Domenica 29 Marzo 2020
   
Text Size

Calato il silenzio sul Referendum taglio parlamentari del 29 marzo

referendum taglio parlamentari

referendum taglio parlamentariNella Gazzetta Ufficiale - Serie generale n. 23 del 29 gennaio - è stato pubblicato il D.P.R. 28 gennaio 2020 con il quale è stato indetto, per il giorno di domenica 29 marzo 2020 , il referendum popolare, ai sensi dell'articolo 138, secondo comma, della Costituzione, confermativo del testo della legge costituzionale concernente «Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari», approvato in seconda votazione a maggioranza assoluta, ma inferiore ai due terzi dei membri di ciascuna Camera, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 240 del 12 ottobre 2019.

Il testo del quesito referendario è il seguente:

«Approvate il testo della legge costituzionale concernente "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari", approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - Serie generale - n. 240 del 12 ottobre 2019?».

Se siete favorevoli alla riduzione dei parlamentari di 345 unità, portandoli a 600, così come approvato dal Parlamento, barrare SI’, se siete contrari barrare NO.

Le votazioni si svolgeranno domenica 29 marzo 2020, dalle ore 7 alle ore 23. Le operazioni di scrutinio avranno inizio subito dopo la chiusura della votazione e l'accertamento del numero dei votanti”.

Stranamente, a differenza di altri referendum, a poco più di un mese dalla votazione, in pochissimi ne parlano e ne scrivono. Le amministrazioni comunali, i mass media nazionali perché tacciono in merito se le Prefetture hanno già dato notizia di questa nuova “kermesse” elettorale subito dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, cioè dagli inizi di febbraio?

 

Commenti  

 
#4 SILENZIO 2020-02-20 08:37
Ma come mai i 5stelle che di fatto, sono promotori e fautori di questa iniziativa, non stanno mettendo a ferro e fuoco l'intero Paese ? Sicuro che questa modifica sia voluta anche da Casaleggio ?
 
 
#3 boh! 2020-02-19 19:17
si dovrà raggiungere il quorum del 50%+1 oppure vince la maggioranza dei voti?

La Redazione
NO, non è previsto il raggiungimento del quorum.
Saluti
 
 
#2 Gennaro Gelmini 2020-02-18 10:22
Bisogna informarsi bene. Ad esempio il grande buco nero dei costi del parlamento sono i costi del personale(parliamo di stipendi molto alti). Non ci sarà una diminuzione del personale anzi si parla di un aumento. Con la diminuzione dei parlamentari ci avviamo verso una americanizzazione del parlamento. Ci vorranno molti più soldi di ora per candidarsi(non solo di patrimonio personale ma anche di lobby ecc..).
 
 
#1 Poorlydone 2020-02-17 22:19
Meno parlamentari significa meno posti privilegiati a Palazzo Madama e Palazzo Montecitorio. Meno parlamentari significa meno stipendi eccellenti. Meno parlamentari significa più velocità nell'approvare una legge. Meno parlamentari significa una democrazia migliore con meno probabilità di demagogia. Meno parlamentari significa un Italia migliore. Il 29 marzo voterò "SI". Grazie alla redazione per aver ricordato un evento che potrebbe cambiare il futuro della nostra Nazione.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.