PATRIZIA NETTIS TRA I VINCITORI “PREMIO MICHELE CAMPIONE”

giornalista-di-puglia-pp

mastrogiovanni premio giornalista di pugliaTra i giornalisti premiati nella X edizione del “Premio Giornalista di Puglia - Michele Campione” anche la gioiese Patrizia Nettis, con un articolo pubblicato nelle pagine sportive de “La Gazzetta del Mezzogiorno” il 28 agosto del 2012 dal titolo “Castellaneta, avvocato d’assalto con la passione per le imprese”, dedicato a Giuseppe Castellaneta.

Patrizia, redattrice de “La Gazzetta del Mezzogiorno” e di ”Gioia News”, direttore del quindicinale “Gioia Oggi”, prima donna a conseguire il titolo di giornalista professionista, master in giornalismo ed esperienze nei PON (http://www.gioianet.it/attualita/4998-partecipazione-pon-sf-neri-esperienza-fantastica-foto.html), appassionata di sport e con premi agonistici nel nuoto, oggi lavora come istruttrice di secondo livello della stessa disciplina presso Gioia Nuoto, Melior Club e Dharmha.

Nel suo profilo su facebook Patriziapatrizia e gioianuoto Nettis ha così annunciato il 28 febbraio la bella notizia: “Oggi è una giornata come le altre in fondo. Ho vinto un premio di giornalismo che inseguo da 10 anni. Da quando ho iniziato a scrivere, appunto. Ma sono in piscina a lavorare come istruttrice perché il giornalismo da solo non mi dà da vivere. La gioia però è grande. Troppo. Ringrazio chi ha sempre creduto in me. Su tutti cito il mio direttore Filippo Donvito, perché glielo devo. E grazie a Giuseppe Castellaneta perché mi ha dato la possibilità di raccontare la sua storia nel pezzo con cui ho vinto. W il giornalismo. W lo sport. W le passioni. Ps.: Grazie a chi di recente mi ha definito incompetente e mediocre. Mi ha dato grande forza.”

La cerimonia di consegna del premio avrà luogo domenica alle 10.30 nella sala consigliare del Palazzo di Città.

Il concorso, promosso dal Consiglio dell'Ordine dei giornalisti della Puglia in collaborazione con Regione Puglia, Provincia, Comune di Bari, Università degli studi di Bari, Ufficio comunicazioni sociali della Diocesi di Bari-Bitonto e la famiglia Campione - istituito in ricordo del giornalista barese scomparso nel 2003 -, è suddiviso in tre sezioni: carta stampata-internet, radiotelevisione-agenzie e fotografia.

Per partecipare al concorso egiornali rassegnaR375 05set08ntro il 31 gennaio ogni concorrente ha dovuto inviare al massimo tre articoli, servizi radiotelevisivi e/o fotografie pubblicati nel corso del 2012, per i vincitori non solo la gloria di un prestigioso riconoscimento, ma anche 1.000,00 euro in premio.

Alla cerimonia interverranno, tra gli altri, il sindaco Michele Emiliano, il presidente della Provincia di Bari Francesco Schittulli, il presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna, l’assessore regionale alla Cultura Silvia Godelli, il rettore dell’Università di Bari “Aldo Moro” Corrado Petrocelli, il presidente nazionale dell’Ordine dei giornalisti Enzo Iacopino e il presidente del Coni Puglia Elio Sannicandro.

Il concorso è anche occasione per premiare i “grandi” del giornalismo pugliese. Domani il presidente Iacopino consegnerà il premio alla carriera a Domenico Delle Foglie, editorialista di “Avvenire”, lo scorso anno - in occasione della IX edizione - venne premiata Liana Milella, de “la Repubblica”.

Michele CampioneMichele-Campione, nato il 29 febbraio del 1928 e scomparso nel 2003, giornalista professionista dal 1959, per anni ha diretto la sede regionale Rai della Puglia ed è stato vicedirettore della testata giornalistica nazionale.

Il giornalista è stato anche uno dei fondatori del quotidiano “La Calabria” nel ‘56, corrispondente dei quotidiani “Avvenire” e “Il Messaggero” ed editorialista del “Corriere del Giorno”. In prima persona ha vissuto l’arrivo a Bari degli Alleati, periodo al quale ha dedicato il romanzo “Ehi Joe. Gli alleati a Bari tra cronaca e romanzo” e più di una inchiesta televisiva alla questione meridionale e al brigantaggio, per cui ha prodotto una scrittura teatrale “C’era una volta un contadino del Sud” e “Ode per un brigante”. Numerosi i premi e i riconoscimenti per opere dedicate alla letteratura dei ragazzi e la sensibilità espressa nelle vesti di critico d’arte di artisti pugliesi quali Manlio Chieppa, Michele Damiani, Carlo Fusca, Benito Gallomaresca, Adolfo Grassi, Matteo Masiello, Enzo Morelli e Francesco Speranza e poeta in “Più forti della non speranza”, raccolta di sillogi dal 1948 al 2003 di struggente bellezza.

A lui è intitolata l'Associazione Pugliese per la Formazione al Giornalismo, sostenuta dall’Ordine dei Giornalisti che organizza, in collaborazione con l'Ateneo barese, il Master in Giornalismo di Bari.