Mercoledì 20 Novembre 2019
   
Text Size

BANDA: LETTERA IN RICORDO DI FRANCO SUSCA DETTO “CICCIO”-foto

banda-maestro-valentini-pp

Riceviamo e pubblichiamo.

------------------------------------------------

Gentile Redazione738292 3832186217858 1668951893 o,

mi chiamo Susca Giuseppe e sono il figlio di Franco “Ciccio”, di Noicattaro ma residente a Capurso (BA) emerito suonatore di timpani e primo tamburo del Gran Concerto di Gioia del Colle per tantissimi anni. Mi permetto di scrivere perché, durante le feste natalizie, egli è venuto a mancare. Aveva 82 anni e ha lasciato in me un grande vuoto oltre ad un grande amore per la musica. Una emorragia lo ha stroncato, vicino a me, senza dargli scampo alcuno. Entrato in coma il 21/12/12, il 26  ha chiuso la sua esistenza terrena.

Il dolore mio e della mia famiglia è grande. Sicuramente si è ritrovato a suonare con i maestri che lo hanno diretto, se non ricordo male Marmino, Ligonzo e forse Falcicchio. Di un altro mi sfugge il nome. Era magrolino, molto serio e con gli occhiali.susca-banda1

Mi ricordo quando, durante le feste, mi portava sulla cassa armonica facendomi sedere vicino a lui. Il maestro Marmino mi guardava severo e con la bacchetta mi salutava. Ho conosciuto tanti bravi colleghi ma soprattutto amici di mio padre.

Ricordo con affetto, tra i tanti, Salvatore (ah….i cognomi) che suonava il trombone e gli dicevo: tu sei dietro tutti ed un altro di nome Marzano che mi comprava sempre il gelato. Che nostalgia. Quante feste e quanto divertimento.

Ricordo gli alloggi, nelle scuole, e babbo che cucinava per tanti. Diverse volte susca-banda2sono stato con lui. Era molto apprezzato nell’ambiente. Maestri e colleghi di altre bande lo consideravano uno dei migliori timpanisti ed io ne ero fiero.

Mi diceva spesso: ho cominciato con Noci, poi Gioia, Pescara, Squinzano, per ultimo Noicattaro. A Gioia del Colle ho lasciato il cuore. La Turandot era il massimo per lui. Con il pensiero di oggi, posso dire che suonandola si esaltasse.

Gentili Signori, vi ringrazio tutti per lo spazio accordatomi. Tenevo molto perché si sapesse l’affetto che legava mio padre a Voi, alla “Banda” di Gioia del Colle. Per decenni si è sentito rispettato dalla susca-banda3gente di Gioia e apprezzato sotto l’aspetto professionale. Sono certo che, oltre alla musica celeste, oggi ascolti volentieri la sua Banda: il Gran Concerto di Gioia del Colle.

Un cordiale saluto e un Felice Anno Nuovo a voi e ai gioiesi.

Giuseppe Susca

NB: Nella foto d'archivio del 1965, estrapolata da un articolo scritto da Dalila Bellacicco nel maggio 2011, riguardante il sig. Giannino Mastrovito, il Pavarotti degli ottoni e Paolo Covella (in Giannino ho riconosciuto un amico e collega di mio padre), bisogna guardare la fila in alto. Mio padre si trova esattamente sotto il 5 bandista partendo da sinistra. Si notano le bacchette del tamburo verso l'alto appoggiate sulla sua spalla destra. Dalla foto si nota il suo fisico esile.

Commenti  

 
#13 N.Leone 2015-08-04 14:37
Ciao Giuseppe,mi chiamo Nicola Leone e sono un oboista,leggo solo adesso della scomparsa di papà Ciccio e ricordandolo mi sono rattristito,confermo che era un bravissimo timpanista ed una persona squisita,ho lavorato con lui nella banda di Gioia del Colle nel 1976 e un po' nel 1977 col mastro Marmino,non so se all'ora tu già c'eri,anche se in ritardo ti faccio le mie più sentite condoglianze ed un caro saluto a Ciccio,che riposi in pace suonando i timpani ed il tamburo nella Banda degli Angeli.
 
 
#12 Giuseppe Susca 2013-01-24 14:20
A tutti coloro che, con i loro ricordi, hanno rivolto e rivolgeranno un caro pensiero a mio padre, vada un affettuoso GRAZIE. personale e della mia famiglia.
 
 
#11 rita susca 2013-01-16 17:15
Mio nonno è sempre stato un grande...è sempre stato dalla nostra parte,ci ha sempre sostenuto, ha sempre scherzato con noi e io sono cresciuta con lui,i suoi giochi e la sua passione per la Juventus :-).Non riesco a pensare che sia andato via...anche se starà sempre con noi...sia nei nostri cuori, sia nei nostri pensieri e ricordi e sia...lassù...che ci guarda...non ci sarebbero parole per descrivere la mia rabbia o tristezza ma proverò con un "Ti Amo Nonno..Non ti dimenticherò MAI" e forse potrò sentirmi meglio pensando che lui è vicino a NOI...e lo sarà SEMPRE!
GRAZIE NONNO!
 
 
#10 Giovanni Dicosola 2013-01-16 00:36
Anche io ho avuto il piacere di conoscere Ciccio e di suonare con lui qualche volta...era davvero un maestro ed una gran bella persona!! Mi piaceva ascoltarlo quando raccontava le sue varie esperienze bandistiche con i vari maestri e il maestro di cui Giuseppe non ricorda il nome,sono certo che è il Maestro Chielli. Una cosa che ricordo con ammirazione era la serietà e la passione con cui suonava...e quando qualcuno più giovane voleva saltare qualche giornata di banda, lui diceva in quel simpatico accento nojano "Io nemmeno il giorno del mio matrimonio ho saltato una giornata di banda...prima mi sposai e poi lasciai mia moglie a casa e andai a suonare!"...Ciao Ciccio, ti ricorderò sempre con un sorriso pensando alla tua contagiosa simpatia!
 
 
#9 pasquale battista 2013-01-15 18:02
Ciao ciccillo sei stato colui che mi ha fatto entrare in banda.non dimentichero' mai le giocate a scopa con il maestro marvulli ,giovanni ardito spero che la su troverai tuccino cosi potrai continuare con lui le partite .....mi hai lasciato un bellissimo ricordo .dalla tua pasta asciutta alle barzellette.....proteggici da la su e forza juve
 
 
#8 Francesco Coppola 2013-01-15 14:50
Di Ciccio porto nel cuore tanti ricordi, persona mite e benevolo con tutti, educato, di quelle persone che oggi giorno se ne trovano poche, di poche parole ma ben spese. Ricordo ancora l'aneddoto raccontatomi dal M° Paolo Debenedetto quando... arrivati con la storica banda di Noicattaro in quel di Taranto, in un paesino sperduto tra le campagne negli anni 80, il comitato voleva far alloggiare la banda in una stalla allora Ciccio persona sempre pronta al lavoro con la sua mitica "quattoss" come giocosamente la chiamavamo (la custodia in legno del tamburo dove metteva veramente di tutto!!!!) rivolgendosi al presidente della festa proprietario della stalla esortò dicendo ribellandosi per la prima volta "jnd a stadd a sci a dorm tu e chedda vacc d mggiert!!!" non vi dico le risate e gli applausi di approvazione. Ciao Ciccio mi mancherai tanto.
 
 
#7 Michele CIVITANO 2013-01-15 09:50
Un saluto anche da parte mia che negli anni del maestro Cuscito a Gioia ci divertivi e insegnavi a vivere la vita anche durante le dure e lunghe giornate di banda. RIP
MICHELE CIVITANO tromba della Banda nazionale della Guardia di Finanza
 
 
#6 pietro cerabona 2013-01-15 09:44
ho conosciuto "ciccillo" nel 1999 con la banda di noicattaro e abbiamo fatto insieme 3-4 stagioni non ricordo bene. Quello che mi ha sempre colpito era il suo spirito giovanile, sembrava avesse 20 anni. questo e' uno dei piu' bei ricordi che conservo di lui.
Ciao "ciccio"
 
 
#5 Michele M. 2013-01-14 23:23
Ho suonato per circa un decennio con Ciccio.
Tra le sue passioni, oltre la musica, c'era il calcio: la sua amata Juventus.
Mi raccontava che lui era la bestia nera calcistica della famiglia, dove erano quasi tutti milanisti.
Ricordo le domeniche pomeriggio passate con la sua amata radiolina ad ascoltare i risultati delle partite, i commenti accesi post 90°minuto. Guai a chi toccava Roberto Baggio o l'allora esordiente Del Piero! Infine l'immancabile Gazzetta dello sport sul leggio durante i matinée.
Ricordo inoltre la sua maestria nel gioco con le carte: scopa, tressette e briscola. Un illustre direttore di banda l'ha sfidato per diverse partite consecutive a scopa e Ciccio le ha vinte tutte!!!
Mi piace ricordarlo così, come un semplice uomo di spirito, oltre che come musicista.
 
 
#4 vittoria s. 2013-01-14 23:06
ciao zio ti volevamo tutti bene,anch'io ricordo quando andavo con mio padre(suo fratello)a vederlo esibirsi alle feste...bei ricordi...era bravissimo...un abbraccio fin lassù
 
 
#3 Paolo Covella 2013-01-13 10:42
Caro Giuseppe, ti esprimo il mio personale cordoglio per la scomparsa di papà. Lo faccio con sincera partecipazione, perchè, da tifoso delle bande, e di quella di Gioia in particolare, ho avuto modo sin da ragazzo, di seguire le esibizioni del nostro Concerto, sotto le più svariate bacchette. In primis quella di Paolo Falcicchio, il cui 50° della morte ricorre proprio in questi giorni. Ricordo perfettamente tuo padre: lo seguivo con attenzione insieme al mitico Giannino Mastrovito. Perchè la banda non si segue solo con l'orecchio il e col cuore, ma anche con lo sguardo. Gli stili dei vari solisti, soprattutto, sono importanti nella classificazione del loro valore. Di papà, per esempio, ricordo quel suo portamento felino: le due bacchette impugnate con solida determinazione, le mani veloci a calmare le vibrazione dei timpani, le "risposte" ai colori che il maestro voleva conferire al brano. Sembrava un leopardo, (egli era anche biondo) pronto a ghermire la preda. Perchè tutti sanno che una nota stimata è pur sempre una nota stonata. Ma un errore nelle percussioni si sente sino a Milano... Perciò lo ricordo come un grande interprete e una persona semplice e cordiale. Un abbraccio.
 
 
#2 matteo susca 2013-01-13 00:48
Mio padre è' stato un grande nel suo lavoro. Mi ricordo quando durante il periodo estivo,mi portava con lui alle feste e ogni tanto mi faceva suonare. C'era il grande maestro PIETRO MARMINO. Bei momenti. Sono sicuro che continuerà anche lassù a fare ciò che amava di più. Suonare la sua musica così come faceva quando era con noi. Ciao PAPA'non ti dimenticheremo mai.
 
 
#1 antonio 2013-01-12 07:46
Ciao giuseppe mi dispiace tantissimo ho avuto la fortuna di conoscere tuo padre avendo suonato insieme con lui dal 1992 al 1995 con la banda di gioia diretta dal maestro cuscito.Essendo un amico di mio nonno e avendo all' epoca solo 13 anni in quell' occasione mi ha fatto lui da nonno.
Grazie
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.