Giovedì 22 Agosto 2019
   
Text Size

Minaccia per la cerasicoltura, come affrontarla. Convegno Coldiretti

FOTO-SUZUKII

web_Drosophila-suzukii_danno_ciliegio_frutto_foto-Boselli L'obiettivo del convegno "Minaccia per la cerasicoltura barese - Strategie di intervento", organizzato dalla sezione Coldiretti di Gioia del Colle e Sammichele di Bari è quello di preservare un patrimonio agricolo fondamentale per l’economia del sud est barese come quello cerasicolo.

La cerasicoltura pugliese, già alle prese con lo spettro della Xylella fastidiosa ormai alle porte dei nostri areali, sta affrontando l’emergenza Drosophila Suzukii (moscerino dei piccoli frutti) che rischia di cambiare  profondamente la coltivazione delCILIEGIA-REV-9_17_07_2019 ciliegio e la qualità del prodotto offerto al consumatore finale.

La Drosophila Suzukii è apparsa solo recentemente in Italia pertanto ancora limitata è la conoscenza dei metodi di difesa da parte dei nostri agricoltori. Da un punto di vista agronomico, il moscerino causa danni gravi e irreversibili su diverse specie di frutta con buccia sottile come ciliegie (la più colpita), fragole ed uva.

Da un punto di vista politico, l’invasione dei moscerini della frutta, arrivati solo recentemente in Italia probabilmente portati con le merci provenienti dall’Estremo Oriente, impone una strategia complessiva della Regione contro le numerose e incontenibili malattie delle piante che arrivano in Puglia attraverso le frontiere colabrodo dell’UE, al fine di non mettere a repentaglio il patrimonio arboreo e produttivo pugliese.

Si affronteranno queste tematiche con alcuni dei principali esperti di Drosophila Suzukii sul territorio. Il convengo di questa sera, con inizio alle 18:00 presso la sala De Deo, sarà anche occasione istituzionale di incontro con il sindaco Giovanni Mastrangelo e il neo eletto Presidente della Coldiretti Puglia Dott. Savino Muraglia, per la prima volta a Gioia del Colle, relazioneranno il presidente della Coldiretti Gioia - Sammichele, l'agronomo dott. Nicola D'Onghia, gli agronomi Nuray Baser, ricercatore Ciheam di Bari  e Vincenzo Verrastro, funzionario scientifico Ciheam Bari.

 

Commenti  

 
#1 Filippo 2019-07-24 14:04
Basterebbe proibire l ingresso dei prodotti esteri nel nostro territorio e non avremmo nessuna nuova minaccia da combattere. Spesso su dmax viene mandato un programma "airport security" dove l Australia, ad esempio, vieta categoricamente l ingresso di moltissimi prodotti vegetali perché veicolo di parassiti che potrebbero minacciare le colture australiane. Prima la xilella adesso il moscerino Suzuki e il nostro territorio che vive di economia agricola muore sotto i nostri occhi...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.