Martedì 12 Novembre 2019
   
Text Size

“I NOSTRI FIGLI E L’ALCOL”, FENOMENO SOTTOVALUTATO

tavolo-relatori-alcol

filo-di-arianna-relatoriL’associazione di promozione sociale ‘Filo d’Arianna’ ha presentato , giovedì 24 marzo 2011, alle ore 18, presso l’aula magna del liceo classico ‘P. V. Marone’, la conferenza dal titolo ‘I nostri figli e l’alcol’. L’associazione ‘Filo d’Arianna’ opera sul territorio gioiese dal maggio 2005 e si occupa della famiglia, quale punto di riferimento costante, e delle varie dinamiche che la intercorrono.

Hanno partecipato all’incontro, il dott. Filippo De Bellis, direttore della Comunità Lorusso – Cipparoli di Giovinazzo, e il dott. Giovanni Fiore, dirigente medico Dipartimento Dipendenze Patologiche Asl Bari.de-bellis-alcol

Introduce l’argomento il dott. Filippo De Bellis, che si occupa di tossicodipendenza dal 1994, auspicando che la serie degli incontri sull’alcol, organizzati dall’Associazione, possano portare ad una presa di coscienza del disagio. Evitando ogni moralismo sottolinea le difficoltà di comunicazione tra i cambi generazionali, e pone l’attenzione sull’abbassamento dell’età e sulla sottovalutazione del pericolo relativo al consumo di bevande alcoliche. E aggiunge: “Forse perché c’è un’ambiguità insita nel termine stesso dell’alcool, che è un’ambiguità culturale, religiosa […]”.alcol-intervento-dottore

Trattasi di un’ambiguità connaturale al festoso, ma al tempo stesso rischioso dio Dioniso, che tra canti e danze sfrenate, ha affascinato e affascina il genere umano: “rallegra il cuore umano”, afferma la Bibbia. Ed è su questa dicotomia che verte l’intervento - ‘Alcol: alimento o veleno’ - del dott. Fiore.

L’incipit è eloquente: “L’argomento alcol come quello delle dipendenze è davvero vasto, e dopo 33 anni di servizio filo-di-arianna-pubblicol’unica cosa che ho capito è che si tratta di un argomento che ancora mi sfugge, nonostante la mia larga esperienza ospedaliera in reparto psichiatrico”. Attraverso l’ausilio di slide esplicative, il dottor Fiore, ha spiegato all’uditorio che cos’è l’alcol - sostanza tossica potenzialmente cancerogena con capacità di indurre una dipendenza maggiore rispetto ad altre sostanze stupefacenti - e quali sono gli effetti.

Tra i danni fisici annovera: i tumori, le pancreatite acute o croniche, le esofagiti, la ridotta fertilità, le cirrosi, l’ipertensione arteriosa. Molti sono anche i danni psichici, tra i quali: allucinazioni uditive, il delirio cronico di gelosia, locandina_filo_darianna_marzo_2011e il delirio tremens che - come lo stesso dottor Fiore afferma - “è caratterizzato da profonda confusione, tremori e allucinazioni ed è causa di momenti terribili, pericolosi per se stessi e per gli altri”. Aggiunge che l’alcol non è un fenomeno legato esclusivamente ai giovani, ma trasversale e dalle molteplici ragioni. Statisticamente esprime un disagio interiore, una carenza affettiva.

In proposito Dalila Bellacicco - redattrice de ‘La Piazza’ e del quotidiano online ‘Gioianet’ -, che modera gli incontri, afferma: “L'alcol spesso è utilizzato come automedicazione, aiuta a vincere la timidezza o anche la depressione […].I  ragazzi ne fanno uso e abuso anche per questo e poi alla guida in stato di ebbrezza rischiano di schiantarsi”.

Il dott. Fiore parla, inoltre, di chi non deve assolutamente assumere bevande alcoliche: i bambini e gli adolescenti, donne in gravidanza e in allattamento, malati cronici. Si sofferma, infine, sugli effetti che l’alcol ha su soggetti che hanno assunto medicinali.

Una conferenza che ha raggiunto appieno il suo intento esplicativo e che sarà seguita da altri tre appuntamenti: giovedì 31 marzo, giovedì 14 aprile, e giovedì 28 aprile alle ore 18 e nel medesimo luogo.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.