Venerdì 30 Ottobre 2020
   
Text Size

Renato Ciardo “Solo solo” sotto le stelle dell’Antico leccio

117294840-3522142784471608-1628115829862685233-o

117666896-296305068138342-4298950497517301988-nEsilarante e molto apprezzata l’esibizione di Renato Ciardo, “Solo solo” con la sua chitarra sotto le stelle dell’Antico leccio l’8 agosto scorso.

Una serata riuscitissima nella quale si è coniugato il buon gusto - una cena abbondante e squisitissima - all’allegria di un musicista, cantante, attore e cabarettista davvero molto, molto bravo e coinvolgente, aiutato nella gestione del service da Tommaso De Bellis, ormai eletto “tecnico di fiducia” degli artisti che approdano all’Antico leccio.

Dopo le due precedenti esperienze di “piazza” in quel di Gioia non proprio esaltanti a causa di condizioni meteo a dir poco proibitive, Ciardo ha dato il meglio di sé al cospetto di un pubblico proveniente dall’intera regione - c’è chi pur di poterlo applaudire è venuto da Manfredonia e dal Gargano - coinvolgendo tutti con la sua spassosa “baresità” e l’innata bravura nell’imitare cantanti e raccontarsi attraverso il quotidiano, con irriverente ironia, permettendo ad ognuno di “ritrovarsi” in situazioni ed emozioni.117595887-3525259087493311-5227168295820319429-o

Una vera scoperta per chi non aveva ancora avuto modo di apprezzare la professionalità, il carisma, la comicità e la classe di un artista a tutto tondo. Punto di forza e cifra stilistica le sue origini pugliesi in generale e baresi - di Japigia o alla francese Jiapigèe - in particolare.

Ad invitarlo presso l’Antico leccio Elio Gisotti, che non ha cessato di ridere per tutta l’esibizione, una scommessa, la sua, sempre vincente, insieme a quella della famiglia Giannico che a questi eventi accorda fiducia.

Tanti i cantanti degli anni ’60 e ’70 evocati attraverso brani famosi, sottolineando quei “difetti” canori che li hanno resi unici e riconoscibili sin dalle prime note: Toni Dallara, Nico Fidenco, Rino Gaetano, i Camaleonti, i Pooh, Bruno Lauzi…, solo per citarne alcuni.

Poi si è entrati nel vissuto dell’artista, classe ‘74, che a 9 anni ha recitato nel film “Alla conquista di Roma” per la serie “Che fai, ridi?” Ed è in teatro che muove i primi passi. All’Abeliano recita nel 2003 nello spettacolo “La locandiera”, nel 2007 è su Canale 5 con Teo Mammuccari in “Cultura moderna”, dal 2007 suona nella Rimbamband con cui è approdato al “Maurizio Costanzo Show”, “Buona Domenica”, su La 7, “Zelig off” di Italia 1, e Rai 2. Nel 2012 è su Rai 1 nella fiction “Tutta la musica del cuoree tante le esperienze con suo padre Gianni Ciardo.

L’idea di “Solo solo”, racconta Renato Ciardo, è ispirata da sua moglie Silvia De Sandi, madre dei suoi tre bimbi tra cui due gemelline, che lo aiuta nello scrivere i testi. Insieme hanno dato vita alla famosa “Ciaddì, primo inedito pub­blicato da Acustic Sound, un vero inno alla baresità colta nelle sue frasi idiomatiche più ritmicamente caratteristiche, trasformatosi in una serie televisiva.

Nel periodo di lockdown sono anche nati gli sketc117720528-347916002877089-8326322798745866455-nh sui gruppi whatsApp delle mamme che vantano i propri figli con le maestre, sulle suocere che prima esaltano le beltà di Japigia e poi si trasferiscono a Santa Fara, sugli apprezzamenti “baresi” al passaggio di una bella ragazza e persino sulla trascrizione di Jerusalema che in dialetto barese diventa “la nonna gastema”.

Per poi non parlare dello scherzoso interagire con il pubblico, coinvolto in dialoghi e nel clou della serata invitato a cantare “Si può dare di più” interpretando Gianni Morandi (Vito) e Umberto Tozzi (Pino).

Spente le luci, di corsa nel Salento, terra che contamina le origini del cantautore - il nonno è di Morciano di Leuca - per riunirsi alla famiglia prima di ripartire per un altro spettacolo… perché, Covid permettendo, la vita di un artista è fatta di un sold out di serate in giro per l’Italia… solo solo, ma non sempre! Ad accompagnare Renato Ciardo l’affetto dei suoi fan - per oltre un’ora si è prestato a foto e selfie -, tanti applausi ed il successo

Prossimo appuntamento all’Antico leccio sabato 29 agosto con la musica degli anni ’80 e ’90 della Royal Band.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.