Mercoledì 20 Novembre 2019
   
Text Size

ADRIANO LOPORCARO, GIOIESE, MENZIONATO SU L’ESPRESSO

car sharing in italia

car sharing in italiaIl car sharing, è un mercato che sta prendendo sempre più piede anche nel nostro paese, con iniziative pubbliche, private, oppure anche attraverso collaborazioni tra pubblico e privato.

Di questo fenomeno da anni si interessa il gioiese Adriano Loporcaro, ricercatore presso l’Università di Bari. Insieme a Marisa Valleri, sempre dell’Università di Bari, a Milano ha presentato i primi risultati delle loro ricerche.

Uno studio che ha suscitato grande interesse al punto da essere oggetto di pubblicazione sulla rivista “L’Espresso” nel numero 9 del 14 marzo scorso.loporcaro-adriano

Ma cos’è il car-sharing? La parola al nostro concittadino:

“Il car sharing anzitutto non va confuso con il car pooling, che è la soluzione secondo cui un privato cittadino mette a disposizione uno o più posti auto per un certo tragitto. Per car sharing si intende quella soluzione promossa da alcuni comuni che consente, a residenti e non, di avere a disposizione un numero definito di automobili, a ridotto o nullo impatto ambientale, che potrà essere usato a seconda delle esigenze dell’utenza.

Quello che manca sono le politiche che promuovano questo tipo di iniziativa, oltre ad adeguate misure che permettano una fruibilità del servizio quando c’è. A Napoli, per esempio, le automobili disponibili ci sono però il modello che viene utilizzato è privo di finestrini, il che ne rende inadatto l’utilizzo per esempio d’inverno.

Il car sharing è ottimo se si devono fare brevi tragitti, mentre l’autonoleggio rimane di gran lunga più conveniente per tragittcar sharing in italiai più lunghi, dove viene applicata una tariffa giornaliera e l’utente dovrà aggiungere le spese del solo carburante. Una fase importante del nostro lavoro è stata infatti valutare la possibilità e gli eventuali benefici di una compresenza tra car sharing e autonoleggio, esaminando vari casi di studio all’interno dell’ecosistema della città di Milano.

Le strategie di mercato messe in atto dalle diverse compagnie sono  diversificate e sovente fanno uso della pubblicità per abbassare le tariffe proposte all’utenza, attirandone così le preferenze. Non a caso le autovetture di molte compagnie vengono tappezzate di adesivi pubblicitari dalle stesse agenzie per farsi pubblicità gratuitamente".

Commenti  

 
#2 galuanna 2014-03-17 15:06
roba buona!...qual'è il suo partito?
 
 
#1 poverino 2014-03-17 11:17
Nei tre incontri fatti dall'assessore Masi Lenin abbiamo assistito ad una valanga di conoscitori e presunti tali di tali fenomeni e l'unico Gioiese che conosce queste cose è un Nemo propheta in patria!
Riconosciuto a livello nazionale ma non a Gioia! Complimenti assessore Masi Lenin!
Chissà cosa ne pensa lo studioso di quello che vogliono mettere in pratica!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.