Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

Piccoli spingitori della IV E Via Eva primi al Palio delle botti-foto

piccoli spingitori vincitori palio delle botti

piccoli spingitori vincitori palio delle botti I piccoli spingitori della IV E, dell’insegnante Angela Verrelli, della scuola primaria Via Eva appartenente all’istituto comprensivo Losapio-San Filippo Neri, hanno stravinto la tappa del campionato Palio delle Botti organizzato da Claudio Santorelli, all’interno del contenitore della manifestazione.

Oltre alla corsa delle botti fra le città del vino primitivo, condotta dagli adulti, Santorelli ha avuto l’intuizione, ben riuscita, di far concorrere in una gara nella gara gli alunni delle quarte elementari dei due istituti gioiesi. Nel 2017 il cencio è stato vinto dalla Scuola Mazzini, quest’anno, invece il dirigente scolastico Raffaele Fragassi porta a casa il primo posto, grazie alla botte ed ai suoi alunni spingitori Donato Boscia, Mattia Dpiccoli spingitori vincitori palio delle bottie Palma e Fulvio La Gala.

Gara senza storia, infatti, con la squadra IV E di Via Eva, insegnante titolare della classe l’insegnante Angela Verrelli, che ha progressivamente aumentato il suo vantaggio in gara, al punto che nella parte finale i piccoli spingitori, tra una spinta alla botte e un’altra, hanno trovato il tempo anche per salutare il pubblico.

La botte raffigura l’amore tra Federico II e Bianca Lancia, ed è stata realizzata con la collaborazione di Antonio Milano.

Il tema, ispirato dai racconti del docente dell’Università di Bari Daniele Giancane, racconta come il fato fece incontrare l’Imperatore Federico II con Bianca Lancia, figlia del conte Bonifacio d’Agliano, che a soli quindici divenne la sua sposa, e che una leggenda vuole che presso il Castello di Gioia del Colle Bianca fosse stata tenuta prigioniera a causa della gelosia dell'imperatore, che la rinchiusa nella torre per aver commesso un presunto adulterio.

Di grande impatto e di ispirazione per la realizzazione dei disegni sono state le letture di Giancane che descrive Federico II di Svevia rapito “a sua volta dalla bellezza, ma soprattutto dalla dolce innocenza che solo in quell’acerbo frutto avrebbe potuto trovare. Un amore tutto da inventare, un amore da costruire al pari della bellezza, della magia, dell’incanto dei suoi mirabili castelli”.

Commenti  

 
#5 Mah! 2018-08-13 15:36
Distrugge tutto anche un gioco dei bambini. Naturalmente parlo dell'unico personaggio moltiplicatosi in quattro......
 
 
#4 bravi 2018-08-13 11:39
bravi bravi bravi nella vita bisogna saper spingere le botti,tutto il resto non serve a niente.......
 
 
#3 Obiettivo 2018-08-12 20:00
BRAVI! BRAVI! BRAVI! Continuate con impegno a "spingere" le vicende della vita verso traguardi eccelsi.
 
 
#2 Perplesso 2 2018-08-12 17:27
Comunque visto che era una gara di bambini un plauso a tutti i bambini partecipanti....
 
 
#1 Perplesso 2018-08-12 17:23
Parlare di vittoria senza storia mi sembra esagerato visto che hanno vinto per 2 secondi sulla seconda botte e per 3 secondi sulla terza... e poi alla Mazzini hanno partecipato anche le bambine...dov' erano quelle della S.F. Neri?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI