Giovedì 18 Ottobre 2018
   
Text Size

Bonifica amianto 1° Carraro Procino. Scrive Vito Mastrovito

bonifica amianto 1° carraro procino

bonifica amianto 1° carraro procino “Con soddisfazione avevo letto il comunicato stampa del il 24 aprile a firma dell’Assessore alla Qualità dell’Ambiente, dell’Assessore all’Urbanistica e del Sindaco, avente ad oggetto “Bonifica da amianto ed altri rifiuti illecitamente abbandonati”. Tra i siti che risultano bonificati, figura anche 1° Carraro Procino, il cui stato di degrado, risalente già a dicembre scorso, consisteva in una breccia aperta da ignoti nel muro di cinta dell’ex discarica di via Noci (messa in sicurezza una decina d’anni fa) con conseguente abbandono a cielo aperto, nell’area interna, di ogni tipo di rifiuti. All’esterno della stessa, lungo il 1° Carraro Procino, invece era stata ammassata una discreta quantità di lastre prefabbricate, parti di canne fumarie (di eternit?), buste di rifiuti vari e perfino un elettrodomestico fuori uso.

La notizia della bonifica, pubblicata anche su Gioianet del 24 aprile, non poteva che suscitare plauso e soddisfazione. Il 25 aprile mi sono recato in via 1° Carraro Procino dove ho provato una profonda delusione: tutto era rimasto come nei 5 mesi precedenti, nessuna bonifica e aumento di rifiuti all’interno e all’esterno del muro di cinta. Essendo un giorno festivo, ho pensato che l’operazione sarebbe stata eseguita il giorno successivo. Sono ritornato tutti i giorni seguenti fino a stasera, pieno di speranza, ma la situazione è tutt’ora immutata. Cosa può essere successo? Chi sta barando? e perché?

Allego alcune foto significative scattate oggi pomeriggio, 30 aprile, a distanza di 6 giorni dal trionfante comunicato stampa in modo che ognuno possa rendersi conto della grave situazione e intervenga o per bonificare nell’immediato la situazione descritta, oppure per rettificare il comunicato.

Fiducioso in un positivo riscontro, saluto cordialmente”.

Vito Mastrovito

-------------------------------

 La risposta dell’assessore Paolo Cantore

“Gen.mo prof. Mastrovito, ringraziandola per la cortese quanto acuta segnalazione, cogliamo favorevolmente l’occasione da Lei offerta per chiarire quanto segue:bonifica amianto 1° carraro procino

Il comunicato richiamato, datato 24 aprile, richiama a sua volta la Relazione nota prot. 10108 del 4 aprile 2018, avente ad oggetto «Rifiuti speciali (lastre in fibro-cemento) abbandonati in agro di Gioia del Colle e sulla viabilità a servizio del vettore idrico AQP denominato “Gioia-Bari”», all’uopo redatta dal Direttore dei Lavori incaricato.

Gli interventi sono risalenti alla seconda decade di dicembre 2017, dal 13 al 16 dicembre per l’esattezza e al 2 marzo.

Citando testé la relazione, ovvero prendendo in esame la sez. «Ulteriori siti bonificati», si legge «Nell’arco dell’intero intervento di bonifica, durato più giorni, sono state ricevute segnalazioni circa la presenza di ulteriori e numerosi siti contaminati da materiali contenenti amianto nel territorio del Comune di Gioia del Colle. Tali siti non erano stati precedentemente oggetto di ricognizione in quanto il materiale è presumibilmente stato depositato a posteriori rispetto a quella fase o, data la vastità dell’area in oggetto, sono comprensibilmente sfuggiti ai precedenti sopralluoghi». Tra i siti riportati vi è 1° Carraro Procino (coordinate 40°47'47.9''N, 16°59'10.9''E).

1° Carraro Procino ha un’estensione di circa 2 km. Il punto da Lei indicato è precedente, provenendo da Carraro Piscina Mezzo dei Terzi, rispetto al sito già oggetto di bonifica e i due punti sono distanti circa 1,15 km.

Pertanto risulta ragionevole, oltreché in buona fede, pensare che gli abbandoni segnalati risulterebbero postumi rispetto agli interventi di bonifica, in quanto non censiti né durante la prima né durante la seconda fase che, tra l’altro, ha visto proprio l’inserimento del sito sopracitato, più distante e verso l’entroterra, di 1° Carraro Procino.

Sarà presto comunicata al Comando di Polizia Locale ed all’Ufficio Tecnico Comunale la Sua segnalazione, per permettere l’avvio dell’istruttoria routinaria. Resta intesa la massima disponibilità di questa Amministrazione ad incontrarLa per qualsiasi ulteriore delucidazione, anche per esporre la documentazione fotografica in nostro possesso.

Ringraziandola per la fattiva collaborazione, l’occasione è gradita per porgere cordiali saluti”.

Assessore alla Qualità dell’Ambiente
Paolo Cantore

bonifica amianto 1° carraro procino

Commenti  

 
#7 DAParadiso 2018-05-06 11:28
L'arroganza del potere!!! La solita storia: a fatti documentati si risponde con un giro di parole. Bastavano poche righe senza "contorsioni": ci scusiamo per il disguido, provvederemo immediatamente a bonificare il sito in questione. L'assessore poi mi ricorda un giovane ex sindaco, egli infatti su una parola....recitava una filastrocca, però sapeva anche chiedere scusa. La lettera degli assessori e sindaco, chiude l'argomento con un "vienimi a trovare e ne parliamo de visu". Il problema non è decennale come si vuole far credere. La causa recente dipende dal fatto che è stata realizzata una breccia all'esistente recinto, attraverso il quale degli irresponsabili si sentono autorizzati a sversare di tutto e di più. Supponenza e vittimismo, dopo dopo due bilanci comunali ancora in alto mare, le colpe sono sempre da addebitarsi alle precedenti amministrazioni ed ai due commissari: si parla ancora, a sproposito di debiti fuori bilancio, le buche perchè le strade realizzate da mussolini furono costruite male,loro disponevano di oneri di urbanizzazioni e noi no, per colpa delle precedenti quarantennali amministrazioni non possiamo contrarre mutui, non possiamo realizzare il sottovia su via Dante per colpa della vecchia amministrazione, le strutture sportive non sono utilizzabili sempre per colpa dei nostri avi. Siamo sfortunati perchè alcuni responsabili dell'UTC e del bilancio dopo qualche mese scappano via, ecc, ecc, ecc. Inoltre, in merito alla FAKE NEWS dei quattro milioni che sarebbero serviti per rifare le strade di Gioia l' attuale amministrazione non ha ritenuto necessario smentire se stessa. Chi ha fornito la FAKE NEWS alla stampa?? Per il solo fatto di aver contestato il contenuto dell'articolo, è stata questa la risposta personale fattami pervenire da un alto rappresentante di questa amministrazione: "ingratitudine? E verso chi? Verso te? E perchè mai? Ti devo qualcosa?( mi devi tanto e mi fermo qui) Devo il mio ruolo a te o a Vito?. E poi ancora: "quello che sono lo devo alla tanta gente delle .....che non conoscono te e .....Ecco perchè sono supponenti ( io sono io e voi non siete un C...o). Noi di SeP siamo stati fregati!! e non vado oltre. mi fermo qui perchè la risposta sarebbe troppo lunga e molto articolata. Purtroppo l'ingratitudine è proprio di questo mondo. Insomma, un cattivo esempio per il giovane assessore. Nonostante tutto...spero che tutto possa procedere per il meglio.
 
 
#6 Rosicate 2018-05-05 18:43
Questa Amministrazione Lucilla e' l'unica che lo fa. Punto!
 
 
#5 DX 2018-05-05 08:57
Rassegnamoci al fatto che con La Giunta Lucilla, un lavoro ben fatto non lo vedremo mai. Io vedo solo abbozzi, accenni,tentativi...mai un'opera veramente compiuta dall'inizio alla fine, MAI. E c'è chi continua ostinatamente a dargli "OTTIMO".
 
 
#4 Vito Donato 2018-05-04 09:17
La tecnologia offre un servizio brillante. Se le istituzioni acquisissero le vecchie immagini satellitari e le confrontassero con le immagini recenti, noterebbero che "molti" hanno fatto cambiamento ai tetti delle abitazioni oppure rimosso cisterne di eternit. Pertanto potrebbero fare una verifica con i proprietari dell'immobili chiedendo la fattura di smaltimento dell'amianto. Non è giusto che i costi delle bonifiche ricadono sui contribuenti "onesti".
 
 
#3 LINGUAGLOSSA 2018-05-03 12:34
Un plauso al prof. Vito Mastrovito e alle persone che, come lui, con viva coscienza civica, sollevano quotidianamente le eventuali inadempienze o le operazioni da completare da parte delle autorità comunali competenti ! Condivido appieno il suo gesto di far emergere questa criticità online perchè le "denunce" dei cittadini sul web rendono più solerti gli amministratori a porre riparo alle situazioni incompiute !

La Redazione
Il prof. Vito Mastrovito ha scritto ne fatto notare ben altro. Senza contare che di discariche a cielo aperto nel nostro vastissimo territorio ce ne sono a decine, e da decenni, non da ieri.
Saluti
 
 
#2 Dario 2018-05-02 20:17
Ma Vito Mastrovito non va mai dai vigili? Anche lui fa le denunce su "feisbuk"?
Ottimo Cantore!
 
 
#1 masi remo 2018-05-02 17:12
Buonasera Sig Assessore Dott. Paolo CANTORE,vorrei far mio il vostro invito a contattarmi;Già la momento della Pubblicazione della notizia,in cui si affermava che la raccolta dell'Eternit era stata ""COMPLETATA"",commentavo esattamente così:"Completata??",e il Signor Stoppini mi è testimone,qualora lo volesse può contattarmi tramite Messenger,sono su Facebook,ed a mie spese farò mio l'onere e l'onore di farvi visitare e visionare Luoghi ove il famigerato Eternit e non solo,è abbondante e lì abbandonato,non da mesi,ma da anni!!,felice sera!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI