Domenica 16 Giugno 2019
   
Text Size

Meteo: “caldo afoso ma con improvvisi locali temporali”/video

Doppio-Nattacco-temporalesco-5619

meteo-diretta-perturbazione-050619“Nonostante la presenza dell'Anticiclone delle Azzorre abbia ormai trasformato l'atmosfera dalle caratteristiche prettamente estive su gran parte del Paese, non dobbiamo dimenticarci che siamo ancora agli inizi di giugno e l'assoluta stabilità atmosferica non sempre caratterizza questo periodo. Le note d'instabilità che si verificano soprattutto nelle ore pomeridiane, ne sono la chiara testimonianza. Il contesto meteorologico attuale non fa registrare particolari problemi praticamente su tutto il Paese ma nelle prossime ore, un'ostinata instabilità', farà scoppiare nuovi e minacciosi temporali.

Nel corso della mattinata il tempo continuerà a rimanere abbastanza tranquillo anche se assisteremo già ad un progressivo aumento delle nubi sulle regioni alpine. Altrove tanto sole in un contesto già abbastanza caldo e afoso. Sotto stretta osservazione invece saranno le ore più calde dunque quelle del pomeriggio quando nubi via via sempre più minacciose daranno luogo ad un vero festival dei temporali. Dapprima i fenomeni colpiranno esclusivamente i rilievi ma nel corso del pomeriggio, qualche audace temporale potrà spingersi verso le pianure limitrofe specie quelle piemontesi, lombarde ma anche sull'alto Veneto e in Friuli. Possibili rovesci lungo le vallate più meridionali del Trentino. Sul finire del pomeriggio, altri rovesci temporaleschi potranno colpire alcune zone del Sud Italia specie i monti della Puglia centrale, la Basilicata e l'area appenninica al confine fra Abruzzo e il Molise.

Davvero pochi invece saranno i cambiamenti sul resto del Paese dove l'Anticiclone delle Azzorre continuerà a dispensare parecchio sole e temperature in graduale ascesa con clima che tenderà probabilmente a divenire sempre più caldo nel corso della settimana specie a cavallo del prossimo weekend”.

[ilmeteo]

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI