Giovedì 01 Ottobre 2020
   
Text Size

Progetto Next. “La purezza e il compromesso” al Teatro Rossini

next. la purezza e il compromesso

next. la purezza e il compromesso Venerdì 14 febbraio alle 20.30 la rassegna teatrale Progetto Next porta in scena al Rossini “La purezza ed il compromesso”. Un omaggio a Luchino Visconti e Giovanni Testori.

Alle ore 19.00 nel foyer superiore del Teatro Rossini, prima dell’apertura del sipario, la prof.ssa Esther Celiberti incontrerà il pubblico e gli amici illustrando lo spettacolo, indugiando in particolare sulle figure di Giovanni Testori e Luchino Visconti.

Nell’occasione l’incontro con gli attori della compagnia per dialogare con loro e scambiare opinioni e commenti sullo spettacolo: una piacevolissima opportunità di conoscenza ed approfondimento.

Al termine la ditta Ladisa S.p.A. sarà lieta di offrire al pubblico ed agli ospiti del Rossini un aperitivo di benvenuto: un’occasione di aggregazione ed amicizia nell’accogliente cornice del nostro magnifico foyer.

La purezza ed il compromesso tratta il tema dell’addio. Addio al paese/nazione di provenienza; addio alla possibilità di vivere un amore; addio alla famiglia. Una concatenazione di separazioni e addii che partono dal bisogno di rimanere uniti. Lo spettacolo parte dalla centralità del corpo come unico bene di valore/scambio/vendita che possiedono gli emigranti, i viaggiatori per necessità, i fuggiaschi. Una riflessione sul corpo come strumento di scambio, come strumento sonoro e come contenitore di qualcosa di molto fragile: l’essenza dell’essere e dichiararsi umani nonostante tutto e tutti.

I personaggi nestoriani che vivono la Milano del ‘59 sono qui protagonisti next. la purezza e il compromessonella Milano di oggi. Uomini e donne, disperati, immigrati, prostitute, omosessuali, sportivi, cercano una via d’uscita in grado di cambiare le loro esistenze.

I quattro attori danno vita a personaggi che vivono ai margini della città: operai, inquilini dell’edilizia popolare, migranti alla ricerca di un lavoro.

La speranza di arricchirsi attraverso la boxe e lo scontro tra fratelli a causa di una donna (ispirato a Rocco e i suoi fratelli) sono raccontati con disincanto in un dramma intenso, in cui passioni antiche e problemi moderni sono condotti a unità.

La madre dà il via a tutta la vicenda; il femminile con la sua necessità di generare e preservare la vita, con il coraggio di lasciare una terra e il desiderio di vedere i figli rivalersi sulla povertà: è qui che Visconti incontra Testori, nella povertà e nel desiderio di rivalsa su di essa, il fare di tutto per cambiare posizione sociale, anche farsi spaccare la faccia su un ring. È la rivincita contro il destino tanto sperata che non arriverà mai.

In scena Stefano Annoni, Diego Paul Galtieri, Margherita Varricchio e Michele Costabile, aiuto regia Fiammetta Perugi, scene e costumi Francesca Biffi scrittura scenica e regia di Paolo Trotti, con il sostegno del Centro di Residenza della Toscana (Armunia Castiglioncello - CapoTrave/Kilowatt Sansepolcro).

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.