Giovedì 30 Giugno 2022
   
Text Size

GIOIANET SI CONGRATULA CON HAFIDA FARIDI PREMIATA A TORINO

hafida-faridi-premiata

hafida faridi libri-premi Hafida che con Gioia non ha mai reciso i legami, il 12 maggio sarà ospite del Salone Internazionale del Libro 2014 per la presentazione di “Lingua Madre Duemilaquattordici - Racconti di donne straniere in Italia” (Edizioni Seb27), nel quale è inserito il suo «Mendicante d’identità».

A premiarla insieme all’ambasciatore del Marocco anche il sindaco di Gioia Sergio Povia, il quale per l’occasione ha dichiarato: «Un riconoscimento di grande importanza nel segno dell’integrazione razziale, della dignità delle donne e della pacifica convivenza tra i popoli».

Il suo racconto ha vinto quest’anno il Premio Speciale Rotary Club Torino Mole Antonelliana del IX Concorso letterario nazionale Lingua Madre, con la seguente motivazione: «Il testo si contraddistingue dagli altri per aver affrontato in hafida faridi libri-premitono letterario, e utilizzando spesso un linguaggio metaforico, il tema della perdita di identità che affligge spesso chi emigra, inseguendo un sogno, in un altro paese e si ritrova a fare i conti con il disincanto ed il senso di estraneità che ne consegue. L’autrice è stata in grado di trasmettere più di altri il senso di smarrimento che vive chi lascia la propria cultura e le proprie tradizioni, trovandosi a vivere una condizione di doppia estraneità: straniero in un altro Paese ed alieno al rientro in Patria».

Il Concorso letterario, ideato da Daniela Finocchi, nasce nel 2005 e trova subito l’approvazione e il sostegno della Regione Piemonte e del Salone Internazionale del Libro di Torino. Il Concorso è diretto a tutte le donne straniere che vogliono approfondire il rapporto tra identità, radici e il mondo “altro”. Un esempio significativo delle interazioni che stanno ridisegnando la mappa culturale del nuovo millennio e testimoniare la ricchezza, la tensione conoscitiva ed espressiva delle donne provenienti da “altri” Paesi.

Un’opportunità per dar voce a chi abitualmente non ce l’ha, agli stranieri, in particolare alle donne. Tutto questo nello spirito della valorizzazione dell’intreccio culturale che è prima di tutto intreccio relazionale.

Gioia ha avuto l’onore di ospitare dal 1997 al 2012 Hafida Faridi e la sua famiglia. Da due anni si è trasferita nel nord per cercare di realizzare un sogno: un lavoro da mediatrice culturale e un futuro per i suoi tre figli.

Hafida ha molto amato Gioia, città che l’ha accolta giovane sposa e nella quale ha dato alla luce i suoi bimbi. Qui ha composto i suoi primi versi, presentato il suo primo libro “Quando il silenzio parla - il balsamo dei cuori”, edito Stampa Sud, posto la prima pietra per il cimitero islamico e costruito «ponti» tra le due culture… una preziosa risorsa umana, poetica e interculturale di cui tutti sentiamo l’assenza.

Peccato che nessuno abbia compreso il suo bisogno di stabilità e l’abbia aiutata consentendole di lavorare.

“Voglio che sia universale il messaggio hafida faridi libri-premipoetico - confessa con emozione Hafida durante la presentazione della sua prima opera - per questo ho scelto che sia l’uomo a parlare nei miei versi, lo straniero, l’emigrante, il compagno…”.

Hafida ha un dono, sa costruire relazioni, mediare, interagire su livelli che sfiorano i precordi, sa smussare diffidenze, pregiudizi, parlare al cuore in qualunque contesto ed esser compresa.

Questo suo “svelarsi” attraverso il più intimo dei linguaggi, questo suo dar voce al “silenzio” -eterno hijab inconsapevolmente indossato nel momento in cui si sceglie di non aprire il cuore per pudore, timore di esser incompresi - questo voler quasi ripudiare il suo esser donna - in realtà sublimandolo - per declinare al maschile l’umana sensibilità, appartengono alla sua cultura.

Hafida Faridi nasce a Marrakech, in Marocco nel 1968 e dal 1997 vive a Gioia del Colle con suo marito, Abdeljalil Sakini e i shafida faridi libri-premiuoi tre figli. Dopo la maturità prosegue gli studi presso l’Università magrebina, frequenta per un biennio la Facoltà di Letteratura francese e consegue il diploma specialistico presso l’Istituto Internazionale del Turismo di Tangeri. In Italia ha operato in qualità di mediatrice culturale e docente di Lingua araba in progetti didattici e collaborato con la Gazzetta del Mezzogiorno, curando una rubrica sul mondo arabo: “Lune nuove”.

In veste di ospite e relatrice è stata invitata a incontri e meeting organizzati dal Lions Club Monte Johe e dal Rotary Club Acquaviva - Gioia, con interventi su tematiche legate alla religione, alla cultura e all’immigrazione. Ha anche partecipato al Seminario nazionale di Assisi sul tema “Federico II e il rapporto con l’Islam”, al terzo Seminario Ecclesiale Regionale di San Giovanni Rotondo e al programma televisivo “Il Graffio” di Telenorba.

Ha, inoltre, collaborato alla redazione di un quaderno di identità territoriale del Comune di Gioia del Colle sul Cimitero Islamico ed è presidente dell’Associazione italo-araba “Aafak - Orizzonti” e membro del Forum del Mediterraneo e dell’Associazione interreligiosa diocesana “Mai senza l’altro”.hafida faridi libri-premi

Di seguito i link di alcuni articoli pubblicati su di lei .

HAFIDA FARIDI SU RAI3 A “BUONGIORNO REGIONE PUGLIA” -foto-

HAFIDA FARIDI LANCIA “UN MESSAGGIO POETICO UNIVERSALE”

INAUGURAZIONE NUOVO CIMITERO ISLAMICO DEL SUD -foto-

HAFIDA FARIDI – LA POESIA DEL MONDO ARABO

ROTARY: DONNA NELLE TRE RELIGIONI MONOTEISTE

AD HAFIDA FARIDI IL PREMIO “IGNAZIO CIAIA”

"EUROPA E ISLAM" IN DIALOGO AL CANUDO

http://www.maroccoggi.it/2014/05/08/tre-donne-marocchine-premiate-al-concorso-lingua-madre/

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.