PER AVERE UNA PELLE PIU' LISCIA E SETOSA

occhi_chiusi2

lions-gioiaQualche giorno fa, presso l'Hotel Svevo, il Club Lions Monthe Johe ha tenuto una conferenza sui trattamenti estetici. Sul tema del meeting ha relazionato il professor Alfredo Musajo Somma, docente di Chirurgia Estetica all'Università di Bari.

Di seguito il pensiero di una giovanissima “penna”, Jole Chiarelli, sull’argomento.

“Tutte le donne lo sanno bene: alzarsi la mattina e veder di giorno in giorno estendersi quella “ragnatela” di piccole o grandi rughe sul viso, non è un bello spettacolo. La soluzione più scontata è per molti (anche i maschietti non sanno resistere alle tentazioni “estetiche”) una bella visita dal chirurgo plastico. E’ molto facile cadere nella trappola di un lifting, di un trattamento laser o di un’iniezione di botulino, a prescindere dal costo.

blefaroplasticaChiunque vorrebbe una pelle più liscia e setosa come quella di un bambino, ma spesso si esagera. Ed ecco sessantenni con la pelle del viso talmente tirata da non poter ridere e parlare in totale libertà, labbra-canotto e seni rifatti.

Già, sembra incredibile, ma per una signora che ha superato i 60 la massima aspirazione non è più quella di vincere il torneo di burraco con le amiche o di cucinare il ragù migliore del mondo, ma avere un seno nuovo. Quando si va al mare, di certo non si può esibire un corpo flaccido come un budino e un seno che sembra un sacchetto di carta stropicciato… E pensare che una volta le rughe erano simbolo di saggezza!

rifatte2Le “rifatte”, poi, non sono difficili da scovare, basta fare un po’ di attenzione. Allora si notano cicatrici quasi impercettibili, piccoli arrossamenti (se l’operazione è recente), ma la cosa più sconcertate è vedere un viso perfettamente levigato e, a partire dal collo, la pelle raggrinzita come fosse una di quelle tende in mussola leggerissima che formano migliaia di pieghette.

Molte potrebbero pensare: “Se ho la possibilità di essere più bella, perché non dovrei farlo?”, è una domanda enigmatica, che merita una risposta basata sul buon senso. Le operazioni di chirurgia estetica, anche le più banali, sono pur sempre operazioni e un minimo errore può essere fatale. Una sign48da407118ee9_normalora del Centro-Nord, ad esempio, voleva eliminare le rughe intorno agli occhi e, a causa di un’infezione contratta in sala operatoria, è diventata cieca. Non è normale rischiare la vista o peggio per pura vanità!!!

Le rughe possono essere viste in tanti modi, giusti o sbagliati che siano: le disegna il tempo se si è fortunate con tratto lieve, altre volte sono incise dalla sofferenza, dalla fatica e il loro solco è più profondo, comunque sono parte della propria vita, eliminarle sarebbe come bruciare vecchie foto e rinnegare i giorni vissuti…o peggio… fingere anche con se stesse di non averli mai vissuti, in un eterno, plastificato “fermo immagine!”