Sabato 21 Luglio 2018
   
Text Size

Meteo. “Temporali e grandinate ovunque. Poi ondata di freddo”

831A54BF-23FE-4F08-9454-5393642672D1

aria-scandinava-crollo-termico-21618“Il nostro Paese ormai abbandonato persino da quell’Anticiclone delle Azzorre una volta amico, sta per essere invaso dall’aria fredda di origine scandinava che avrà vita facile,superando senza ostacoli e senza nemici quell’altipiano del Carso ripetutamente incapace, in passato, come ora, di difenderci, gettandosi infine nel Mediterraneo sottoforma di Bora.

Ma già qualcosa cambia, e prima del previsto, e in modo talmente rapido da risultare imprevedibile, sì perché nessuno ammetterà facilmente che nonostante i satelliti, nonostante le elaborazioni fisico matematiche, rimarrà sempre quella parte caotica dell'atmosfera, e del nostro Mondo, impossibile da comprendere e che per certi versi ci fa capire di essere piccoli, ma soprattutto umani e vivi e probabilmente è solo questa imprevedibilità della Natura che può ancora darci un pizzico di felicità.

I temporali nasceranno subito come funghi sulle Alpi e sulle Prealpi centro orientali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia pronti ad invadere le pianure, altri sull’Appennino centrale laziale e abruzzese puntano a Roma, non certo per conquistarla, avendo perso già da tempo la nostra amata Capitale le ambizioni più imperialiste, ma per portavi grandine e colpi di vento; così pure in Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e su tutta la Sicilia dove sussiste pure il rischio di quelle che i giornalisti chiamano bombe d’acqua, ma che altro non sono che fenomeni violenti, termine di sicuro inferiore impatto mediatico. E infine i nubifragi prenderanno alla sprovvista la Sardegna, un tempo siccitosa, oggi più verde, purtroppo o per fortuna, per via degli improvvisi e grandinigeni acquazzoni. Dove colpiranno i temporali esattamente è difficile saperlo, ma dove le grandinate saranno più violente è veramente impossibile”.[ilmeteo]

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI