta un caldo da non respirare, mi avvicino ad uno sportello e chiedo se posso operare visto le mie condizioni ero abbastanza stata paziente,e tutti i sportelli che operavano mi hanno risposto aspetti dietro qualcuno che sta operando e poi passi avanti, dopo due lunghe ore è stato possibile operare, è assurdo.. una posta con 9 sportelli cosi lenti e senza competenze.. a mio parere può chiudere immediatamente..
 
 
#7 segnalare 2019-08-07 16:27
basterebbe girare questo articolo sul link reclami del sito di poste italiane. Si potrebbe redazione?

La Redazione
Se l'autore, nonchè diretto interessato, è d'accordo, perchè no!
Saluti
 
 
#6 Ceres 2019-08-07 15:44
Volevo precisare che nn esiste più uno sportello dedicato...tutte le postazioni fanno tutto l unica cosa che nn so dirvi e la sequenza di scelta che credo sia automatica xke a me e successa una cosa simili ma su via noci avevo il biglietto da 1 operazione ma agli sportelli scattava sempre il numero generico passandoci avanti gente che era entrata molto dopo di me così che un operatore mi ha chiamato senza far scattare il numero
 
 
#5 Angelo + 2019-08-07 14:53
Per tutte le discussioni e il tempo perso in questo ufficio postale per me potrebbe chiudere domani mattina e sarei anche molto felice.
Continuo a non capire come nel 2019 si vada ancora a ritirare la pensione e pagare il bollettino postale.
Infine hanno milioni di prodotti che neanche i dipendenti sanno di che si tratta, le sim e le tariffe dei cell ci mancavano...... chiudete.
 
 
#4 Antonio 2019-08-07 14:51
Non esiste uno sportello dedicato ma un algoritmo dei numeri di prenotazione. Informatevi prima di insultare!!!

La Redazione
Anche per effettuare il cambio turno? Tutti gli sportelli sono collegati all'algoritmo? E se l'ufficio è semivuoto, l'algoritmo cosa calcola ma soprattutto come distribuisce? Forse sarebbe stato più opportuno riferire che per saltare la cosa basterebbe dotarsi della app poste italiane, questo ovviamente per i più tecnologici.
Saluti
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.