Domenica 27 Settembre 2020
   
Text Size

LIONS: TARGHE A MASI, VILLANOVA, DONATONE, RICCARDI -foto-

lions-foto-gruppi.jpg-pp

lions_logoAd una settimana dal passaggio di consegne tra Lello Pastore, presidente per l’anno 2010 – 2011 del “Lions Club Monte Johe” e Giovanni Carnevale, e tra Michele Bertini e Annamaria Isdraele Romano in occasione della 6a Charter dei “Leo Bianca Lancia”, in calendario la prima conferenza lionistica a sfondo risorgimentale.

I professori Giuseppe Poli e Gianfranco Liberato nella conferenza che si terrà l’8 luglio alllions-consegna-targhe-gruppe 19.30 in Piazza Luca D’Andrano, relazioneranno su “Riflessioni sul Risorgimento”.

Al cospetto di autorità civili, militari e lionistiche, tra cui il governatore Rocco Saltino, ha avuto luogo non solo il tradizionale passaggio del martelletto ma anche la consegna di quattro targhe ai familiari di altrettanti docenti gioiesi, molto stimati e cari alla città: Orazio Antonio Masi, Giuseppe Donatone, Michele Villanova e Giovanni Riccardi.

lions-passaggio-giovani-leoMichele Bertini da due anni alla guida dei Leo passa “per anzianità”, ovvero per aver compiuto trenta anni, tra i “senior” Lions, insieme a Filippo Colapinto, lasciando ad una giovane ed entusiasta presidente - Annamaria Isdraele Romano - il testimone.

Nel suo excursus ricorda i Leo Advisors Lucio Romano e Pino Mirizzi, di cui elogia l’impegno costante e continuo. Offre in dono una campana da tavola (parodia della campana su cui batte il martelletto ad ogni inizio e fine incontro) e porge un omaggio floreale a Annamaria De Felice Di Martino, per il contributo e il sostegno offerto ai Leo nell’organizzare varie attività.

lions-nuovo-gruppo-leoQuindi passa la parola alla neo presidente Annamaria Isdraele Romano, che pur se emozionata non esita a mostrare grinta e determinazione. E’ presidente ma prima di tutto è socia, ed è convinta che tutti insieme, consigliati dal nuovo Leo Advisor Vanni Procino, lavoreranno e progetteranno  con successo. Sua vice presidente Simona Risplendente, secondo vice presidente Simone Lattarulo, segretaria Giuseppina Lagravinese, tesoriere Gaetana Procino, cerimoniere Corinne Capurso, responsabile delle comunicazioni Annarosa Pilolla, censore Novella Maglionico e consigliere Angelo D’Aprile.

Emozionatissimo il Leo Advisor uscente Pino Mirizzi - premiato con una targa dai suoi “cuccioli” -  sottolinea l’impegno di tutti i giovani Leo e conferma il suo aiuto presente e futuro.lions-stefanelli-piano

“Sembra ieri – afferma con voce rotta dall’emozione -  ma il tempo passa e per l’avanzare dei limiti di età occorre infoltire le fila. Siete stati davvero tutti bravi, avete sottratto tempo allo studio, alla famiglia, ai divertimenti… Non vi lascio, sono troppo legato a voi, sarò lì a stimolarvi, punzecchiarvi e aiutarvi, se lo vorrete!”

Quindi si complimenta con Lello, per i numerosi service di successo avviati nel corso del’anno, in particolare ricorda il concerto dei ragazzi non vedenti, che con 336 spettatori “paganti” ha consentito il dono di un cane guida addestrato.

Nella sala dello Svevo Vincenzo Stefanelli ha fatto riecheggiare, alla tastiera, alcune delle note in concerto al Rossini, rievocando con i suoi tre brani le stesse emozioni.20090419LionsOcchialiUsati

Mirizzi ricorda anche l’impegno del Club nella raccolta di occhiali usati che grazie al lavoro perseverante e silenzioso di Marcello Ciancio, ha permesso al centro di Chivasso di ridistribuire ben 156mila occhiali archiviati e igienizzati nei paesi in cui ve ne è più bisogno.

Grazie all’impegno dei Lions, non a caso “cavalieri della vista”, è stato anche inaugurato un percorso plantare di 2,5 chilometri presso la stazione di Bari, per poter donare autonomia ai non vedenti.

A Lello il Leo Advisor rislions-targa-masierva parole egregie: “Non sei stato un buon presidente… ma ottimo. Se avessi conservato un po’ dello spirito francescano che da sempre ti riconosco, saresti stato un perfetto presidente, ma la perfezione, si sa, non esiste… Non credere che il tuo impegno termini qui, sei il coordinatore del Club e dovrai aiutare Gianni.”

Quindi Nicola Manobianca ha invitato le famiglie dei quattro docenti al ritiro delle targhe. Un momento nel quale la lettura di ogni singola, breve biografia ha riacceso ricordi tra i presenti ed emozionato i familiari.

La prima targa è stata donata alla famiglia di Orazio Antonio Masi, preside e professore molto stimato dalla comunità gioiese. La figlia Maria Teresa a nome di suo fratello Gianni e della sua mamma, ha ringraziato il Club e rivolto tre grazie: come figlia, insegnante elions-targa-donatoned invitata, ricordando che i quattro professori erano anche amici ed insieme hanno formato intere generazioni, educandole al rispetto delle regole.

La seconda targa dedicata al professor Giuseppe Donatone è stata ritirata dal figlio Claudio, da donna Maria Pia e dal nipote Giuseppe, nato nello stesso giorno e nella stessa ora in cui il nonno venne improvvisamente meno, il 19 luglio del 1996, sia pure a tre anni di distanza. Avventuroso il profilo biografico del professore, laureatosi a Napoli dopo aver studiato a Parigi, nel ’41 docente a Gorizia, quindi in guerra sul fronte slavo e poi ritrovarsi prigioniero in un capo nazista, in cui “sopravvive” grazie alla sua passione per lo studio delle lingue e alle sua abilità dilions-targa-villanova interprete. Quindi la cattedra nel Liceo classico P. V. Marone dove per 40 anni insegnerà latino e greco con “eloquio stringato, spesso ironico”.

Le spigolature linguistiche dialettali, racchiuse in un saggio “scomparso nei cassetti della politica” sono il suo ultimo impegno, quindi Claudio dona al club l’ultima copia del saggio etimologico a firma di suo padre.

Michele Villanova, docente presso il Flacco di Bari e già assistente nella facoltà di Matematica, non esitò a rinunciare ad una luminosa carriera per insegnare nel liceo gioiese dal 1958 all’anno in cui morì, a soli 57 anni, dopo una breve malattia. Egli collaborava, inoltre, con successo con le più prestigiose riviste di matematica su cui pubblicava inediti teoremi. Di lui tutti riclions-targa-riccardiordano la capacità di esemplificare e rendere semplice qualunque procedimento matematico, per quanto complesso. Assente giustificata donna Maristina, presenti i due figli, Marcello, straordinariamente somigliante al suo papà e Gianfranco, tra l’altro amici d’infanzia di Lello Pastore, il quale racconta i suoi trascorsi nel cortile di casa ed il volo fatto dal secondo piano a poco più di due anni, e di come il professor Villanova, per sdrammatizzare l’accaduto miracolosamente senza gravi conseguenze, calcolò la velocità della caduta con le sue formule.

Ultima targa dedicata al professor Giovanni Riccardi, figura “mitica” tra gli studenti gioiesi per la sua capacità di “ammansire la brutta bestia” della matematica e per le lezioni lions-piero-longodate in casa, mentre il vivacissimo figlioletto Giuseppe imperversava con tricicli e palloni, disturbando di continuo. Tra i numerosi presenti ricorsi alle sue “cure”, anche il sindaco Piero Longo il quale - confessando candidamente di non aver mai amato troppo la matematica, pur avendo scelto di frequentare il liceo scientifico - ne sottolinea con simpatia la precisione e la grande umanità, così come ricorda la dolcezza della piccola Carmela e la saggezza della sua mamma. Sulle pallonate e le impennate in sella al vespino di Giuseppe Riccardi, “terrible enfant”, oggi affermato professionista, tutti concordano: una vera peste!

lions-lello-pastoreAvendo perso a soli 15 anni il papà, il professore Riccardi si sostenne agli studi dando lezioni private, quindi  si laureò a Napoli, insegnò in numerosi istituti superiori tra cui il Marconi di Bari, l’I.T.I.S Galilei, il Canudo per poi concludere la sua ultraquarantennale carriera didattica alla Losapio.

La parola, quindi, passa al presidente uscente, Lello Pastore che in occasione della 16a Charter non ha proposto video o power point, né ha elencato le numerose attività svolte durante l’anno, relegandole a un depliant lasciato a disposizione degli ospiti, corredato dai nomi del soci del suo direttivo e dagli scopi del Lionismo, ma ha parlato a braccio e con il cuore ai presenti.

ospedale-paradisoUn intervento toccante nella sua semplicità, da cui si evince quello “spirito francescano” cui faceva riferimento Pino Mirizzi.

Nel corso dell’anno numerosi eventi sono stati non solo condivisi col Gruppo Volontariato Vincenziano, con il C.A.I, con istituti scolastici, con il Comitato Pugliese per il 150° anniversario dell’Unità nazionale, con l’Accademia Lobefaro, cui è stata offerta la borsa di studio per il primo lions-vanni-procinopremio classificato del concorso “Pietro Argento” e da ultimo con l’Associazione Obiettivo Gioia, ma anche vissuti fianco a fianco con la città, è il caso dell’interessantissimo incontro sull’Alzheimer e della partecipazione attiva del Club contro la chiusura dell’Ospedale accanto all’Osservatorio del Paradiso.

Sempre presente agli incontri dei “cugini” rotariani, ricambiato con affetto da Tonino Oliva, Lello esalta le qualità del suo segretario Vanni Procino che ringrazia per la sua efficienza ed il preciso, puntuale ed efficace aiuto in ogni contesto, tanto da meritarsi il titolo di “suo presidente”.

“L’obiettivo è stato raggiunto – dichiara Lello Pastore - il Lions Club ha operato in sinergia con altre realtà territoriali. Talvolta, volando troppo in alto si è intercettati da pochi, noi vogliamo essere tra la gente, “We servelions-manobianca è il nostro motto, il valore primario è servire, non servirsi e non sempre, purtroppo, la spilletta ne è garanzia. Nel Club continuerò ad esserci e con vigore”.

Quindi un emozionato grazie alle sue cinque donne (moglie, figlie e mamma) tra cui si ritrova piacevolmente “in netta minoranza”.

A spendere parole molto affettuose nei confronti di Lello anche il past president Carlo Colapinto, il quale interpreta il pensiero unanime del Club definendo Lello un ottimo presidente, dalla dialettica libera e aperta, il quale ha perseguito gli scopi lionistici senza alcun diverso intento.

lions-intervento-carnevaleNicola Manobianca - disinvolto speaker nel corso di tutte le manifestazioni e per l’occasione anche particolarmente spiritoso – cede non il martelletto ma il microfono al nuovo cerimoniere, Mimmo Bianco, il quale dopo i saluti di rito passa la parola al presidente per l’anno 2011 – 2012 Giovanni Carnevale, commercialista nato ad Acquaviva delle Fonti e residente a Bari.

Tante le responsabilità e l’emozione nel ritrovarsi alla guida di un sodalizio così prestigioso.

“I soci Lions sono circa quaranta, inseriti nelle dinamiche cittadine con numerose proposte e diversa sensibilità – afferma Carnevale -  insieme progetteremo ed agiremo prestando attenzione ai bisogni della società. Il programma lo definirò con loro, “We serve”, non “I serve” è il nostro motto, servire con spontaneità, semplicità, serietà, rigore e competenza”.

lions-nuovo-direttivoNel direttivo troviamo vice presidente Paola Girardi, secondo vice presidente Giovanni Buono, segretario Pino Mirizzi, tesoriere Samuele Petrera, cerimoniere Mimmo Bianco, censore la insostituibile Elia Longo, fondatrice e prima presidente del Club, sempre vigile ed attenta ad ogni dettaglio anche nel corso della serata, con lei Carlo Colapinto e Marcello Ciancio. A vario titolo e con diversi incarichi nel direttivo anche Domenico Chiarelli, Pier Paolo Milano, Francesco Mastrangelo, Filippo Mela, Loredana Milano, Giovanna Pontiggia, Nicola Colapietro, Pino D’Aprile, Tecla Famiglietti, Lucio Romano e Maurizio Dlions-rocco-saltinoell’Aera.

Rocco Saltino, governatore uscente, dedica più di un pensiero al Club che lo ha sostenuto ed aiutato a rivestire l’attuale incarico.

“Questo viaggio tra consensi e armonia è finito. Il valore dell’amicizia e la capacità di ascolto fa sì che questo Club - in cui la cultura e la personalità sono valori fondanti - sia una comunità pensante che ora deve proporre ed esprimere candidature lionistiche. Da soli siete riusciti a donare un cane guida a un non vedente, e non è impresa da poco. Il nostro sodalizio ha 96 anni e tanto ha fatto ed ancora farà. Abbiamo costruito una prima scuola a Burkina Faso, ora ne sta sorgendo una seconda, stiamo per donare 12mila lions-daprileeuro alla Lion Foundation. Erano ben 1.200 i convenuti al Concerto di Primavera tenutosi al Petruzzelli di Bari, un fortunato service a sostegno dei terremotati del Giappone per cui si sono molto impegnati Pino D’Aprile, Pino Mirizzi e il terrorista del distretto, Lucio Romano grazie alla cui professionalità possiamo navigare in acque tranquille anche in sede di contenziosi legali. Siamo un popolo di formiche che lavora per chi ha bisogno!”.

Al nuovo presidente Giovanni Carnevale gli auguri della redazione per un anno sereno e proficuo, a Lello Pastore un affettuoso “buon e francescano proseguimento della attività lionistiche” nel suo Club.

Commenti  

 
#2 falco 2011-07-04 06:56
era intervenuto per un saluto.
 
 
#1 valentino 2011-07-02 18:20
ma cosa c'entra il sindaco?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.