Domenica 15 Settembre 2019
   
Text Size

“CONNECT”. SCAMBIO E GEMELLAGGIO CON MALTA-foto

connect. gemellaggio e scambio con malta

connect. gemellaggio e scambio con malta“Abbiamo fatto l’euro, è tempo di fare gli Europei”, volendo parafrasare la celebre frase del nostro padre della patria Massimo d’Azeglio, appare indispensabile creare in Europa un senso di cittadinanza comune e appartenenza ad una comune cultura e storia seppur distinguendo i diversi accenti e le diverse peculiarità dei popoli che la compongono.

L’Unione Europea investe ogni anno alcuni miliardi di euro nei programmi di integrazione europei rivolti soprattutto ai giovani, tra questi il programma Erasmus, Comenius e Youth in Action. A quest’ultimo programma aderisce il Centro Giovanile della Parrocchia San Vito Martire aderente all’ANSPI, guidata dal presidente nazionale don Vito Campanelli e a livello locale dal Sig. Nunzio Carucci, che fin dalla sua fondazione 50 anni fa, ha sempre promosso le attività culturali ed educative a favore dei giovani. In particolare il progetto coinvolgerà 19 ragazzi della comunità parrocchiale di età compresa tra i 15 e 20 anni che effettueranno uno scambio che si terrà a Malta con altrettanti coetanei maltesi.

Il 20 agosto scorso i 19 ragazzi partecipanti al progetto e i quattro leader accompagnatori Elio Liuzzi, Gianni Fraccalvieri, Anna Mancino, Sergio Rizzi sono stati ricevuti dal nostro sindaco Sergio Povia e dall’assessore alla cultura Piera De Giorgi per un incontro istituzionale, nel quale i ragazzi hanno illustrato le principali finalità del progetto, come questo è stato pensato e si è sviluppato nel tempo. Tutto con grande soddisfazione dei nostri rappresentanti, molto attenti alle tematiche giovanili e di integrazione e cittadinanza europea. Il sindaco ha consegnato nelle nostre mani una lettera che verrà consegnata al sindaco connect. gemellaggio e scambio con maltadi Siggiewi, la città ospitante, e una serie di libri che ben illustrano la nostra realtà culturale, promettendo e auspicando che al termine dell’esperienza vi sarà una conferenza pubblica aperta alla cittadinanza per presentare e far conoscere questa esperienza

L’idea dello scambio nasce a seguito dello speeddating tenutosi a Fermo nell’ottobre 2011, dove gruppi provenienti da varie nazioni si sono confrontati alla ricerca del partner ideale per la realizzazione del progetto di scambio europeo, una volta trovato il gruppo partner è iniziato il lavoro per la costruzione del progetto di scambio e la richiesta del finanziamento, che purtroppo non è arrivato, ma nonostante tutto la determinazione dei quattordici ragazzi maltesi, appartenenti al gruppo Zak (l’Azione Cattolica Maltese) della città di Siggiewi (Malta) ha permesso la realizzazione dello scambio, denominato Hop Hop(e) nell’Agosto 2012, mese in cui il gruppo proveniente da Malta è stato accolto nella nostra cittadina presso il palazzo sant’Antonio.

Quest’anno è stata forte la volontà di entrambi i gruppi di proseguire nel gemellaggio, e per questo lo scorso inverno è stato presentato un nuovo progetconnect. gemellaggio e scambio con maltato di scambio presso l’agenzia europea maltese. Il progetto è stato accolto e lo scambio si terrà a Malta dal 27 Agosto al 5 settembre prossimi. Lo scambio è denominato CONNECT, e sarà incentrato sul tema dell’inclusione sociale, sulla necessità di creare delle connessioni e dei ponti verso quelle situazioni e quindi quelle persone che nelle nostre società vivono situazioni di esclusione. Saranno vari gli obiettivi che lo scambio perseguirà attraverso i momenti di riflessione (workshop), il gioco e la preghiera. Tra questi come accennato la promozione dell’inclusione sociale e della tolleranza, a Malta i ragazzi toccheranno con mano situazioni di esclusione, quali la disabilità fisica, le minoranze linguistiche ed etniche. Comprendere e vivere attivamente la cittadinanza europea per contribuire attivamente al miglioramento delle condizioni di vita all’interno della stessa, acquisire consapevolezza dei problemi legati all’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e conoscenza delle opportunità che l’Unione Europea propone al contesto giovanile; conoscenza delle istituzioni europee e maltesi.

Lo scambio ha quindi finalità educative ed istituzionali con i giovani ragazzi come protagonisti. L’importanza di queste iniziative consiste anche nella disseminazione di queste ultime nel territorio tra gli organi istituzionali e il mondo delle associazioni, con l’obiettivo di migliorare la consapevolezza di essere cittadini europei e promuovere le stesse iniziative presso altri soggetti sociali.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.