Mercoledì 22 Maggio 2019
   
Text Size

GENERAZIONE 1000 EURO, “UN FUTURO SENZA FUTURO”

Generazione-1000-euro---dvd

490f2cc2173d9_zoomUn ulteriore contributo “giornalistico” è pervenuto in redazione dai ragazzi del Liceo Classico della prof.ssa Grazia Procino. A firmarlo, con lo pseudonimo Gosho, è una ragazza che ha voluto gridare il brutto momento che tantissimi giovani come lei stanno vivendo.

Un malessere che coinvolge genitori e un numero sempre più crescente di cittadini che criticamente si chiedono il perché di queste loro proteste, sempre più vibranti e frequenti.

 

----------------------------------------------------------

i-have-dream“Sin da piccoli ci chiedono ‘cosa vuoi fare da grande?’, e tutti rispondiamo con occhi luccicanti, pieni di sogni, che puntualmente si infrangono con il tempo. Fichte credeva che la società fosse un modo che l’uomo aveva per porsi dei limiti da superare per migliorare ed esprimere la propria libertà, ma i limiti che oggi ci vengono imposti non fanno altro che abbatterci sul nascere e soffocarci senza che ci sia alcuna crescita.

Tanti ragazzi non hanno potuto realizzarsi come avrebbero voluto in ambiti in cui la passione li avrebbe condotti a essere delle eccellenze. Speculazioni errate nella gestione del denaro pubblico hanno portato alla scarsa considerazione di settori inerenti alla cultura e di conseguenza chi ha doti non può andare avanti senza un adeguato sostegno economico.

Cosa vedo io nel mio futuro? Un futuro senza futuro.

Settimio-SeveroHo partecipato alle recenti manifestazioni studentesche e ho constatato con delusione e sfiducia la sordità di un governo chiuso che evita i confronti e aumenta i disagi, nonostante il fatto che trovandoci in una democrazia chi si trova su quelle poltrone sia un delegato del popolo eletto per tutelare i cittadini, violando così gli articoli principali della nostra Costituzione.

Per me non vedo futuro perché amo l’arte antica e vorrei diventare restauratrice studiando Tecnologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali, ma l’Università del Salento rischia il commissariamento nonostante la sua attenzione nel dare un’ottima preparazione e nell’offrire tante opportunità dopo l’università.19167-arcangelo-raffaele-e-piccolo-tobia-terracotta-invetriata-la-restauratrice-stefania-colombo-durante-il-consolidamneto-della-veste-480x480

La drastica riduzione delle borse di studio ha portato i costi della Casa dello Studente a cifre esorbitanti e la mia famiglia probabilmente sarà costretta ad aprire un terzo mutuo per poter pagare l’affitto insieme alle altre spese. In verità in Italia per un restauratore non c’è futuro perché mancano incentivi per conservare adeguatamente i beni culturali portando al crollo dei siti.

Per la mancanza di lavoro chiunque mi scoraggia dicendomi di abbandonare l’idea di essere una res01_pasquinotauratrice, ma il bruciante ardore per l’arte e la passione per l’antico me lo impediscono. L’unico futuro che vedo è un futuro di sforzi mal ripagati, ingiustizie, sotterfugi e falsità a causa di una società codina e ignorante di cui il governo ne è l’emblema.

Ne è infatti un esempio il fatto che il Presidente del Consiglio ha fatto aggiungere a un gruppo di sculture antiche delle parti mancanti, violando i codici fondamentali per eseguire operazioni di restauro.

Ma, nonostante il buio che ho davanti, lotterò in maniera titanica per il mio sogno insieme a tutti quei ragazzi con un futuro senza futuro come il mio, insieme alla mia ‘generazione 1000 euro’.”

Gosho

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI