Giovedì 20 Febbraio 2020
   
Text Size

La mafia nigeriana, “Ascia nera” di Leonardo Palmisano. Rinviato di 24h

Leonardo-Palmisano

ascia neraLa mafia nigeriana, storia delle cosche venute dall'Africa Nera” scriveva Roberto Saviano su L’Espresso. “Alleanze con Cosa nostra, 'ndrangheta e camorra. Apparato gigantesco, gerarchia rigida. Un libro spiega come è cresciuta la mafia nigeriana”. 

Questo libro è “Ascia neradi Leonardo Palmisano che sarà presentato martedì 21 gennaio, alle ore 18 nel Chiostro comunale.

L’incontro che gode del patrocinio gratuito del Comune di Gioia del Colle, in collaborazione con i Licei Scientifico “R. Canudo” e Classico “P.V. Marone” e la Libreria Minerva, la Biblioteca LIBeRI DI VOLARE “Rosa Protino Vinci”, vedrà Leonardo Palmisano in dialogo con il Professor Leopoldo Attolico, già docente di Lettere presso il Virgilio.

Lo scrittore parla così del suo ultimo libro inchiesta sulle organizzazioni criminali che minacciano la nostra sicurezza: “Ascia Nera (edito da Fandango) è l’esito di un’inchiesta durata tre anni, che ha coinvolto oltre duecento testimoni privilegiati, tra nigeriani residenti in Africa e in Italia…. Il sistema [mafia nigeriana, ndr] si organizza per cosche che hanno testa in Africa e tentacoli in Europa, grande capacità di adattamento e straordinario intuito per gli affari. Ascia Nera (Black Axe) è sorta nell’università di Benin City nel 1977, ma viene registrata in Nigeria sotto il nome di Neo Black Movement. Questo doppio livello di denominazione serve per distrarre gli investigatori europei o per indurli a sottovalutare la portata intercontinentale dell’organizzazione…. In Italia si occupa per lo più di tratta, sfruttamento del sesso di strada e spaccio. La diffusione dell’organizzazione nella Penisola è vastissima: dalle piazze romane del sesso alle baraccopoli foggiane, dal quartiere Ballarò di Palermo a vaste aree di smercio di droga in Emilia Romagna e Lombardia, dai palazzi occupati a Torino ai Cara e ai Cas più degradati del Sud… Black Axe riesce a infiltrarsi e a radicarsi, grazie a consorterie create ad arte con alcune cosche italiane: quelle di Camorra nel territorio di Castel Volturno, quelle del Gargano nel foggiano, quelle di Cosa Nostra a Palermo e a Catania...Soprattutto appare nitida l’incapacità dell’Italia di produrre argini alla proliferazione delle mafie sul territorio. I nigeriani si aggiungono ai sistemi stranieri già presenti”.

Le testimonianze sconvolgenti che Palmisano ha raccolto con coraggio, meritandosi minacce di morte dagli affiliati di Ascia nera, sono un vero pugno nello stomaco.  E’ da organizzazioni spietate come questa che vengono le vere minacce alla nostra sicurezza, è da queste che lo Stato ha il dovere di proteggerci.  

Per la sua opera di denuncia, Palmisano ha già ottenuto il Premio Colombe d’oro per la pace, sezioneinformazione, assegnato annualmente dall’IRIAD (Istituto di Ricerche Internazionali Archivio Disarmo) per promuovere gli ideali di convivenza pacifica tra persone e popoli e attualmente il Premio Filangieri 2020 “Per l’impegno deciso e profondo nella divulgazione degli aspetti meno noti della criminalità, nella diffusione dell’informazione e della cultura come mezzo con cui combattere le degenerazioni della società”. Sarà premiato assieme al dott. D’Onofrio della Dda di Avellino, che sta contrastando alacremente la rinascita della Camorra in Campania”.

noidonnelibroLeG

Biblioteca LIBERI DI VOLARE

“Rosa Protino Vinci”

 

Commenti  

 
#2 Uffa 2020-01-23 11:34
Qualcuno sa dire se si tratta dello stesso Palmisano candidato alle primarie del PD, vinte da Emiliano?
 
 
#1 DX 2020-01-22 16:56
Che strano..proprio stano! Se un libro così l'avesse scritto un politico di destra sarebbe stato messo alla gogna e tacciato di razzismo, perchè la MAFIA è MAFIA e basta e non ha ne nazionalita' ne colore, ma ad uno di sinistra tutto è concesso, soprattutto se sta cercando il.....CONSENSO ELETTORALE!!!.

La Redazione
In questo caso, essendo un esponente di sinistra avrebbe dovuto parlarne bene, o non parlarne per nulla, invece è alquanto strano che ne abbia parlato e scritto in quel modo, piuttosto negativo... o NO?
Saluti
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.