Sabato 06 Giugno 2020
   
Text Size

SAN FILIPPO, “LA NOSTRA BELLA FESTA LAPIDATA” -foto-

san-filippo-in-processione-

alfonso-turra2Ben 126 (incluse le 17 formato “francobollo” nel risvolto della copertina) le pubblicità presenti nelle 52 pagine della brochure inneggiante i “Solenni festeggiamenti in onore del Santo Patrono”, a conferma di una chiusura in bellezza anche senza fuochi d’artificio (colpa della guerra in Libia?) per l’attuale Comitato della Festa Patronale sotto la presidenza di Alfonso Turra.

Una brochure che, a onor del vero in pochi hanno visto in giro, nella quale oltre all’invito di don Tonino Posa alla ricerca anche attraverso i media dei valori cristiani promossi da San Filippo, compare l’elenco delle opere devozionali del san-filippo-chiavisindaco Piero Longo (sala dedicata al santo, ciclo pittorico del ‘700 ricevuto in dono, la contestata statua in Piazza Dalla Chiesa (STATUA SAN FILIPPO: CRONACA INAUGURAZIONE - foto e video), pellegrinaggi (LE FOTO ROMANE DEL SINDACO “SCIO” (SHOW ALLA GIOIESE) e, “dulcis in fundo”, pieno possesso delle chiavi d’oro della città,  “regalo” del dottor Giuseppe Leone e fino ad oggi solo “in uso” (a saperlo che erano… in prestito, erano in pochi).

Alfonso Turra, su cui piovono strali per il dissesto del Comitato (CIRCA 70 MILA EURO PER LA FESTA PATRONALE), esordisce con un’affermazione che ai più ha fatto tirare un sospiro di sollievo: “ … Lascio san-filippo-processione-piasicuramente la mia carica a fine mandato…”, per poi aggiungere “…soddisfatto di aver raggiunto quei traguardi che mi ero prefissato…” e già qui qualcuno potrebbe aver da obiettare sulla bontà dei traguardi.

Che poi si dichiari “…certo di aver lasciato un arricchimento al patrimonio che altri  - prima di lui, gli avevano consegnato – ed ancora di sentirsi  “ricco” grazie ad  “un’esperienza bellissima”, lascia ancora più sconcertati, ma è nei ringraziamenti che si svela l’arcano: “Un grazie particolare alle aziende, agli artigiani, ai commercianti che hannosan-filippo-partecipazione voluto elargire un cospicuo contributo economico per la realizzazione degli eventi”, e “all’amministrazione comunale per la partecipazione attenta a volte non disinteressata…”.

Che dire che non sia stato già pubblicamente sottoscritto?

Tornando alla festa vera e propria, vissuta in sordina e sottotono per vari motivi, non ultimo “l’addio al Comitato” di cui sopra, che lungi dall’aver impoverito la festività potrebbe aver “arricchito” di un’ennesima esperienza positiva il Turra,san-filippo-discorso-sindac si registra una buona partecipazione al programma liturgico, indice di un risveglio devozionale che rincuora, nonostante alcune debacle istituzionali.

Il povero Longo nel suo discorso al cospetto del Santo Patrono ha, infatti, commesso più di un errore “storico”, oltre ad aver ripetuto più volte e in modo alquanto confuso i soliti concetti (quadri donati, statua, pellegrinaggi ecc.) e letto - udite, udite - indossando la fascia tricolore una delle letture durante la liturgia.

san-filippo-centro-ascoltoPromosso a pieni voti il Centro di Ascolto “Dal Silenzio alla Parola”, operoso, efficace ed efficiente come sempre, bene anche i concerti bandistici, rinvigoriti dall’attenzione rivolta alla storia della Banda di Gioia da Paolo Covella nel suo “Giannino Mastrovito, il Pavarotti degli ottoni” e la scuola media Losapio, di cui è stato pochissimo pubblicizzato il seppur notevole impegno iconografico, agiografico e aneddotico sul Santo.

Processioni “in notturna”, con grande gaudio dei portatori e di piccini in abito da Comunione, famiglie e san-filippo-piazza-vuotacongreghe, tutti impegnati in un percorso ampio e completo, meno contenti i commercianti ambulanti, cui è stato sottratto un importante e vitale spazio espositivo, a totale vantaggio dei negozi che insistono su Corso Garibaldi (quasi tutti monopolio della famiglia Savino).

Scarsa partecipazione e pubblicità alla bella iniziativa dell’oratorio, lo scorso anno interparrocchiale e “pensato” in febbraio, quest’anno appannaggio della Chiesa Madre ed improvvisato, così come il torneo di calcio tra le parrocchie, proposto al palazzetto nel caos delle giostre e con ovvi problemi di agibilità e premiato in chiesa.

san-filippo-giostreSulle giostre, vere “star” di questa festività, centinaia di biglietti parzialmente in omaggio (0.50 euro per quelli erogati e 0.50 da consegnare al gestore prima di andarci sopra), distribuiti sul posto.

Un pifferaio magico mai avrebbe potuto attrarre più “topolini”, pronti a bigiare la scuola e comunque restii a svolgere i compiti pomeridiani, dando vita ad un giro “d’affari” che ha pesato e non poco sulle tasche dei genitori, nonostante artate  “leggende metropolitane”  tentassero di gettar discapito sul sito, una per tutte il volo di otto metri fatto da un ragazzo da una giostra su cui si “esibiva” senza protezioni.

san-filippo-ambulantiQuanto alle bancarelle, al pari delle giostre, sei giorni all’addiaccio sono davvero  troppi! Estenuati i poveri ambulanti, tra l’altro rifiutati da Bed & Breakfast e alberghi se di colore, hanno chiuso “buste” e battenti in anticipo, scegliendo altre località per esporre le loro mercanzie.

Mai, a memoria di gioiese, si son visti andar via intorno alle 23.30 tanti ambulanti la sera del 26 maggio, complici i fuochi d’artificio “fantasmsan-filippo-ballerini-hip-ha” che dal Seven sono migrati sulla caserma dei Carabinieri più o meno alla stessa ora.

Per non parlare del mortorio nei due giorni seguenti, sabato erano già “desaparecidos” le luminarie della  galleria in corso Garibaldi e un malinconico revival della “Grande orchestra italiana” il 28, a luci spente in piazza Plebiscito, ha allietato i pochi gioiesi presenti.

Il 27 un fuori programma Hip Hop, alcuni ragazzi di Bari si sono esibiti per strada intorno alle 23, anche in questa occasione pochi astanti (ma la gente dov’era nelle serate canonicsan-filippo-rimozione-illumhe di festa?), davvero coinvolti e conquistati dalla bravura e dalla simpatia dei ballerini.

E Domenica la beltà di Simona Quaranta e la Filippetti band non hanno certamente compiuto il miracolo del tutti in piazza per il saluto finale.

Tra le massime di San Filippo riportate in brochure troviamo: “Figliuoli, state allegramente, non voglio scrupoli né malinconie, mi basta che non facciate peccati!

Se oltre a scriverla, qualcuno l’avesse anche adottata e messa in pratica, forse oggi non vedremmo la nostra bella festa… “lapidata”!

Le immagini della festa sono opera di Mario Di Giuseppe che ringraziamo per la collaborazione.

Commenti  

 
#19 joha x sempre 2011-06-08 08:34
allora riorganizziamolo qst comitato, ma cn persone vere, pronte a rimboccarsi veramente le mani e nn sl x mostrarsi davanti alla gente x qll ke nn hanno fatto.....
 
 
#18 antonella 2011-06-04 19:34
Un plauso a Mario Di Giuseppe! E' lui il vero promotore della festa! Le sue foto testimoniano e documentano più di ogni scritto la festa patronale! Che poi sia stata più o meno bella delle altre, più o meno apprezzata è relativo. E' bello ciò che piace... o no?
 
 
#17 anna 23 2011-06-03 20:13
peccato sfogliare le pagine di internet e leggere di tanta diffamazione sulla nostra amata festa patronale....troppe persone disfattiste, troppi commenti non proprio veri ed offensivi x le poche persone che, invece anche al rito religioso partecipano per mera devozione tralasciando commenti deleteri e dettagli esteriori. Quanto alla noia che alcuni hanno respirato nelle serate del 24-25-26 maggio c'e da chiedersi dove sono queste persone quando ci si incontra durante l'anno, anche per costituire il comitato o fare proposte innovative. Credo che, vista tanta insoddisfazione, si avranno innumerevoli proposte per gli anni a venire...il mio augurio, da gioiese incallita e' che, a tanta diffamia, faccia seguito una sfirza di cittadini in coda per riorganizzare il tutto!!!!!saremo qui a complimentarci con loro...e' una sfida!!!
 
 
#16 hru 2011-06-02 23:25
non capiscono chi siano, ne cosa centrino queste "M&M" in tutti i commenti. Sembrano accusate di qualsiasi cosa e tra poco anke x gli errori del sindaco! a questo punto accusiamoli degli errori del presidente berlusconi! cmq non serve criticare, ma se si vuole cambiare qualcosa rimboccatevi le maniche e fate qualcosa! servono i fatti e non le parole! E con ste MeM parlateci in privato e non infastidite i lettori!!!
 
 
#15 Marica 2011-06-02 10:26
M&M? E cosa c'entrano adesso la "M&M corporation"? Fino a prova contraria M&M non fanno parte né del comitato e né erano le responsabili dell'organizzazione dell'oratorio. Inviterei, pertanto, il signor joha per sempre, che ha molto coraggio nell'assumersi le responsabilità di ciò che scrive firmandosi con uno pseudonimo, di informarsi in maniera adeguata prima di sparare accuse e fare dell'ironia. Lo invito, altresì, a collaborare, in modo tale che anche lui fornisca un contributo per la realizzazione dell'attività dell'oratorio e della festa patronale, anziché parlare soltanto. I fatti servono, non le chiacchere!
 
 
#14 giacobino 2011-06-01 14:40
Da buon giacobino ripudio la forca, la ghigliottina e il rogo, ma non l'esilio. Già, per quello che hanno combinato i dirigenti del comitato festa patronale in questi ultimi tre anni, li avrei mandato in Siberia.
 
 
#13 joha x sempre 2011-05-31 23:57
ma il sindaco il 25 e il 27 dv stava???
 
 
#12 joha x sempre 2011-05-31 23:53
l'oratorio inesistente......booh, dov'era???? grazie M & M cm sempre nn vi smentite mai.
x nn parlare della festa in se x se. E' anke vero ke x organizzarne una, cè dietro un lavoraccio enorme ke molti nn comprendono e sn solo bravi a criticare, ma è anke vero ke nn si è respirata l'aria di festa degli altri anni. Per nn parlare del personale delle associazioni di volontariato fatte venire anke da putignano e nn solo: nn si è visto un servizio d'ordine degno di una manifestazione......gente ke passava di mezzo alla processione, ecc.
E' il momento di cambiare, di lasciare tt in mano di gente competente, giovane e in grado di saper organizzare una "Bella" festa. Poi il personale del comitato presente sulla brochure, dove stava????
Io ho visto solo Alfonso TURRA di fare avanti e dietro, presidente e ke cmq dovrebbe essere solo di rappresentanza.....SVEGLIAAAAAAAAAA è l'ora di Cambiare, cm diceva lo slogan del nostro amato sindaco ad inizio mandato.
Spazio ai giovani e nn alla M & M corporations!!!!
 
 
#11 io 2011-05-31 21:53
@Antonio: Sono convinto che se si da in gestione l'organizzazione della festa ai giovani delle parrocchie gioiesi, con l'aiuto di qualche adulto, sarebbero in grado di metter su una signora festa anche con 1000€! Anche senza "pomposità", pubblicità, con pochi soldi sarebbero in grado di metter su qualcosa di bello, fresco (sopratutto!) in modo semplice e adeguato alla situazione economica. E' inutile dare la colpa ai gioiesi che sparlano (che poi non sparlano, si lamentano, giustamente, di un qualcosa che non va) e che "non danno 1 lira", probabilmente è perchè non si sentono soddisfatti del lavoro eseguito, io non pagherei mai due volte una pizza che non mi piace! I soldi sono relativamente importanti! Si poteva organizzare una festa più sobria senza stravolgere le tradizioni, potevano essere ridotte le luminarie ad esempio o sistemare alcune più piccole, potevano essere evitate due serate di intrattenimento ecc. Le soluzioni si trovano!!
 
 
#10 utopico 2011-05-30 20:06
Una sfilata di nulla facenti in cerca di visibilità come la chiamano loro!
 
 
#9 mavà 2011-05-30 19:19
... e quelli che oggi ci sono a manovrare non lo sapevano... o per caso sono stati costretti perchè... consigliati dal... medico... ma per favore, sempre a difendere, anche l'indifendibile... ma cambierà, cambierà, eccome se cambierà... magari con altra gente (speriamo), ma cambierà... l'ora ormai è passata da un pezzo...
 
 
#8 Antonio N. 2011-05-30 18:35
tutti bravi a criticare fatela voi una festa del genere e poi mi dite!!! andate nel comitato feste partecipate!!! e il resto della gente partecipasse anche con un solo euro e vedrete che le cose cambiano! invece siete voi che non cambierete MAI! sempre a Sparlare il gioiese sempre!
 
 
#7 Giovanni 2011-05-30 17:35
La processione??? Ma che mi dite...una semplice passeggiata e sfilata di autorità che sorridevano a destra e a sinistra...
IN ITALIA L'ARIA STA CAMBIANDO...SPERIAMO ANCHE A GIOIA!!!!
 
 
#6 Marica 2011-05-30 15:54
L'Oratorio in piazza non era "appannaggio" della Chiesa Madre, ma della parrocchia San Vito. Tra le cause che hanno portato ad una scarsissima partecipazione dei bambini c'è anche la mancanza di organizzazione tra le stesse parrocchie, dato che, a differenza dell'anno scorso, non ci sono stati degli incontri organizzativi e questo, tra l'altro, ha portato alcune parrocchie a non partecipare non per volontà di boicottaggio, ma per l'assenza di informazioni e/o per informazioni fornite in maniera confusa e poco chiara.
In quanto alla festa sono rimasta molto sconcertata per l'aria di noia e di arrancamento che si respirava. Per quanto riguarda l'aspetto civile della festa non mi è piaciuta per niente la presenza delle giostre per un'intera settimana, che ha "sconvolto" in parte il brio dei tre giorni di festa. Per non parlare dell'assenza di bancarelle su Corso Garibaldi, colpevoli di oscurare le vetrine di un noto negozio, che è diventato ossessionante al pari di un incubo ricorrente con i suoi numerosi negozi (che qualcuno lo fermi, please!).
Per quanto riguarda l'aspetto religioso sono rimasta completamente scioccata dalla sciatteria della processione dalla statua fino alla croce. E non mi è piaciuta la presenza in branco dei genitori dei bambini di Prima Comunione, soprattutto di quei genitori talmente apprensivi da non far portare la cassetta delle offerte ai propri figli, perché altrimenti non avrebbero potuto bere l'acqua portata da mammà... Nessuno vieta ai genitori di partecipare, ma dovevano ricordare due cose: prima di tutto i loro figli erano in processione e non stavano andando in guerra; infine era una processione e non una passeggiata, quindi avrebbero dovuto contribuire all'ordine della processione camminando ai lati.
 
 
#5 io 2011-05-30 13:21
tralasciando la pietosa festa anch'io mi chiedo... ma la gente il 27 e il 28... dov'era??
 
 
#4 vera 2011-05-30 11:26
CHE GRANDUOMO IL NOSTRO SINDACO! IN CHIESA E ALL'INIZIO DI UNA FUNZIONE RELIGIOSA IN ONORE DEL SANTO PATRONO LUI COSA FA????....GIOCHERELLA CON IL CELLULARE!MA NELLE CHIESE NON è INOPPORTUNO L'USO DEL CELLULARE???? BAHHH!
 
 
#3 CAL81 2011-05-30 11:02
Il comitato si è disinteressato dell'Oratorio perchè e quasi certamente non aveva il suo tornaconto personale da quasta magnifica iniziztiva no profit. Al comitato interessano solo le iniziative con profit economico.... menemale che E' FINIITA!!!!!!
 
 
#2 MARAUDER 2011-05-30 09:47
Festa "lapidata" ???
 
 
#1 Giovani Parrocchie 2011-05-30 09:37
Da correggere che: l'oratorio è stato organizzato da alcuni giovani di tutte le parrocchie,improvvisato per la mancanza di collaborazione con il comitato feste. I giochi per pochi ci sono stati con tanto di service musicale grazie all'aiuto di volenterosi giovani!!!
Il torneo di calcio è stato ignorato da tutti,tranne che da chi vi ha partecipato e si è sentito solo in campo comunale vuoto. La premiazione doveva avvenire il 24 durante l'oratorio in piazza ma è stata rinviata prima dopo la messa del 27 in piazza plebiscito,poi nuovamente rinviata a prima della messa alle 17,30 una volta lì i ragazzi si sono sentiti dire:NO dopo la messa. Ma dopo la messa non c'è stato nulla!!! Premiazione rinviata! Per la cronaca il torneo se l'è aggiudicato la parrocchia Immacolata (2^Chiesa Madre, 3^San Vito, 4^ Santa Lucia, 5^ Sacro Cuore) e la coppa Fair Play è andata al Sacro Cuore.
Onore all'ANSPI che ha creduto in queste iniziative e ai ragazzi che hanno partecipato. Disinteressamento totale di tanti altri!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.