Martedì 17 Settembre 2019
   
Text Size

AUGURI DI NATALE DAL CORO SCUOLA CARANO

concerto-natale-carano

targa-auditorium-caranostano-preside-caranoIn occasione dell’inaugurazione dell’auditorium della scuola secondaria di primo grado “E. Carano” intitolato ad Orazio Masi – ex preside della scuola e uomo di grande cultura – l’attuale preside, il professor G. Stano, ha presentato il 21 dicembre, presso il medesimo auditorium, il consueto e suggestivoConcerto di natale”.

Uno spettacolo all’insegna della musica dato dalla professionalità del professor Vito Laudadio, che insieme ai ragazzi partecipanti al suo laboratorio sperimentale di musica, ha preparato cori e canti.laudadio-coro-carano

Trattasi di laboratori organizzati attraverso i PON (Programmi Operativi Nazionali) ideati per sostenere la qualità del sistema dell’istruzione in alcune regioni italiane, tra le quali spicca la Puglia, dove sono erogati fondi alle scuole da Ministero dell’Istruzione.

Il tutto ha inizio con la presenza sul palco di un piccolo-grande presentatore, dalla simpatia esilarante, ha illustrato all’uditorio i numerosi brani musicali scelti per augurare, attraverso quel linguaggio univcoro-caranoersale e potentissimo che è la musica, un Sereno Natale e un Felice Anno Nuovo. Ed aggiunge: “Ci siamo divertiti molto con il professor Laudadio, perché la musica ha rappresentato per noi un piacevole momento di svago”!

Il primo brano è del 1941, brano famosissimo di Irving Berlin, interpretato e tradotto, infatti, in diverse versioni, il cui titolo originale è “White Christmas”, il nostro “Bianco Natale”. Si continua con un altro clamoroso successo “Astro del ciel”, che in inglese è “Still Nacht”, canto di origine austriaca, e composto da Franz Xaver Gruber, agli inizi dell’800.

Si passa attraverso un canto della tracoro-carano-2dizione americana dedicato a Saint Nicholas, al nostro sempre caro Babbo Natale. O, ancora, attraverso il canto inglese, “The first Noel” (Primo Natale) del XVI secolo e pubblicato per la prima volta nella prima metà dell’Ottocento con gli arrangiamenti di Davies Gilbert. Fino ad arrivare a “L’anno che verrà” del nostro Lucio Dalla, canzone simbolo di buon auspicio per l’anno nuovo.

A dare valore aggiunto alla dolce atmosfera natalizia le bellissime voci bianche che aleggiavano nell’aria, il cui augurio di Buon Natale diventa ancora più magico!

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.