Mercoledì 20 Novembre 2019
   
Text Size

“LA CITTÀ IDEALE” IN “GIUSTIZIA E LEGALITÀ” AL S. CUORE

giustizia e legalità sacro cuore

Mercoledì 12 marzo 2014 si è svolto giustizia e legalità sacro cuorenel cine-teatro Sacro Cuore il quinto incontro del percorso interparrocchiale di Azione Cattolica dedicato alla giustizia. Tema della serata "Giustizia e legalità" affrontato con l'aiuto di don Filippo Ferlita, cappellano militare del 36 Stormo e don Mario Natalini, parroco del Sacro Cuore. Era prevista anche la presenza del giornalista RAI Enzo Quarto, direttore della scuola di comunicazioni sociali "don Vito Marotta", trattenuto in extremis da impegni di lavoro.

La prima parte della serata è stata dedicata alla visione del film "La città ideale" di Luigi Lo Cascio. Protagonista del film l'architetto siciliano Michele Grassadonia, fervente ecologista, trasferitosi a Siena per promuovere un progetto di risparmio energetico che mira alla costruzione di una città ideale dal punto di vista ambientale. Un personaggio quasi maniacale nel suo impegno per la raccolta differenziata e la lotta agli sprechi energetici, tanto da suscitare le lamentele dei suoi colleghi di lavoro. Una sera, mentre va a prendere una sua collega per accompagnarla a una cena, usando una macchina ecologica presa in prestito da un amico, qualcosa gli attraversa la strada, facendogli perdere il controllo della macchina e terminare la corsa contro un'altra vettura. Dopo l'urto, l'uomo scende prontamente dla città ideale filmalla macchina e torna indietro per capire cosa abbia urtato, ma non trova niente. Riparte, dopo aver lasciato un biglietto con i suoi dati sul parabrezza dell'auto danneggiata e dopo un po' nota un oggetto ingombrante sul bordo della carreggiata. Torna indietro per spostarlo ed evitare pericoli per gli automobilisti e si rende conto che si tratta di un uomo ferito. Prontamente chiama i soccorsi e inizialmente viene osannato dalla stampa per la sua meritoria opera di salvataggio.

Il suo atteggiamento apparentemente ambiguo e reticente mette in allerta le forze dell'ordine che cominciano addirittura a sospettare  che possa essere lui l'investitore dell'uomo soccorso; di qui l'inizio di una vicenda giudiziaria paradossale, complicata dalle sue ferree regole morali che gli impongono la ricerca della verità ad ogni costo.

Al termine della proiezione, che sembrerebbe quasi suggerire la pericolosità di aiutare gli altri e il rischio di trovarsi coinvolti in vicende spiacevoli, don Filippo ha ricordato le proprie origini siciliane e i pregiudizi che spesso accompagnano le regioni del sud, considerate solo terra di mafia, camorra, ndrangheta e criminalità in genere. Purtroppo oggi sta emergendgiustizia e legalità sacro cuoreo che tali realtà deleterie non siano propri circoscritte solo alle regioni meridionali, ma anzi oggi tendano a sviluppare i propri affari in ogni zona della penisola e del mondo. Contro la comoda tendenza all'indifferenza e al disimpegno, don Filippo ha ricordato alcuni testimoni della legalità (i giudici Falcone, Borsellino e Livatino, padre Puglisi e tanti altri), evidenziando come spesso emerga l'indifferenza rispetto alle vicende che coinvolgono gli altri mentre noi invece vorremmo aiuto e comprensione.

Non serve una città ideale, ma cittadini ideali. Noi cosa siamo disposti a sacrificare in nome della legalità, della verità? - ci ha chiesto infine in maniera provocatoria. Don Mario ha ricordato di aver cominciato proprio a Palermo il proprio cammino sacerdotale, invitando tutti ad essere assetati di giustizia e ricordando l'esempio di don Luigi Ciotti e di una la chiesa che lotta per la giustizia. Spesso invece siamo solo spettatori indifferenti invece che impegnarci per la giustizia. Non solo la nostra, quella che ci fa comodo.

L'ingiustizia può anche essegiustizia e legalità sacro cuorere colpa nostra, nascere dalla nostra paura di testimoniare. Bisogna superare l'indifferenza, l'apatia. Come cattolici dobbiamo lottare per una chiesa più giusta e come cittadini costruire una società più giusta. Non basta criticare gli altri; occorre anche fare autocritica. Il Regno viene se anche noi collaboriamo. Nel primo intervento che ha aperto il breve dibattito una ragazza ha evidenziato come nel film emergano un senso di persecuzione, quasi di martirio del protagonista e l'interrogativo se si possa avere fede nella giustizia.

Una giustizia che perseguita gli innocenti e uomini di legge che consigliano il patteggiamento piuttosto che la ricerca della verità. La fede ci invita alla giustizia. Dobbiamo fidarci di Dio e poi avere un atteggiamento di denuncia: individuare le cose che non vanno, valorizzando quel che c'è di buono. Annunciare le cose che funzionano, sapendo rinunciare ad alcune cose, agli sprechi, in un atteggiamento volto alla custodia del Creato.

Papa Francesco ha detto che il laico deve essere discepolo e missionario insieme. La parrocchia deve essere aperta al dialogo, non ci si deve chiudere nel proprio orticello. I laicifilippo-de-bellis devono riscoprire il compendio della Dottrina Sociale della Chiesa, bussola per orientarsi nella società. Gianni Fraccalvieri, ha ricordato il recente omicidio a Gravina di Pietro Capone, semplice cittadino impegnato per la legalità, evidenziando quanto questa triste vicenda e quella raccontata nel film ci interroghino come cittadini.

Il rispetto delle leggi è un principio fondamentale. Paragonando il protagonista al buon samaritano, ha ricordato che il Vangelo ci sprona a vivere e a batterci per la giustizia. Ma quali contenuti e valori dobbiamo dare al nostro essere cittadini? Filippo De Bellis ha commentato che spesso cerchiamo la città ideale fuori da noi, lontano dal nostro paese come il protagonista del film (finché non c'è qualche incidente di percorso).

Vediamo sempre il meglio che c'è altrove invece di costruire la città ideale. Ribadita l'importanza di conoscere la Dottrina Sociale della Chiesa, gli strumenti che dovremmo avere e i frutti che già ci sono nella società. Occorre conoscere i pericoli, sapere che l'impegno può essere rischioso mentre il disimpegno, il non fare niente non comporta rischi. Perché cambi qualcosa  bisogna lottare fino in fondo pur sapendo di correre dei rischi.

L'ultimo intervento ha sottolineato le scelte ecologiste controcorrente del protagonista del film, la sua rinuncia al possesso di un'auto paragonandole a quelle di Papa Francesco in coerenza con uno stile di povertà evangelica.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.