Venerdì 23 Ottobre 2020
   
Text Size

ROTARY: OLIVA PASSA IL MARTELLETTO A D’ELIA -foto-

rotary-nomina-presidente-pp

rotary-oliva-deliaIl 24 giugno, alle ore 20,30 presso l'Hotel Svevo di Gioia del Colle, al cospetto delle autorità rotariane, civili e militari, l’ingegner Tonino Oliva, presidente “uscente” del Rotary Club Acquaviva delle Fonti - Gioia del Colle ha passato il "martelletto" al dottor Vito D'Elia.

Nel corso della cerimonia, dopo la presentazione ufficiale del socio Andrea Benagiano cooptato da Antonio Masi, Oliva ha illustrato in sintesi le manifestazioni ed i progetti di servizio più significativi avviati e conclusi nel suo anno di presidenza, sudandrea-benagianodivisi nelle tre aree prioritarie cui lo scorso anno si ispirò: infanzia a rischio, assistenza e prevenzione medico sanitaria e visibilità sul territorio.

Primo service la prevenzione della carie dentaria a favore di studenti della scuola primaria appartenenti a famiglie immigrate; quindi lo ”screening preventivodel melanoma precoce infantile a favore di studenti della scuola primaria; la promozione della conoscenza dei valori e dei principi fondamentali della Costituzione Italiana (artt.1 – 12), a favore degli studenti della scuola secondaria di primo grado, attraverso un opuscolo tradotto in albanese, arabo e rumeno; il ciclo di inconsebastio-e-ottonitri aperti al pubblico ”Il Rotary e i cittadinisui temi di interesse etico e storico; le manifestazioni pubbliche rivolte a celebrare il 150° anniversario dell’unità d’Italia e “La testa e la coda”, rappresentazione teatrale promossa e gestita dai rotariani del club, al fine di raccogliere fondi per interventi umanitari a livello mondiale.

Quest’ultima, uno “scherzo per ottoni e voci narranti” liberamente tratto da una fiaba di Pompeo Sarnelli - di cui è protagonista “morale” l’avarizia - tradotta dal napoletano al pugliese e splendidamente “narrata” da Luca voci-narranti-rotary-rossinGallo, è stata rappresentata nel teatro Rossini il 21 maggio scorso, sotto regia e sapiente ironia di Dino Sebastio, con interludi ed accompagnamento di cinque maestri di ottoni: Antonio Demarco. Biagio De Michino, Giuseppe Nuzzaco, Antonio Pace e Angelo Palmisano. Interpreti di rotariana eccezione: Vittoria Buttiglione, Leonardina Colaninno, Tina Losurdo (perfetta nella parte di Rosicacentre), Antonio Masi, Tonia Massaro, Giuseppe Nitti, Vitina Tafuri e Lucia Valentini, consulente "esterno" e profondo conoscitore del vernacolo, l'ingegner Antonio Cirsella, a conferma – come ama sottolineare Oliva -  che “il Rotary è una cosa seria ma non tragica.”

sebastioTonino Oliva ha quindi ricordato i nomi dei nuovi soci che nel corso dell’anno rotariano hanno incrementato le fila del sodalizio: il professor Lello Di Bello, il dottor Germano Farina e il dottor Angelo Santorelli, di cui abbiamo scritto in dicembre (http://www.gioianet.it/cultura/2089-liride-vera-sfera-di-cristallo-specchio-della-salute-.html).

Suggestiva la consegna delle Paul Harris Fellow a Vincenzo Benagiano, Margherita Pugliese, Vito Mastrovito e Dino Sebastio, soci che hanno operato proficuamente e con impegno nei vari progetti, di certo “non troll”, categoria in cui Oliva simpaticamente annovera coloro che non sono mai contenti, sono poco disponibili e piero_longo_sindaco_gioia“snobbano” il presidente di turno.

Oliva passa quindi il martelletto con un’ultima battuta al dottor Vito D’Elia, “che nell’operare, opera meglio di me da 20 – 30 anni”, saluta il socio fondatore Martino Carnevale - da 48 anni nel Club – ricordando l’amicizia e la stima da sempre accordata, quindi ringrazia il sindaco Piero Longo, tra gli invitati, per aver ospitato nel teatro Rossini le manifestazioni destinate ad un più ampio pubblico, dando così un prezioso contributo alla diffusione degli ideali e dei valori rotariani.

Un ultimo “grazie” lo riserva alla famiglia, alla moglie Tina ed alle figlie, cui rivolge l’invito a vivere la vita con impegno etico, nel rispetto delle regole.

discorso-presidente-anzianoIl neo presidente dottor Vito D’Elia presenta la sua “squadra”: Gabriele Soltesz segretario, Martino Carnevale tesoriere, Marzio Pastore prefetto, Aldo Losito presidente in coming, Antonio Masi presidente nominato, Tonino Oliva past president e i consiglieri Nicola Madaro, Vittorio Mastroviti, Pino Nettis, Maria Svelto, Angela Rossi e Vincenzo Labellarte.

Quindi illustra i quattro progetti che costituiranno il percorso di lavoro del club per l'intero anno rotariano, destinati alla comunità:

rotary_prevenzione_ictus- PRICE (acronimo per “progetto prevenzione ictus): screening della patologia carotidea, causa più frequente degli accidenti vascolari cerebrali; sarà eseguito attraverso un esame ecocolordoppler dei vasi arteriosi del collo presso un ambulatorio dedicato della ASL BA e sarà rivolto alla popolazione dei comuni del nostro territorio (Acquaviva delle Fonti, Cassano delle Murge, Gioia del Colle, Santeramo in Colle e Sammichele di Bari) che presenta patologie predisponenti;

- un tetto per vivere: allestimento di un immobile che il comune di Gioia del Colle ha concesso in comodato gratuito da destinare all'accoglimento di persone (homeless) che si trovano prive di un tetto per dormire e a cui assicurare pasti caldi, abiti e quant'altro; il progetto vede coinvolta l’associazione di volontariato di Gioia del Colle ”Dal silenzio alla parola” che con la collaborazione dei volontari ne curerà la gestione;

9e8f671841e597e- borse di studio per studenti di talento, per premiare giovani che si sono distinti nel conseguimento del diploma di maturità;

- ausili per famiglie bisognose le cui condizioni economiche impediscono di poter soddisfare i bisogni primari, con particolare attenzione a quelle famiglie numerose dove la presenza di bambini rende più urgente un intervento che assicuri quantomeno l’acquisto di farmaci essenziali, occhiali per bambini affetti da gravi alterazioni del visus e quant’altro.

Propone, quindi, incontri di amicizia, ovvero le  “riunioni al caminetto per conoscere il volto del Rotary."

D’Elia ringrazia tutti coloro che contribuiranno ai progetti in programma, per primo il sindaco Piero Longo che ha già avviato l’iter burocratico per mettere a disposizione l’immobile destinato al progetto “Un tetto per vivere”, sito al ridosso del Cimitero comunale, adibito in passato ad abitazione del custode, in cui sarannluca-galloo ospitati otto senza tetto, ringrazia l’azienda che fornirà gli arredi, i soci Lagravinese, Filippo Cassano, Dino Lucarelli ed altri ancora.

La parola quindi passa a Luca Gallo, assistente del prossimo Governatore Mario Greco, ruolo che riveste con efficacia e passione, il quale racchiude in una frase di Gandhi “Diventa il cambiamento che vorresti nel mondo” una delle mission del Rotary. Chiude la serata il governatore Marco Torsello il quale consegna alla presidente Maria Rosa Giangrande un assegno destinato al service “Acqua sana” nel Benin, anch'esso frutto di service ed impegno rotariano..

Si ringrazia il socio Aldo Losito per le preziose note utili a redigere quanto scritto.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.