Martedì 17 Maggio 2022
   
Text Size

Dehors pericolosi, ma i commercianti non hanno colpa/foto

IMG-1536

1-IMG-20210522-WA0007 A chi si fermerà a leggere solo il titolo, come accaduto per il comunicato della Bottega pubblicato nei giorni scorsi, quanto andremo a denunciare interesserà ben poco. Sì, non è contro i commercianti, anche quelli che non hanno ricevuto danni ma incrementi di affari, ad esempio il comparto alimentare, ortofrutticolo e le macellerie, che va puntato il dito, ma contro chi concede e legittima l’installazione di dehors senza minimamente valutare i pericolosi “effetti collaterali” che gli spazi sottratti ai cittadini ed offerti ai clienti causano.

Alcuni esempi… Se il dehors occupa oltre la metà di una strada inizialmente a doppio senso, logica vorrebbe che in quel tratto si insediasse un divieto di sosta senza stravolgere l’intera viabilità del quartiere. Invece in via Gramsci con ordinanza n. 32 del Corpo della Polizia MunicipIMG-1589ale (firmata il 21 aprile e pubblicata il 21 maggio) si è ben pensato di trasformare l’intera strada in senso unico in funzione di un dehors e, con non poco dispendio di segnaletica in ogni traversa e disagi ai residenti che per tornare a casa oggi sono costretti a “circumnavigare” Piazza Berlinguer. E’ normale stravolgere la viabilità di un intero quartiere in funzione di un dehors sovradimensionato, ed alimentare il malcontento dei condomini che non solo non concedono l’utilizzo del giardino condominiale, ma negano anche il parcheggio ai clienti?

Se in un corso in prossimità del più importante incrocio cittadino a ridosso del municipio, oltre allo spazio della carreggiata in cui si parcheggia concesso al bar, viene consentito di aggiungere fioriere che occupano altri 40 centimetri, impedendo il corretto e normale defluire in doppia corsia delle auto, con lunghe code (e smog che condisce le consumazioni dei clienti), chi ne ha colpa?

Se un’intera strada viene chiusa al traffico di giorno e di notte per concedere spazio al dehors in “compresenza” di un bar e di una macelleria in pieno centro, rendendo impo3-IMG-1541ssibile l’accesso ai residenti che devono dribblare tra i tavoli, ai passanti costretti alla circumnavigazione della piazzetta e agli esercizi che su quel tratto insistono, a chi ci deve si rivolgere? Se un anziano, un ragazzino, una mamma con passeggino scendendo dal marciapiede occupato da sedie e tavolini vengono investiti, chi ne è responsabile?

Il problema non sono i commercianti né i dehors, ma le valutazioni NON fatte prima di concederli. Ad esempio non era il caso di suggerire al titolare di bar e macelleria di poggiare tavolini e sedie sulla piazzetta distante pochi metri, al pasticciere all’ingresso, davanti alle numerose vetrine o al bar di fronte al Rossini di usare un divisorio più sottile?

Che si ponga rimedio, aggiustando il tiro è il minimo.

Abbiamo apprezzato lo spostamento del dehors posizionato in piena curva in via Manin qualche metro più avanti, di quello situato in via Vittime della 2-IMG-1543mafia su piazza don Minozzi, e apprezzeremmo ancor di più se chi occupa Piazza Dalla Chiesa lasciasse spazio per gli scivoli dei disabili e che fosse esercitato un maggior controllo su tutti gli spazi condivisi.

La vivibilità di una città deve essere l’obiettivo prioritario di una amministrazione, un impegno costante, una progettualità in itinere. Se viene disattesa, se si mettono i cittadini l’uno contro l’altro, prevarrà la legge della giungla, le liti saranno all’ordine del giorno, le rappresaglie condominiali e di quartiere anche. 

L’alternativa? Chiudere al traffico non solo il centro storico, ma tutti i quartieri che ospitano dehors, penalizzando residenti e diversamente abili che, se impediti nel muoversi a piedi, non riusciranno a far spesa, ad accedere a quegli stessi esercizi commerciali, a rientrare in casa.

E per l’ennesima volta saranno i cittadini più fragili ad esser penalizzati.

Il vero problema è che si naviga a vista, che ogni conc8-IMG-1539essione sia pur legittima è sottoposta al vaglio del politico di turno che pur di accontentare, pur di raccogliere un minimo consenso, non esita a penalizzare chi non alza la voce e magari a dare anche disposizioni. Ma le “voci” girano e l’eco le amplifica.

E che dire di chi dovrebbe essere braccio e mente dell’amministrazione e tecnicamente vigilare, dare indicazioni, controllare? Gli uffici, gli ufficiali preposti, dove sono?

Il commerciante fa il suo mestiere e i suoi interessi, il politico anche… ma gli impiegati tecnici, i funzionari hanno una vaga idea di quel che dovrebbero fare e di come farlo?

Non è un voler a tutti i costi “puntare il dito” o trovare un capro espiatorio, ma invitare chi di dovere ad assumersi le proprie responsabilità nei confronti dei cittadini, dei commercianti e degli stessi clienti che potrebbero trovarsi loro malgrado coinvolti in incidenti e faide.

Per visualizzare la gallery cliccare sul link sottostante

 

Commenti  

 
#18 DESTRA 2021-06-13 13:25
Come sta cambiando la destra in questi ultimi lustri : dall'ordine e l'intransigenza al paternalismo e al permissivismo ad oltranza ! E il paradosso è che ha consegnato agli ambienti democratici l'ingrato (?) ruolo dello sceriffo della contea ! Tutto ciò sa dell'incredibile !
Ma a proposito di democratici, si può sapere qual è la posizione del piddì su questo problema ? Permissivismo o rispetto delle regole ? E dei diritti dei cittadini ?
 
 
#17 Fortunato 2021-06-12 09:41
Non avevo visto bene...addirittura si fa un senso unico per poter consentire a un bar di servire i clienti all'aperto?Posso dare un consiglio?,,,chiudete proprio le strade che forse è meglio e non facciamo ridere la gente.COMPLIMENTI E' DA STRISCIA LA NOTIZIA
 
 
#16 Lettore 2021-06-12 07:27
L'hanno fatto troppo sporca in via Gramsci, c'è sempre il discorso clienteismo.
 
 
#15 Nicola A. 2021-06-11 09:21
@Rettile,
mi sa che ti è sfuggito di dire che l’esercizio di cui parli e che occupa interamente la sede stradale di Vico Rettile ha in concessione la pedana di via Manin. Perché invece di dare fastidio ai residenti di vico rettile, tra l’altro una stradina stretta, non usa la pedana di via Manin? Lo fa per puro spirito di contrasto?
Riguardo alle affermazioni del Sindaco Mastrangelo, se fossero vere, per fargli verificare di persona i veri disagi deve far mettere da qualche pizzeria/ristorante, numerosi tavoli SOTTO CASA SUA. Facile fare demagogia quando non si è direttamente coinvolti. Provare per credere! Vedrai che cambierà subito opinione e farà arrivare Carabinieri, Vigili, Ufficio Tecnico per far rimuovere i tavoli e magari assumerà qualcuno per vigilare H24 che nessuno disturbi il suo meritato riposo. Ovviamente, questo vale anche per la Giunta e la maggioranza.
Vero che gli esercenti devono lavorare, ma devono anche ricordarsi che nelle zone dove avviene il DISTURBO c’è tantissima gente che all’ALBA deve andare a LAVORARE. Non pensassero che devono lavorare SOLO LORO. SINDACO! Ho detto bene?
 
 
#14 Un lettore 2021-06-11 06:33
In via Gramsci l hanno fatto troppo sporca
 
 
#13 Un lettore 2021-06-11 06:27
Come al solito c'è clientelismo
 
 
#12 Cittadino libero 2021-06-11 05:11
Leggo dappertutto:delusi dall'amministrazione Mastrangelo!!!Cosa ci si aspettava?Come quasi tutte le amministrazioni gioiesi cerca di accontentare qua e là.
 
 
#11 DX 2021-06-11 01:48
Se Mastrangelo abbia coraggio o meno (ne dubito) non si vedra' in questo momento di transizione, ma quando tutto questo "si spera" sara' finito, cioe' quando i dehors selvaggi non avranno piu' "scuse". Intanto c'e' qualcos'altro che potrebbe fare subito, senza indulgenze post pandemiche: posti di blocco per motociclisti impazziti, e sequestro dei veicoli. Il vero pericolo (ed il conseguente inquinamento acustico del paese) sono queste teste di ...., non i dehors.
 
 
#10 Cittadino Honesto!1! 2021-06-10 23:27
Speriamo solo che nessuno faccia strike.
 
 
#9 Ludovico 2021-06-10 23:03
Uno scempio! Tra dehors, traffico impazzito, strade sgarrupate, macchine in seconda fila, come non definire la situazione del paese, uno scempio?
 
 
#8 Rettile 2021-06-10 21:34
Mi spiace dirlo ma l'amministrazione è sopratutto il sindaco Mastrangelo mi hanno deluso profondamente perché con questa storia dei dehors hanno ridotto stradine di pochi metri ad essere chiuse,inoltre creano confusione tra vociare e fumo di sigaretta fino a notte inoltrata(il coprifuoco e le regole anticovid vanno a farsi benedire),siamo costretti a chiudere finestre,siamo costretti a fare altre strade x tornare a casa nostra se no facciamo i dribbling tra i tavoli,abbiamo gente che aspetta un tavolo dietro le porte dei nostri sottani e in tutto questo non c'è mai stato un controllo da parte di vigili e forze dell'ordine.Il signor Mastrangelo più volte avvisato di questi comportamenti dall'anno scorso ha fatto orecchie da mercante tra l'altro un po di giorni fa all'ennesimo richiamo ha risposto dicendo-Devono lavorare non si può fare niente-invitando noi residenti di andare via o barricarci nelle case...Questo è il sindaco e i suoi discepoli!!!...Tutto questo succede in Vico Rettile e vi invito a passare in questa stradina il venerdì o sabato...Concludo dicendo che i commercianti devono lavorare ma noi dobbiamo vivere quindi bisognerebbe mettere delle regole x il quieto vivere sia dei commercianti che di noi residenti e rafforzare i controlli...
 
 
#7 Nicola A. 2021-06-10 21:04
In un articolo di circa un mese fa che trattava lo stesso argomento, conoscendo bene le "allegre" modalità di occupazione degli spazi per le pedane feci un commento che rispecchia in linea di massima l'articolo di GioiaNet.
Sono stato facile profeta in patria (eppure è diffcile esserlo). Ovviamente la colpa non è solo di chi NON CONTROLLA ma anche dei gestori che cercano di occupare il maggior spazio possibile ignorando VOLUTAMENTE (non credo alla buona fede) tutte le altre esigenze dei cittadini e della civile convivenza oltre alla mancanza del BUON SENSO CIVICO. E' proprio necessario che oltre alle pedane ci debbano essere sedili, seie, tavolini con "rotelle" vasi come se fossero new jersey, e tutte le varie astuzie per limitare il più possibile lo spazio di passaggio dei pedoni a ridosso delle pedane; esempi: vedere la pedana di fianco al Comune, lo spazio occupato a Piazza Luca d'Andrano lato scuola elementare, a piazza Pinto nelle vicinanze delle giostrine (basta la pedana...invece NO! si occupa anche il marciapiede di fronte) La pedana in via Manin, posta solo per occupare spazio visto che il gestore pone diversi tavolini su vico rettile (alle spalle dell'esercizio) occupando INTERAMENTE la sede stradale, stessa cosa avviene di fronte al Castello ed anche nella stradina per andare alla chiesa di Sant'Andrea. Per non parlare dei fruttivendoli che occupano i marciapiedi in barba a qualsasi regolamento, eppure costoro, durante la pandemia, hanno lavorato a ritmo sfrenato. Allora??? Cosa devono fare i pedoni?? Circolare sulla sede stradale?? L'Amministrazione e chi controlla vuole questo? Finchè non ci scappa un grave incidente o......?? Sarebbe opportuno porre rimedio con urgenza.
 
 
#6 Perplesso 2021-06-10 20:31
Ma chi si lamenta ha mai messo il naso fuori gioia??? Era ora che anche gioia si adeguasse
 
 
#5 Mariano 2021-06-10 20:05
Quasi ovunque, in Italia e all'estero, da sempre i centri storici vengono chiusi al traffico o limitati da ZTL per ovvi motivi di rispetto ambientale e per facilitare le passeggiate di chi va a piedi tranquillamente,magari guarda una vetrina o sorseggia un caffè senza veleni, naturalmente rispettando con opportuni provvedimenti disabili e residenti.
Noi non avremo mai questo che è ovvio e scontato ovunque, sicuramente vi sono responsabilità e non scelte dei politici e degli uffici preposti ma tanto conta la mentalità della gente che qui ama profondamente e visceralmente circolare in auto anche per pochi metri, non c'è alcuna educazione quindi mancanza di pianificazione ed abitudini ataviche e radicate coincidono.
 
 
#4 Hiulio 2021-06-10 19:38
Dehors ridicoli e pericolosi e chi non lo riconosce è sicuramente interessato. Come si fa a gustare qualsiasi cosa con gli scarichi delle marmitte. A parte questo, il degrado del paese è al limite massimo e mi ha colpito un palazzo abbastanza famoso, addirittura fatiscente. Il dubbio è legittimo: 110 * 100 senza nessun intoppo burocratico! Beato!
 
 
#3 Fortunato 2021-06-10 19:16
Il colmo dei colmi...... pur di prendere qualche consenso.Complimenti
 
 
#2 RABBRIVIDO 2021-06-10 19:09
Buonasera dalla città dei dehors. Spuntano come funghi dappertutto. Alcuni sono esileranti, ad esempio dehors in plastica senza tavolini ma utilizzato per posto macchina del titolare. Dehors per degustare ???? ai 4 idrocarburi, tavolini sui marciapiedi con menefreghismo per carrozzelle con bambini e adulti portatori di handicap. Chiusura strada tanto della congestione del traffico chissenefrega. Ma il dehors dei Debora è in via Putignano, strada a doppio senso trasformata in senso alternato, dicono che sia stata deliberata la trasformazione della strada in senso unico, peccato che il dehors sia nato prima della segnaletica del senso unico. In questa giungla di Dehors ci si chiede se sia tutto in regola. È regolare la richiesta del commerciante in quanto può richiedere qualsiasi cosa soggetta ad approvazione. È regolare la scelta politica di un'amministrazione che decide di concedere gratuitamente ai commercianti il suolo pubblico. Ma c'è sempre un ma, ed è rappresentato dalla regolarità di queste concessioni in relazione alle norme della viabilità stradale. E chi dovrebbe verificare la liceità di tutto ciò se non l'organo terzo demandato a tali controlli se non il corpo dei vigili urbani nella persona del Comandante FERRANTE????? Comandante ci faccia sapere se è tutto in regola, ovviamente in tempi e modi consoni alle sue molteplici incombenze, anche a ottobre/ novembre quando dei Debora non si avrà più bisogno. grazie
 
 
#1 Teo 2021-06-10 19:09
Deluso da questa amministrazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.