Lo scienziato gioiese Roberto Cazzolla Gatti su Repubblica

49126938127-7bd91b972b-o

084112913-b62c0f9c-f10c-4044-a1e8-58c9d378cb05 Un mese particolarmente denso di soddisfazioni quello appena iniziato per il biologo evoluzionista Roberto Cazzolla Gatti, oggi in prima pagina su Repubblica, definito "sentinella italiana" per le sue ricerche in Russia e nel mondo che attestano che negli ultimi 20 anni vi è stata una perdita di 2 milioni di ettari causata dall'uomo. E oggi denuncia: "Le fonti ufficiali parlano di incendi per il riscaldamento globale, la realtà è un'altra." https://www.repubblica.it/green-and-blue/ .

Dall'11 giugno nelle librerie italiane troveremo il suo ultimo libro "Io sono l'ambiente. Il manifesto di un biologo ambientalista per un mondo post-pandemico", edito da Libreria Universitaria Edizioni.

Il libro è già disponibile in prevendita online.

Ricordiamo alla vigilia della ripresa delle sperimentazioni dell'Itea, le sue ricerche sulle morti per tumore a Gioia.(Tumori a Gioia del Colle. Situazione allarmante. I risultati degli studi) – (Decessi per tumore a Gioia del Colle. Dati preoccupanti)(Mortalità per tumori a Gioia del Colle nel decennio 2009-2018).

Uno scienziato che colleziona premi e riconoscimenti in Italia e all’estero ma “criticato” nel suo paese natio a causa della pubblicazione di suoi studi inerenti le condizioni ambientali in cui versa la sua città.

DESCRIZIONE DEL LIBRO

“Nel corso degli ultimi secoli, l’espansione incontrollata e l’eccessi9788833593609vo sfruttamento dell’ambiente hanno messo in serio pericolo la stabilità planetaria e hanno fatto emergere pericolose minacce per l’uomo. L’attuale modello di sviluppo interferisce col sistema simbiotico e autoregolante di Gaia. In un pianeta altamente modificato dalla nostra specie, la diversità di biosfera, geosfera e antroposfera si è impoverita ed è ora meno resiliente. Molte delle nostre attività rappresentano un rischio per la salute della Terra, ma anche per l’umanità stessa. Mai come in quest’epoca, Homo sapiens sapiens si trova a far fronte, tra le tante minacce, a nuove zoonosi su scala globale – come la recente pandemia causata dal virus SARS-CoV-2, che ha riportato la scienza in primo piano nel dibattito pubblico sul futuro del nostro pianeta – e a patologie ancor più diffuse, indotte dalla contaminazione ambientale.

Questo libro non è solo un manifesto ecologista, ma anche uno strumento per comprendere l’importanza della tutela dell’ambiente e della biodiversità in relazione alle numerose interdipendenze che caratterizzano le attuali questioni globali. Il testo libro analizza alcune delle principali problematiche ambientali tra cui – oltre alla pandemia di Covid-19 – l’inquinamento marino e terrestre, l’agricoltura e la pesca intensive, il cibo contaminato da pesticidi e gli OGM, l’alimentazione biologica e vegetariana, i cambiamenti climatici, le estinzioni, la deforestazione, ecc..

Ciò che emerge chiaramente, capitolo dopo capitolo, è che viviamo in un mondo complesso e in costante evoluzione, dove ogni essere vivente è connesso, direttamente o indirettamente, a tutti gli altri. Potremo davvero cambiare le cose solo se ne diventeremo pienamente consapevoli”.