NOTTE BIANCA(?), ARTISTI IN STRADA E NEGOZI CHIUSI-FOTO

piazza-XX-settembre-pp

logohome1Notte bianca del commercio ma non per tutti, essendo la maggior parte dei negozi chiusi e la quasi totalità dei negozianti all’oscuro dell’iniziativa!

Giovedì, 28 luglio, Gioia ha ospitato una delle quindici tappe di “Artistinstrada 2010”, festival internazionale itinerante di arte di strada, appuntamento atteso e già “apmercatino-seraleprezzato” nell’edizione 2009, che in alcune “performances” tanto ha ricordato il perduto “Maggio all’Infanzia”.

Contestualmente l’assessorato al Commercio ha proposto un mercato serale, scelta poco felice in quanto ha “distratto” dall’evento e catalizzato l’affluenza in alcune zone, a discapito di altre.

In un clima festoso, la gioia non solo dei più piccoli, ha comunque reso “onore” agli artisti, davvero molto bravi.

statua-poppins

berlusconiSette i “punti” contrassegnati da maschere carnevalesche con i “faccioni” dei politici di turno, posto d’onore riservato a Berlusconi in Piazza Plebiscito, circondato da una scatenata Tribal ethnic band, vero incubo dei leghisti.

Due le splendide statue, in una di esse argentea e con vaghe fattezze da Mary Poppins, riconosciamo la nostra “ombra” Marica Girardi, all’angolo tra Corso Vittorio Emanuele e Corso Garibaldi.

artista-piazza-XX-settembrePrimo spettacolo, in contemporanea con il laboratorio circense per bambini in Piazzetta della Croce per tstatua-vivente-2ale motivo non verificato, Dolly Bomba in “Teste nella tempesta”, divertentissimo trasformista che ha coinvolto il pubblico nelle sue esilaranti gag in Piazza XX Settembre, in replica alle 21.

In luogo più riparato (ed anche meno frequentato) l’israeliano Ori Pur, silente statua mitologica sorta dagli abissi marini, inquietante il suo elegante gioco con sfere di cristallo alle 20.30 ed un’ora dopo, in seconda edizione.

piazza-liviaQuindi in Largo Scarpetta, alle 21 l’argentino Adrian Bandirali ha proposto ad un pubblico comodamente seduto “Mas que nada”.

Altrettanto non si può dire per coloro che hanno inutilmente tentato di “intravedere” tra le serratissime file addossaartista-via-garibaldi2te alle transenne, lo spettacolo del giocoliere tedesco “Will Y Wonder”.

Una pedana avrebbe consentito anche a chi era in “terzo e quarto ordine” di godere dello spettacolo, “avvistato” giusto dai trampolieri e solo grazie alle foto a corredo dell’articolo del nostro mitico Mario Di Giuseppe, che ringraziamo, tutti coloro che erano rimasti con la curiosità di vedere “cosa stava succedendo” in fondo a Corso Emanuele, sapranno cosa si sono persi.artisti-piazza-plebiscito2

Stessa paradossale situazione in Piazza Plebiscito, dove i bravissimi Mijikenda Cultural Trope provenientdali_2i da Kenia, Uganda e Tanzania, hanno proposto colori, danze e ritmi tribali che hanno trascinato anche il pubblico nella danza.

Un dettaglio curioso: i musicisti hanno acceso una piccola fornace per scaldali_4dare la pelle dei tamburi, evitando che l’umidità ne rovinasse il suono, mentre le danzatrici rimpinguavano l’ingaggio con la vendita “su ombrelli” di orecchini, braccialetti e collanine etniche, tra cui spiccavano lavorazioni in foglia di banano (elefantini, zebre, spirali e serpenartista-via-romatini).

Il più atteso degli artisti, il cileno Francisco Obregon e la sua bambola “Sophia”, si sono a lungo fatti attendere in Via Roma, ma ne è davvero valsa l’attesa: sbaciucchiamenti ed ammiccanti avances hanno ridotto indali_3 lacrime i presenti.

A conti fatti una bella iniziativa, non sempre puntuale nei tempi né logisticamente godibile, ma che con le vere “notti bianche del commercio”, sul genere di quella tenutasi a Cassano nei giorni scorsi, ha ben poco a che fare, giusto qualche statua e neanche “in vendita”!.

Un sincero grazie lo rivolgiamo anche all'amico Giancarlo Stefanelli per aver messo a disposizione della redazione il video da lui realizzato sulle performance degli artisti.