Sabato 06 Giugno 2020
   
Text Size

GIANNINO MASTROVITO “UN GRANDE ARTISTA ANTIDIVO” -foto-

giannino-mastrovito-e-banda

giannino-covella-profSerata dedicata all’arte della musica, lunedì 30 maggio, presso il Teatro Comunale ‘Rossini’, in occasione della presentazione del libro di Paolo Covella: ‘Giannino Mastrovito: il Pavarotti degli ottoni’, edito Suma 2011.

Un omaggio alla banda gioiese ‘Paolo Falcicchio’, con un dettagliato excursus storico dal ’28 all’81, arricchito dai racconti dello stesso Giannino Mastrovito, presente al momento dell’incontro. ‘Pavarotti degli ottoni’, data la morbidezza della voce e la perfezione della tecnica, Giannino Mastrovito è stato per lungo tempo il simbolo riconosciuto della banda e della nostra città.

giannino-e-marvulliDiscendente da una famiglia di artigiani – gran parte degli artisti dell’epoca provenivano dal ceto artigianale – fu un grande talento musicale. “Il libro è nato per la mia passione per la banda e per Giannino Mastrovito […]. Giannino è una persona straordinaria dalla grande umiltà e, in un momento storico in cui l’arte è mercificata, ciò assume una valenza particolare”, così risponde Paolo Covella alla domanda del professor Marvulli – che ha moderato la presentazione del libro – su quale fosse stato il motivo della tematica scelta.

giannino-e-sindacoIn riguardo Pinuccio Scarpetta, presidente dell’Associazione Amici della Musica, parla di Giannino Mastrovito come un uomo semplice, un ‘antidivo’. Inoltre Gianni Mastrovito fu allievo talentuoso di Giacomo Argenti – altra personalità di spicco della banda gioiese – ed, avviato agli studi della tromba e del corno, nel trombone riversò la sua vera passione. Nel ’60 a causa di un’appendicite che colpì il filicorno tenore, Angelo Gorgoni, Giannino, secondo tenore, ne prese il posto divenendo primo tenore.

Molti sono i grandi maestri che l’hanno diretto: Paolo Falcicchio, Raffaele Chiaia, Gioacchino Ligonzo, fino ad arrivare al giovane e promettente Michele giannino-saluti-bandaMarvulli. Il maestro Marvulli, direttore della banda ‘Paolo Falcicchio’ dal 1968, non presente all’incontro fisicamente per problemi di salute, ma vicino grazie ad un collegamento telefonico, ha affermato: “Non ho mai sentito suonare quello strumento in maniera migliore”. Ed aggiunge: “Aveva l’umiltà di capire di non essere arrivato all’apice, e che avrebbe potuto sempre migliorare, imparare […] Va tutta la mia ammirazione a quest’uomo che amava ed ama l’arte”.

Lo sguardo è rivolto al momento di massimo giannino-foto-grupposplendore per la banda del paese, e sull’argomento cocente del se si guarda al passato per non vedere il futuro o se lo si guarda in luce del presente, risponde il dott. Filippo Boscia, primario ospedaliero e cultore della storia della banda gioiese. “É facile apprezzare questo libro, perché esprime la grande qualità artistica di Giannino Mastrovito, e di una banda che non c’è più da tempo. Aspettavamo l’ingresso dei giovani diplomati al conservatorio, ma ne siamo rimasti delusi, perché non c’è più il medesimo entusiasmo”.giannino-consegna-pergamena

In conclusione l’intervento del Sindaco di Gioia del Colle, il dott. Piero Longo, il quale ha dimostrato una convinta difesa della tradizione bandista, in linea alle scelte politiche delle precedenti amministrazioni che sin dal 1992 vedono la Banda come Patrimonio del Comune di Gioia. Rivolgendosi all’‘amico’ e ‘avversario’ politico Paolo Covella afferma: “Ti sono grato per il riconoscimento ufficiale scritto sul libro […]. La banda è sostenuta sia dalla sinistra che dalla destra, in quanto patrimonio della nostra città. giannino-e-la-banda-di-gioiLa banda è un bene che vogliamo tutelare”.

E continua: “L’abbiamo vista in attivo il giorno di Capodanno nel nostro teatro; l’abbiamo portata a Roma alla Fiera Internazionale del Turismo dove c’è stato un collegamento con radio Due […]”. A tal proposito Paolo Covella, data la recente vittoria della sinistra alle amministrative, con sottile ironia, chiede: “E se mandassimo la banda ‘Paolo Falcicchio’ a Napoli e a Milano per festeggiare la giornata odierna?”.

Le foto sono opera di Mario Di Giuseppe che ringraziamo per la disponibilità dimostrata nei confronti della nostra Redazione.

Commenti  

 
#1 Antonio Contaldo 2011-07-02 17:01
Vorrei unirmi a tutti coloro che hanno valorizzato l'operato e l'alta professionalità di Giovanni Mastrovito che ho avuto la fortuna di conoscere sul campo in quanto, io, clarinetto di spalla nel rinomato complesso di Conversano allora diretto dall'illustre Gioacchino Ligonzo negli anni 1974-75. Ricordo ancora le piazze in religioso ascolto durante le romanze della Turandot, del Trovatore e della oggi poco eseguita Manon Lescaut.Complimenti vivissimi allo scrittore che ha avuto l'arguzia di dedicargli un libro che sicuramente andrà a far parte della letteratura degli "artisti solisti" del settore bandistico. Se fosse possibile desidererei salutarlo affettuosamente e chiedo come fare per avere il raro
lav oro letterario in modo che anch'io possa gioire per le doti umane e artistiche di Giovanni Mastrovito. Saluti a tutti. Se può servire questo è il mio indirizzo:
M° Antonio Contaldo, Via Calabria n.15 - 85026 Palazzo S.Gervasio (PZ) Tel. 097244309- cell. 3287073637.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.