Martedì 04 Agosto 2020
   
Text Size

POSTE: LUNGHE CODE, ATTESE E DISSERVIZI, ANCHE A GIOIA

poste-code-fuori-ufficio-pp

poste-attese-per-oreAnche presso gli uffici postali presenti a Gioia del Co1le dal 1° giugno gli utenti che cercavano di fare operazioni ordinarie tramite le Poste Italiane, e che in molti casi sono fondamentali, come nel caso del ritiro delle pensioni, hanno subito profondi disagi a causa del caos che si è verificato in seguito ad alcuni problemi informatici.

Disagi che continuano a verificarsi ancora oggi nonostante sia trascorsa più di una settimana dal manifestarsi dell’anomalia.

Per questo motivo le associazioni dei consumatori, fin dal primo momento oltre a chiedere che i problemi che hanno causato i disservizi da parte di Poste Italiane venissero immediatamente risolti, sono scese in campo anche per ottenere il rimborso degli utenti per i disagi che hanno dovuto subire.

poste-attese-per-stradaFederconsumatori e Adusbef sono uniti nella posizione secondo la quale  "Gli utenti che hanno fatto code che arrivavano in strada di uffici postali andati in tilt, con migliaia di cittadini costretti ad attendere ore ed ore nella speranza di inviare una raccomandata, ritirare la pensione o accedere al proprio conto, con la promessa vana di un urgente riavvio di alcuni terminali che funzionavano a singhiozzo, mentre altri risultavano del tutto bloccati, devono essere immediatamente risarciti".

Adusbef e Federconsumatori hanno quindi invitato l'amministratore delegato di Poste Italiane, Massimo Sarmiad aprire, a partire dal 6 giugno, un tavolo di conciliazione per risarcire tutti i cittadini che hanno subito disagi, anche perchè, sottolineano, "stavolta  in caso contrario, l'Ente Poste non riuscirà ad evitare una class-action, con un doveroso risarcimento dei dposte-code-estenuantianni proporzionato ai gravi disagi subiti per tre giorni di fila dai pensionati e dagli utenti" - http://www.adusbef.it/consultazione.asp?Id=8269&T=P.

Anche l'Aduc ritiene che ci sia il pieno diritto degli utenti di ottenere il rimborso da Poste Italiane. In seguito al blocco dei sistemi informatici delle poste, sono migliaia le persone che hanno subito un danno, e siccome non si tratta di una situazione determinatasi in seguito a calamità o casualità (aggiornamento dei loro sistemi informatici), i motivi per ottenere un rimborso ci sono tutti.

I danni li ha subiti, per esempio:

poste-tutti-in-coda- chi doveva pagare una multa al codice della strada ed era l'ultimo giorno valido: gli importi sono raddoppiati;
- chi doveva pagare una utenza e nella prossima bolletta gli verranno addebitati interessi e more;
- chi doveva pagare una tassa comunale come Tosap, Ici o altro, dove le penali anche per un giorno di ritardo sono salatissime;

- chi doveva ritirare la pensione e il 1 giugno non lo ha potuto fare, il 2 le Poste erano chiuse e, dopo ore di code solo nella tarda mattinata del 3 ha potuto riscuotere, se non il 4 o lunedì 6; pensioni le cui minime sono da fame e che già negli ultimi giorni del mese lasciano gli anziani con le tasche vuote, per cui anche pochi giorni di ritardi provocano disagi terribili;

- chiunque ha dovutposte-tutti-per-strada-in-co fare code incredibili, recandosi più volte alle Poste.

A fronte di una improbabile class-action da attivare (le norme italiane non la favorirebbero, e -comunque la stiamo studiando), la strada da seguire è quella della messa in mora individuale: ognuno può fare una raccomandata A/R indirizzata alla Poste in cui fa presente cosa e' accaduto, magari inserendo in busta anche fotocopia dei numerini che ha preso per fare le diverse file, precisa al centesimo i danni subiti (materiali, fisici e psicologici), intima il pagamento entro 15 giorni, altrimenti si rivolgerà alle autorità giudiziarie.

poste-tanta-pazienzaQui come fare la messa in mora

L'Aduc mette i propri servizi gratuiti di consulenza a disposizione:

- per telefono: 055290606 dal lunedì al venerdì ore 15/18.

- via mail attraverso il web

- nelle nostre sedi

(la sede nazionale è a Firenze, in via Cavour 68, orario consulenza dal lunedì al venerdì ore 15/18).

Commenti  

 
#1 tiziana 2011-06-12 11:11
un cenno ai dipendenti postali che hanno gestito in modo professinale questa criticita'...niente .....?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.