Martedì 17 Maggio 2022
   
Text Size

MISURE ANTICOVID-19. LE NUOVE MODIFICHE SULLE RIAPERTURE

immagini-quotidiano-net

edc1e9c1ec9b5501633fe20b3abcc8bfIl Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro della salute Roberto Speranza, lunedì 17 maggio, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti relative all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

In considerazione dell’andamento della curva epidemiologica e dello stato di attuazione del piano vaccinale, il testo modifica i parametri di ingresso nelle “zone colorate”, secondo criteri proposti dal Ministero della salute, in modo che assumano principale rilievo l’incidenza dei contagi rispetto alla popolazione complessiva nonché il tasso di occupazione dei posti letto in area medica e in terapia intensiva.
Inoltre, nelle “zone gialle” si prevedono rilevanti, ancorché graduali, modifiche.

Di seguito le principali:

Dall’entrata in vigore del decreto, il divieto di spostamenti dovuti a motivi diversi da quelli di lavoro, necessità o salute, attualmente previsto dalle ore 22.00 alle 5.00, sarà ridotto di un’ora, rimanendo quindi valido dalle 23.00 alle 5.00. A partire dal 7 giugno 2021, sarà valido dalle ore 24.00 alle 5.00.

Dal 21 giugno 2021 sarà completamente abolito;

Dal 1° giugno sarà possibile consumare cibi e bevande all’interno dei locali anche oltre le 18.00, fino all’orario di chiusura previsto dalle norme sugli spostamenti;

Dal 22 maggio, tutti gli esercizi presenti nei mercati, centri commerciali, gallerie e parchi commerciali potranno restare aperti anche nei giorni festivi e prefestivi;

Anticipata al 24 maggio, rispetto al 1° giugno, la riapertura delle palestre;apertura-palestre-07052021

Dal 1° luglio potranno riaprire le piscine al chiuso, i centri natatori e i centri benessere, nel rispetto delle linee guide e dei protocolli;

Dal 1° giugno all’aperto e dal 1° luglio al chiuso, sarà consentita la presenza di pubblico, nei limiti già previsti (25 per cento della capienza massima, con il limite di 1.000 persone all’aperto e 500 al chiuso), per tutte le competizioni o eventi sportivi (non solo a quelli di interesse nazionale);

Dal 22 maggio sarà possibile riaprire gli impianti di risalita in montagna, nel rispetto delle linee guida di settore;

Dal 1° luglio sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò potranno riaprire al pubblico;

Parchi tematici e di divertimento potranno riaprire al pubblico dal 15 giugno, anziché dal 1° luglio;

Tutte le attività di centri culturali, centri sociali e centri ricreativi saranno di nuovo possibili dal 1° luglio;

Dal 15 giugno saranno possibili, anche al chiuso, le feste e i ricevimenti successivi a cerimonie civili o religiose, tramite uso della “certificazione verde”. Restano sospese le attività in sale da ballo, discoteche e simili, all’aperto o al chiuso;

Dal 1° luglio sarà nuovamente possibile tenere corsi di formazione in presenza”.

 

Commenti  

 
#1 Nicola A. 2021-05-19 19:08
Nuove normative Covid e occupazione suolo pubblico. E' noto che agli esercenti è consentito fino a Settembre compreso l'occupazione dei suolo pubblico senza oneri in misura superiore a quella della concessione. Vorrei porre all'attenzione di tutti una proposta in modo che gli esercenti interessati possano con un po di accortezza fare in modo che la maggiore superficie occupata non sia di intralcio al passaggio pedonale. Una nota pizzeria, una pasticceria ed un bar ubicati su Corso Garibaldi, secondo me, potrebbero occupare interamente il marciapiede ma devono chiedere l'abolizione serale di qualche posto auto prospicente gli sercizi creando il passo pedonale con delle transenne. Insomma più posti a tavola e qualche posto auto in meno per consentire il passaggio pedonale. Presumo che questo si possa attuare ovunque ci sia spazio sufficiente. Dopotutto, la rinuncia ai posti auto è già operativa in vari punti della città, spazi occupati da pedane per consentire le consumazioni all'aperto. In più ci sarebbe un risvolto positivo; MENO AUTO e più passeggiate rilassanti. Diamo una mano a chi è stato fermo per moltissimi mesi, lasciamo l'auto in garage e ne gioveremo tutti, inoltre, i nostri polmoni, ringrazieranno.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.