Giovedì 19 Settembre 2019
   
Text Size

L’AMICIZIA AI TEMPI DI FB. URGE QUALCHE RIFLESSIONE

facebook-chattare-pp

facebook messaggiNon mi dà pena \ anzi mi inorgoglisce \ la mia altera lontananza \ da questo mondo chiassoso e grottesco \ che corre sulla rete \ E muove burattini dai finti sorrisi \ Ho mille e più amici \ Ma se voglio un abbraccio \ Non ho che il mio cuscino”.

L’amicizia ai tempi di Facebook. Per fortuna esistono ancora luoghi di incontro, per fortuna ancora mi ritrovo con i miei amici a ridere di gusto davanti a una pizza ed una birra. E quelli sono attimi di vita vera, sono risate autentiche, non gli ahahah che spesso lasciamo come commenti nelle piattaforme sociali, magari mentre siamo serissimi davanti allo schermo. Però penso a quei ragazzini, a quegli adolescenti che magari ancora non escono, che magari si sentono soli, che magari, come è fisiologico e sano, a quell’età si incupiscono, che vivono una vita esclusivamente virtuale. Che scrivono tvb ma non sarebbero mai in grado di dirlo a nessuno, perché non hanno potuto ancora gustare la bellezza di un primo amore che sboccia su una panchina di un giardinetto, tra pudori e ansie puerili.

Vorrei che continuaste a farvi battere il cuore prendendovi per la prima volta le mani e ad arrossire, non a chattare fingendo disinvoltura e sciupando tutte le cose belle che 171913925-d2b14acc-3176-4ce3-a3f2-6235df6a0f18invece potrebbero capitarvi semplicemente spegnendo il pc e scendendo di casa. E non voglio fare la moralista quando io stessa uso questo mezzo di comunicazione come vetrina, per postare foto o prendere appuntamenti con gli amici.

In realtà i social network, se ben usati, hanno un potenziale enorme ai fini della comunicazione e sono probabilmente l’invenzione più grande e potente dei nostri tempi. A me preoccupano in particolare gli adolescenti che ne fanno un uso smodato ed esclusivo. E non sono solo io a fare questo tipo di riflessione. Già eserciti di psicologi, registi (ultimo Carlo Verdone) e giornalisti hanno lanciato allarmi di questo tipo, affrontando (e in alcuni casi esasperando) la questione della “solitudine di facebook”.

Io sono solo contro i dosaggi elevati, che finiscono con il sostituire la vita vera. E se volete dire “ti amo” al vostro ragazzo e non c’è, telefonategli. Il gesto avrà tutto un altro valore se non sarà condiviso con un milione di utenti.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.