Martedì 20 Ottobre 2020
   
Text Size

ELEZIONI REGIONALI. PRIME ANALISI CERTE SUL VOTO

elezioni-regionali-affluenza

135132310-601912ad-d49e-4bd6-aaf0-03a77e2fce6c

AGGIORNAMENTO SEGGI ASSEGNATI REGIONE PUGLIA

Candidati a Presidente
- Emiliano 46,78% - seggi 27
- Fitto 38,93% - seggi 17
- Laricchia 11,11% - seggi 5
- Scalfarotto 1,60% - seggi 0
- Conca 0,89% - seggi 0
- Cesaria 0,39% - seggi 0
- Bruni 0,17% - seggi 0
- D'Agosto 0,13% - seggi 0
--------------------------

È Michele Emiliano il candidato più votato anche a Gioia del Colle, raccoglie 6.472 voti. Fitto si ferma a 4.597. Tra i partiti più votati, sempre a Gioia, si conferma primo la Lega di Salvini con 1.942 voti trainata da Vito Etna. Secondo è il Partito Democratico con 1.699 voti, il maggior numero di preferenze è andato alla coppia Francesca Pietroforte e Mario Loizzo. Terza la lista Civica Emiliano Sindaco di Puglia con 1.455 voti guidata dall'ex sindaco Sergio Povia, minimo il distacco con Fratelli d'Italia 1.431 voti.

Il Movimento 5 Stelle ottiene 880 preferenze, quinta forza politica in assoluto, nonostante l’assenza a Gioia del Colle, da sempre, di una sede di riferimento e di un candidato locale.

Nel centro sinistra “Senso unico un nuovo ulivo per la Puglia” porta a casa 661 voti seguito da “Italia in Comune” con 554. Nel centro destra, Forza Italia, che non presentava candidati locali, raccoglie 745 voti.

Una piccola annotazione a margine della competizione su cui molti cittadini e politici dovrebbero interrogarsi.

Su un totale di 29 liste, che hanno partecipato a queste elezioni regionali, ben 17 non hanno ottenuto più di 50 voti. Di cui 8 appartenenti alla coalizione pro Emiliano e tre su tre per il candidato Scalfarotto, tra cui Italia Viva che ha ottenuto 36 voti.

A questo punto non resta che aspettare l’esito dell’assegnazione dei seggi, 29 più il presidente alle forze di maggioranza e 21 alla minoranza, compreso il candidato presidente giunto secondo (Fitto), accetterà la carica di consigliere regionale o ritornerà a fare l’europarlamentare a tempo pieno, lasciando il suo posto all’ultimo dei non eletti nel centro destra?

Etna e Povia, i candidati gioiesi più suffragati, nel nostro paese, ce la faranno ad entrare nell’assise regionale? Più NO che SI'. Ma questa sarà tutta un’altra storia!

Le elezioni regionali, quindi, anche a Gioia vedono vincere la sinistra confermando Emiliano alla guida della Puglia. I candidati gioiesi nella sua compagine hanno nell’ordine ricevuto: 1.251 voti Sergio Povia, in forza nella lista Emiliano sindaco di Puglia, seguito da Milena Pavone con 577 voti in Senso civico un nuovo ulivo per la Puglia, 385 Anna Maria Longo (Italia in comune) e 163 Alessandro Capurso  (PD). Fratelli d’Italia ha portato alla lista di Fitto 630 voti con Nico Casamassima, mentre la Lega Salvini Puglia grazie a Vito Etna ha raggranellato 1.140 voti.

 

Commenti  

 
#13 Vanni 2020-09-25 07:05
Paghiamo profumatamente il sindaco Mastrangelo per.... scrivere su Facebook.
E' in continua polemica con tutti!
Visto che percepisce un reddito, non potrebbe lavorare?
 
 
#12 Angelino 2020-09-24 14:40
X gioiese....Non capisco il senso della tua risposta. A Gioia, negli ultimi anni , si sono alternate amministrazioni di centro sinistra, centro destra e civiche. Ora ti chiedo la dignità e l'orgoglio di essere gioiese, pugliese e meridionale ce l'hai? Se ce l'hai è assurdo votare lega. Assurdo per te e gli altri 1500 circa. Cmq ti consiglio di leggere l'articolo 2 dello statuto della lega.
 
 
#11 DestraOut 2020-09-24 13:48
Questa tornata elettorale ha dimostrato ancora una volta che Gioia non ha candidati di livello extraterritoriali. L'ultimo a passare all'allora via Capruzzi fu proprio Povia che a Gioia, negli anni in cui viveva di rendita del suo primo buon governo, prese più di cinquemila voti (ottomila totali). Dopodichè, il nulla ! Per quanto si avesse avuto la sensazione che Etna dovesse prendere una barca di voti (tutti voti di opinione naturalmente), questa sensazione è stata smentita perchè nonostante le sue imprecazioni a Dio e gli Ave e Maria sprecati sui palchi e sui social, la gente ha capito che si tratta davvero di un fenomeno....passeggero, seguito squisitamente dagli oltranzisti del Carroccio locale. Gioia non ha politici di rilievo, a Gioia non si respira aria di alta politica. Questa è la sintesi tombale del tutto !
 
 
#10 Piero 2020-09-23 19:02
Era ovvio che non scattasse nessuno.
Con 6 candidati e possiamo aggiungere la Pietroforte siamo a 7!
Cari politici gioiesi per affrontare una campagna elettorale regionale e cercare di essere eletti non è cosa scontata, ci vogliono dei fattori:
Organizzazione, se non parti almeno 2 anni prima non hai speranze, conoscenze, capacità, magari un volto nuovo che sappia aggregare, 1 solo candidato a gioia e importanti risorse economiche! Senza questi fattori puoi raggiungere 1500 voti non di più.
Meditate che se non viene eletto nessuno a pagarne le conseguenze siamo tutti.
 
 
#9 gioiese 2020-09-23 15:54
z angelino....la stessa cosa è votare il pd dopo tutto quello che è successo a gioia.... una buona cura di fosforo non farebbe male.
 
 
#8 Nicola A. 2020-09-23 10:59
prima delle elezioni espressi un mio pensiero e purtroppo sono stato un facile profeta. Dissi: "tanti candidati locali è uguale a nessun eletto locale". Qualcuno voleva le prove??? ECCOLE servite! Per gli elettori che ha Gioia, se si vuole sperare in un "eletto", massimo DUE candidati. Cari candidati, la prossima volta (tra 5 anni) imparate e non fatevi abbindolare.

La Redazione
E' vero, ma non è solo una questione di numero. Certo, è importante, ma non è stata l'unica ragione della mancata elezione di un rappresentante gioiese. I nostri avi dicevano "la simpatia è parente alla....".
Saluti
 
 
#7 MARAUDER 2020-09-23 07:42
Gentili redattori, appunto, ho detto la stessa cosa.
La lista di Povia non ha raggiunto la soglia necessaria per avere almeno un seggio.
 
 
#6 Rabbrivido 2020-09-23 06:05
Vorrei ringraziare tutti i Gioiesi che non hanno votato per il candidato della lega, avete dimostrato di avere rispetto per tutti i valori di noi meridionali. Attendiamo a breve il nuovo cambiamento di casacca, prima alleanza nazionale, dopo forza Italia adesso lega. In un solo anno i voti Longobardi sono passati da 5000 a 1100, un grande futuro alle spalle, un grande passato davanti.
 
 
#5 Angelino 2020-09-22 21:21
Da gioiese, pugliese e "terrone" mi chiedo: ma come si fa a votare lega e dare circa 1500 voti? Quale è il progetto politico e il programma della lega al sud e in Puglia?
 
 
#4 Poorlydone 2020-09-22 15:32
6 candidati gioiesi alla regione Puglia e nessun eletto. I gioiesi hanno preferito i forestieri pur di votare liste che non assicureranno nulla al nostro paese. Se ci chiamano giudei, ci sarà un perché.
 
 
#3 Nicola A. 2020-09-22 15:26
I politici dovrebbero interrogarsi sul fatto che su 29 liste ben 17 non hanno ottenuto più di 50 voti!?
Secondo me, sono "tattiche" per garantirsi il voto SICURO di tutti i candidati e familiari conviventi. A questo aggiungo che le 15 liste di Emiliano Presidente siano state programmate in modo tale da occupare una intera colonna della scheda elettorale creando i presupposti per "isolare" gli altri candidati presidente; tant'è vero che la distanza tra una coalizione ed un’altra era così marginale da sembrare un’ammucchiata tra le coalizioni (vedere la terza colonna) della scheda "lenzuolo a due piazze". Mi sorge il dubbio che questo particolare sia sfuggito a molti. Queste sono furbizie elettorali che qualcuno avrebbe dovuto impedire nel momento di presentazione del fac-simile della scheda. Incredibile che nessuno delle altre coalizioni ci abbia fatto caso! Di fronte a questa inesperienza, meglio che qualcuno sia rimasto a casa.
Ovviamente, merito e auguri di buon lavoro al neo Presidente Emiliano.
 
 
#2 MARAUDER 2020-09-22 13:28
Sempre secondo il sito
https://elezioni.interno.gov.it/regionali/scrutini/20200920/scrutiniRI160090090000
Povia è il primo nella graduatoria delle preferenze, ma la sua lista non ha ottenuto seggi.

La Redazione
Essere primi nella propria lista non è indicativo di elezione sicura. Quello che conta è il quorum o coefficiente di lista. Diversi altri candidati, delle altre liste hanno avuto più voti di lui.
Saluti
 
 
#1 MARAUDER 2020-09-22 13:26
Secondo il sito del Ministero dell'Interno, Etna resta a casa.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.