Lunedì 30 Novembre 2020
   
Text Size

“Le mille e una notte” con Paolo Panaro e Sic! ProgettAzioni

117814596-3346894872053227-4189188582371770759-n

117558428-671272603464142-5207320393666656016-n“L'associazione Sic! ProgettAzioni Culturali, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Gioia del Colle, domenica 23 agosto 20.30 (apertura porte ore 20.00), presso l’ex Distilleria Cassano, presenta “Le mille e una notte” ridotto e interpretato da Paolo Panaro, con ingresso gratuito ma con prenotazione obbligatoria da effettuarsi telefonando al numero 347.0945331.

Il racconto si apre con la storia del re di Persia, che dopo aver punito con la morte la moglie infedele, convinto della malvagità di tutto il sesso femminile, decide di passare ogni notte con una donna diversa che poi uccide all'alba.

Il tragico incanto è spezzato da Shahrazad, che, usando lo stratagemma di raccontare ogni notte una favola interrompendola 113486265-3272861679456547-161486566347636728-nal momento opportuno, lascia nel re la curiosità di ascoltarne il seguito…

“Le mille e una notte” è il regno supremo dei lettori insonni. Entrando in questo libro si vaga per un favoloso Islam che oggi stenteremmo a riconoscere. Il libro delle Notti è un insieme di racconti che si articolano, incastrandosi l'uno nell'altro, intorno ad una storia principale. La comparsa di un personaggio comporta immancabilmente l'interruzione della storia precedente a favore di una nuova storia.

Come matrioske russe, i racconti sono incastonati l'un dentro l’altro. “Le mille e una notte” sono raccontate da una voce femminile. Qualcosa di femminile pervade i suoi racconti notturni.

Il motto delle Mille è 'o un racconto o la vita". Raccontare equivale a vivere.

Si parte dal tradimento della moglie del re di Persia. Prima del tradimento non esistono storie, non esiste parola.

Il tradimento infrange un ordine, prima che si odano le voci e i frastuoni delle storie.

Le Notti sono piene di tradimenti: regine che tradiscono con schiavi, bianche con neri, bellissime con deformi.

Shahrazad riconosce il tradimento come luogo d’elezione della nascita del linguaggio, degli incantamenti, degli incantamenti gettati e sciolti.

La storia dell'uomo non è forse inaugurata dal tradimento di Eva?

Nel rispetto delle norme anti Covid, l’accesso al luogo dello spettacolo sarà contingentato e consentito solo indossando la mascherina”.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.