Martedì 20 Agosto 2019
   
Text Size

I LECCI E LE POTATURE SBAGLIATE E CONTESTATE

potatura-alberi

In questo fine settimana molti cittadini, residenti e non, avranno notato alcuni operai della SPES, responsabili della manutenzione del verde pubblico, alle prese con la potatura dei numerosi alberi di leccio presenti nella zona della Scuola Primaria San Filippo Neri, meglio conosciuta come Piazza Dalla Chiesa.

Una potatura che ha fatto “arrossire” per la rabbia e la vergogna gran parte dei presenti a queste operazioni nel constatare che ancora una volta si stava procedendo ad una potatura fuori dalla norma. Non perchè effettuata in un periodo sbagliato (solitamente la potatura degli alberi non dovrebbe essere mai eseguita in primavera, né in autunno, ma solo in piena estate o in inverno), ma soprattutto per il modo con cui la si stava eseguendo.

Una potatura da cui un assiduo frequentatore della zona, S.T., si è dissociato ritenendo la stessa “una autentica tortura per quei poveri lecci”. Parole dure pronunciate, pur sottovoce per non offenderli, anche nei confronti degli stessi operatori, considerati “dei poveri esecutori, che dalla sera alla mattina sono stati trasformati, dall’ente comunale prima, e dalla Spes poi, in esperti potatori grazie ad una semplice partecipazione ad un corso accelerato di potatura, nulla in confronto ad una decennale esperienza acquisita da un vero operatore del settore.

Ancora una volta, la seconda nel giro di un paio di anni, piange il cuore vedere trasformati questi alberi, da maestosi ed ornamentali quali dovevano essere, in alberi mutilati, malformati e spelacchiati, bruttini a vedersi, solo tronco e pochi rami, che si continua, con queste orrende, incomprensibili e pericolose potature, a far crescere solo in altezza”.

Affermazioni che abbiamo voluto verificare e che hanno puntualmente trovato riscontro su più fonti.

Infatti, secondo alcuni studiosi, “nella potatura dei lecci e dei pini il principale criterio da adottare è la periodica rimonda dei rami disseccati e l’asportazione dei rami più bassi, evitando tagli drastici di contenimento a livello delle branche, altrimenti ne conseguono la perdita del naturale portamento della specie, danno estetico e aumento del rischio di attacchi di malattie fungine.

Praticando tagli a grossa sezione con asportazione di grosse branche (la capitozzatura), si provoca un indebolimento generale dell’esemplare, la perdita del naturale portamento tipico della specie, e la rottura dell’equilibrio chioma-apparato radicale con inizio di processi di decadimento. Ecco perchè una potatura errata non solo risulta letale per la pianta, ma trasforma lo stesso esemplare in un potenziale pericolo per la collettività.

Pertanto, gli interventi di potatura, dovrebbero riguardare il solo alleggerimento e sfoltimento della chioma con la contemporanea riduzione della sua altezza e del suo volume, cercando di conferire il più possibile una sagoma prossima all’habitus naturale della chioma del Leccio, vale a dire simile ad una forma ovale-espansa”.

Come è avvenuto ad Andria, con i lecci di via Roma, dove le alte chiome si incontrano formando una ombrosa galleria sorretta dagli alberi presenti sui due marciapiedi opposti.

A Gioia del Colle, preferendo operare senza alcun criterio, senza una seria programmazione, e soprattutto senza una mano esperta (che sia un botanico, un agronomo, o un semplice potatore professionista poco importa), tutto ciò continuerà a restare, nonostante le notevoli spese sostenute, un autentico tabù.

potatura-alberi2potatura-alberi3

Commenti  

 
#7 narita.valeri 2018-08-17 16:01
anche da noi in umbria potature selvagge su queste belle piante che ci donavano ombra d' estate...sono rimasti solo monconi con piccoli ciuffi di foglie jn cima.....prossimi alla morte maledette amministrazioni...a chi avete incaricato di fare questi lavori? comune di san giustino e citta di castello......
 
 
#6 vecchia gioiese/ 2016-08-31 14:21
"se potessero parlare gli alberi, quante cose direbbero. Feriti, spogliati, senza sapere che ogni taglio provoca dolore alla pianta. Ma come faccio a dirvi che anche le piante hanno un'anima, ridereste! E' vero....un amico che viveva in campagna e adorava la sua terra, aveva dei gerani bellissimi - dopo la sua morte sono ingialliti e poi morti del tutto. Anche chi possiede una pianta in casa e la coccola, la pulisce, le da da bere al bisogno, se la guardi ha un aspetto bellissimo. Ora vedremo questi lecci che hanno dato frescura a molti vecchietti, che fine faranno. Abbiate pietà per gli alberi, sono il nostro respiro libero da ogni impurità e la nostra bellezza lungo i viali del nostro paese. Anche noi, come cittadini dobbiamo intervenire se c'è qualche errore...e quì tiro in ballo vecchi potatori, che se ne stanno seduti nelle panchine di P.zza XX Settembre e anche in P.ssa Dalla Chiesa. Non c'è nulla di male se uno fa notare gli errori, anzi si aiuta la gente inesperta a migliorare il lavoro. Adoro molto il leccio, lo tiro in ballo sempre in momenti di scrittura e di informazione. Grazie Direzione. Stiamo più attenti amici gioiesi.
 
 
#5 federica 2016-08-31 09:06
Ottimo articolo! Può interessarle anche questo, dove spiega le "potature con piattaforma"
http://www.ilpolliceverde.com/potatura-piattaforma/
 
 
#4 obiettivo 2015-05-24 17:31
tutto qui? soltanto questi commenti ci sono? e i gioiesi dormono sempre? meno male che sanno lamentarsi sempre e puntualmente .... tutti da pollice verde
 
 
#3 maristella capozzi 2015-05-24 04:45
A Binetto,Palo,Grumo Appula,Toritto,le potature sono fuori dalla norma
 
 
#2 Anna Maria Luiselli 2013-05-09 09:02
nel giardino della mia casa di campagna a Oriolo Romano (VT), ho uno splendido albero di leccio di circa 60 anni (mai potato). Da qualche tempo (mesi)sta perdendo le foglie della chioma (ingiallite) ma ha polloni alla base e germogli nei rami bassi (nessuna traccia di insetti nei tronchi o di funghi). Un esperto locale consiglia una potatura drastica fino ai rami più bassi. Iosono contraria:faccio bene? Cosa si può fare per salvare l'albero? Grazie!!!!
 
 
#1 gian franco chessa 2011-04-21 10:05
niente di nuovo. Anche quì a nuoro "Sardegna" si fa questo è altro.
P.S.
per questa gente gli alberi non sono esseri viventi ma, un semplice arredo urbano, da poter fare e disfare a proprio picimento. si potrebbe creare un link per denunciare questi abusi ()
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.