Martedì 20 Agosto 2019
   
Text Size

Le motivazioni che hanno spinto la De Mattia a rinunciare alla carica

Daniela De Mattia

logo prodigio“Nel pomeriggio di venerdì 28 giugno, a Palazzo San Domenico, c’è stato un incontro interlocutorio tra il neo Sindaco Giovanni Mastrangelo e l’Arch. Daniela De Mattia. Il nome dell’ex Assessore De Mattia era infatti stato inserito in una rosa di nominativi proposti al Sindaco dai professionisti tecnici gioiesi per orientare la scelta dell’Assessore all’Urbanistica della Giunta Mastrangelo.

Durante l’incontro Mastrangelo ha illustrato la sua volontà di creare una Giunta di “tecnici” e le prospettive dell’eventuale designazione ad Assessorato all’Urbanistica dell’Arch. De Mattia. Durante l’incontro sono state chiarite le posizioni delle parti allo scopo di verificare l’effettiva fattibilità a ricoprire tale incarico da parte dell’Architetto. Il colloquio, basato sulla reciproca correttezza e sincerità e caratterizzato da toni distesi, ha però messo in luce una non colmabile distanza di vedute sia in ambito specifico di eventuali deleghe, che soprattutto sull’interpretazione politica del ruolo.

In particolare la De Mattia ha sottolineato l'importanza del lavoro di squadra, fondato sul leale rapporto di reciproca stima e fiducia. Un ruolo così importante e strategico presuppone il totale affiatamento, non solo in giunta ma anche da parte dell'intera squadra di governo. In base alla sua passata esperienza è ancora più consolidata in lei l'idea che non è il singolo ruolo a fare la differenza ma la collaborazione nella stesura del programma e la condivisione dell'idea di sviluppo della città.

Inoltre, De Mattia ha sottolineato la sua difficoltà a conciliare un incarico tecnico che possa essere svincolato dal suo ormai consolidato ruolo politico nel panorama amministrativo gioiese, per la sua lunga e convinta militanza nel gruppo Pro.di.Gio. che ha costruito in questa campagna elettorale un programma politico solido ed alternativo a quello della Amministrazione neo eletta.

Infine, pur ricordando la veemenza dei toni che hanno caratterizzato le critiche al suo operato da assessore all’Urbanistica e Lavori Pubblici nella precedente amministrazione di Pro.di.Gio., pervenute dalla parte politica oggi chiamata ad amministrare Gioia, l’Arch. De Mattia ha comunque assicurato a Mastrangelo che non farà mancare il suo aiuto e contributo costruttivo su questioni di sua competenza, se sollecitato.

Si ringrazia la comunità dei professionisti gioiesi per la stima riposta nei confronti della De Mattia, prova evidente dell’apprezzamento del suo operato durante la passata esperienza politica. Tale designazione, tuttavia si mantiene ben distinta dal ruolo politico di un incarico in Giunta”.

Movimento Pro.di.Gio.
Progetti di Città

Commenti  

 
#14 SCOLLATURA 2019-07-03 08:27
La giunta Mastrangelo nasce con quattro "esterni" su cinque di cui due tecnici ed uno di fatto ( Gallo ). Ma Gallo è uscito dagli eletti di Forza Italia, gli altri quattro no, quindi immagino che sin da subito i consiglieri serviranno solo ad alzare la manina in consiglio e che la scollatura tra giunta, consiglio e partiti/movimenti sarà una triste consuetudine che ha accompagnato anche le amministrazioni precedenti. Se son rose fioriranno, altrimenti ...
 
 
#13 Daniele 2019-07-02 06:28
Mastrangelo e la Valentini, sulla Coop, non sanno minimamente quali pesci prendere! Lo si e' capito chiaramente ieri alla presentazione della giunta nel chiostro! Ora mi spiego perche' Mastrangelo voleva a tutti i costi la Demattia. Avesse voluto uno dei suoi, la quota "rosa" la avrebbe potuta spostare su qualche altro assesdorato. Facendo invece come ha fatto, col giochino delle 3 nomine femminili, sapeva benissimo Mastrangelo che sarebbe venuto fuori il nome della Demattia e lui avrebbe potuto chiederle di far parte della giunta in nome di una piu' elevata trasparenza! Invece cosi' non e' andata perche' in quei ruoli si condivide un progetto, frutto di un programma e di una vision politica ben definita, che non si puo' assegnare alla prima arrivata, come succeso con la Valentini, seconda scelta dopo il rifiuto della Demattia!
Mastrangelo parte male e soprattutto parte in salita. Se non risolve la Coop, tutta la sua sbandierata e sventolata competenza non avrebbero piu' basi solide sulle quali poggiare! E mi aspetto tolga la differenziata, anche!
 
 
#12 Uomodellastrada 2019-07-02 06:20
Lo sanno tutti che la De Mattia è la persona più capace per ricoprire tale incarico e non perché donna. Lo sa Mastrangelo e lo sanno i tecnici.
 
 
#11 Sinceramente 2019-07-01 20:36
Parlare di riconoscimento degli esimi tecnici di Gioia del Colle, grandi produttori di concessioni edilizie illegittime.... e chi più ne ha ne metta mi sembra esagerato. Alla fine i tecnici donna si contano sulle punta delle mani. I tecnici uomini sono un centinaio. Le donne in tutto saranno 6 o 7. 2 tecnici donne sono di Prodigio. Altre 2 sono nel comitato Rinascita creato da Prodigio. O sbaglio? Quindi per fortuna Mastrangelo ha scelto la persona nuova.
 
 
#10 Vincenzo Stea 2019-07-01 17:37
Non capisco perchè quando intervenite su questo portale vi nascondete dietro pseudonomi senza avere la dignità di identificarvi.
 
 
#9 Dix 2019-07-01 16:36
Considerando le critiche al passato operato di Assessore, la sua attuale convocazione è sicuramente contraddittoria, ma non è altro che l'assurdo risultato al quale può portare un'assurda legge come quella delle QUOTE ROSA. Se fossi stato al posto di Mastrangelo probabilmente mi sarei trovato nella stessa imbarazzante situazione, cioè in un vicolo cieco, SENZA VIA DI FUGA.

La Redazione
Non era scritto da nessuna parte che la delega all'urbanistica sarebbe stata in quota rosa. Un ripiego o una forzatura?
Saluti
 
 
#8 obiettivo 2019-07-01 07:40
ma come mai l'arch De Mattia ha accettato di essere inserita nella rosa dei nomi da sottoporre al sindaco per la carica di assessore all'urbaniscata? AVREBBE POTUTO RINUNCIARE DA SUBITO come ha fatto la sua collega ingegnere. Atteggiamento strano quello di PRODIGO
 
 
#7 Cx 2019-07-01 06:26
Dovrebbe essere un onore impegnarsi per il bene comune . Ma ognuno pensa solo a se stesso
 
 
#6 Luciano 2019-06-30 21:31
È proprio vero che chi disprezza vuol comprare e anche a caro prezzo. O l'hanno nominata i tecnici o un pensierino l'ha fatto Mastrangelo la professionalità dell'architetto De Mattia è stata confermata. E non c'è ma che tenga!
 
 
#5 Sinceramente 2019-06-30 19:49
Questa storia dei 3 nominativi mi sembra strana. Per fortuna è stato scelto il nominativo più slegato dal passato. Scelta saggia. Non capisco perché l'assessore all'urbanistica non abbia anche la delega ai lavori pubblici visto che poi invece il futuro dirigente delle due aree sarà uno solo.
 
 
#4 Don Chisciotte 2019-06-30 19:30
Io non ci credo! Non credo neanche ad una virgola di ciò che è scritto
 
 
#3 obiettivo 2019-06-30 18:28
ALT! Un momento. Occorre precisazione. Il nome dell'arch DE MATTIA è stato proposto dai tecnici (alcuni soltanto) per mancanza di altri riferimenti al genere donna. Dedurre "EVIDENTE APPREZZAMENTO DEL SUO OPERATO" è troppo. Saluti Architetto. Meglio restare fuori da quello che appare molto incerto.
 
 
#2 Zorro 2019-06-30 18:13
Assessori rinunciate allo stipendio...siete dei volontari nessun medico vi ha prescritto Didi andare a fare politica
 
 
#1 Gioioso 2019-06-30 17:36
La motivazione ha un grado elevato!
Le competenze non si condividono con gli avversari.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.