Lunedì 18 Giugno 2018
   
Text Size

"L’Amministrazione Lucilla non si è piegata alle vecchie logiche politiche"

GIUNTA LUCILLA

DONATO LUCILLA Grazie Sindaco Lucilla. Osservando da lontano (ormai da 6 anni) le vicende politiche di Gioia del Colle, allontanato anche grazie a chi si è adoperato per eliminare anche fisicamente un potenziale ostacolo agli interessi dei “soliti noti”, non posso che riconoscere il cambiamento epocale, intrapreso da questa amministrazione: risanamento dei conti pubblici; proposizione di percorsi seri e risolutivi per i dossier più complicati (SPES, COOP, ITEA, ecc.); aggiudicazione di finanziamenti sovra locali per la riqualificazione urbana. Ma il cambio di passo davvero meritorio è stato l’uso ottimale e funzionale delle già risicate risorse comuni.

Il giudizio politico su quanto bene o male abbia fatto questa Amministrazione in soli due anni spetta ai cittadini gioiesi, così come il giudizio sui comportamenti dei singoli individui, maggioranza ed opposizione, impegnati in quest’ultima fase politica della nostra città tenendo conto, inoltre, della difficoltà di acquisire informazioni obiettive ed analisi politiche supportate da fatti e dati puntuali e non intavolate al bar dello sport, intessendo gossip e becere strumentalizzazioni.

Quasi trent’anni di esperienza professionale nella macchina burocratica mi rendono pienamente consapevole della complessità dell’azione tecnico-amministrativa, tutt’altra cosa rispetto alle prosopopee politiche, che può esser scardinata solo dal lavoro incessante e infaticabile di chi accetta di sacrificare molto, se non tutto, della propria vita familiare e professionale.

Resta, su tutto, un concetto fondamentale per chi ha deciso di scalare la montagna dalla parete più difficile ed impervia, quella del solo bene comune: si deve esser certi che tutti i componenti della cordata siano in grado di muoversi sincronicamente e che nei momenti più difficili nessuno abbia la tentazione di abbandonare, magari in una ritirata strategica, minando alle basi il percorso dell’intera squadra.

Non sono per nulla affascinato o turbato da chi, così come fatto sin dal primo giorno dell’era Lucilla, si trincera dietro le solite definizioni di “supponenza, arroganza, settarismo” intendendo la politica non già come duro lavoro di cura e semina di un terreno che possa dare frutti per l’intera comunità, in certi casi dovendo anche rimuovere quegli organismi infestanti e parassiti che possono rovinarne il raccolto. Da chi amministra c’è da pretendere impegno ed abnegazione e non certo passerelle e presenzialismo fine a se stesso magari condito con altisonanti allocuzioni prive di ogni tipo di sostanza. Va tuttavia considerata una differente capacità comunicativa soprattutto con la comunità poiché se è vero che la complessità delle problematiche affrontate ha completamente assorbito le energie umane disponibili, è anche vero che proprio la comunitàdimissioni sindaco lucilla può far percepire al meglio la propria vicinanza all’Amministrazione, se opportunamente informata e stimolata a partecipare consapevolmente. Come cittadino gioiese non posso che esser orgoglioso di quanto fatto da Lucilla, le sue donne ed i suoi uomini, e sono ben consapevole di quello che hanno dovuto affrontare: chi opera con lungimiranza non spreca le proprie energie per dare una rinfrescata ad una casa decadente, ma scava sin alle fondamenta per rendere solido il “bene comune” e far sì che le generazioni future possano fruirne.

L’Amministrazione Lucilla ha posto di sicuro un riferimento differente su quello che può esser il modus operandi di chi è deputato a lavorare per la comunità; solo un diligente confronto tra i risultati ottenuti da questa Amministrazione e quanto le precedenti siano riuscite a produrre si potrebbe realmente qualificare questa esperienza, ovvero supportare o meno le opinioni di incapacità o lungimiranza, di fallimento o di successo.

Resta, certo, incontrovertibile un elemento: l’Amministrazione Lucilla non si è piegata alle vecchie logiche politiche che, anche in questa circostanza, avrebbero potuto assicurare la permanenza di una governance che sulle poltrone o il clientelismo affonda le proprie radici.

Grazie Donato! #èilmomentogiusto!

Donato Colacicco

 

Commenti  

 
#36 angelino 2018-05-25 15:11
redazione c'é la possibilità di vedere un video del comizio del 23 u.s.?

La Redazione
Sì, sul profilo fb di prodigio...
https://www.facebook.com/unimpegno/videos/2246582132242866/UzpfSTM0MDc0ODY4OTMwNjE1MToxNzc3OTEwMzI4OTIzMzA2/
Saluti
 
 
#35 MA VATTINN VA 2018-05-25 14:11
HANNO CONTINUATO A FARE OPPOSIZIONE, PUR ESSENDO AL GOVERNO DELLA CITTA', PERCHE' E' L'UNICA COSA CHE SI POTEVANO PERMETTERE. CERCARE SOLO PRESUNTE MAGAGNE ALTRUI E NON FARE NIENTE PER IL PAESE(a parte aderire a pacchetti amministrativi confezionati altrove..da altri)E' STATA LA LORO SCONFITTA.
(E'ilmomentogiusto..MA DE CHE'!?)
 
 
#34 Dario 2018-05-25 13:27
E la minoranza, sulle CASE POPOLARI niente dicono? Muti anche quelli del "gruppo misto"?
 
 
#33 cittadino deluso 2018-05-25 08:38
Ho votato questa Amministrazione, ma ahimè si sono dimostrati, per quanto mi riguarda, non all'altezza del ruolo (salvo rare eccezioni).
Invece di fare proclami, comizi, accusare Tizio o Caio della caduta di questa Amministrazione, sarebbe più opportuno capire i propri errori e/o ammettere la propria incapacità nel gestire la res publica!
 
 
#32 Vittoria 2018-05-25 06:25
Quante ne dira' Lucilla su Zileni nel prossimo comizio. Ecco perche' Zileni sta mettendo le mani avanti cercando un autoassolvimento. Come si preoccupa Zileni. Hai finito il tuo tempo, verrai ricordato per essere stato uno dei, con DeRosa e la Addabbo, a far cadere una ammimistrazione stravotata dai cittadini!
 
 
#31 Libero 2018-05-25 06:20
Zileni parla della Coop, ben sapendo che lui stesso NIENTE ha fatto per poter aiutare i dipendenti. Anzi, proprio quando si partiva con il piano in Regione, lui e Derosa, magicamente si defilavano. Per poi chiedere, fino alla fine, rimpasti di giunta. Ah, ma per il bene del paese, chiaramente, giammai perche' loro volevano restare ancorati alla poltrona.
Il paradosso di Zileni, che dal suo profilo facebook ha detto di star leggendo L'IDIOTA, e' questo: accusa l'amministrazione di voler restare incollata alla poltrona quando questi, Lucilla e Cuscito, pur di non sopperire a certe vecchie logiche, si sono dimessi. Zileni invece, pur di mantenere la poltrona, era disposto ad uscire dall'aula per la votazione del bilancio, che non si e' mai tenuta, purche' in giunta si cambiassero ben 2 assessori! Un gran baratto! Zileni ha commesso l'errore di credere che tutti pensano come lui, e che quindi mai avrebbero lasciato la poltrona. Invece ha fatto i conti senza l'oste!
Chiedo a Zileni: sei uscito dalla maggioranza, dopo aver lanciato strali dall'opposizione, rendendo volgari i tuoi interventi in consiglio comunale a furia di grida e strilla (spettacolo non degno da parte di nessuna persona civile, a maggior ragione un consigliere), ti abbassi ancora ad offire alla maggioranza la possibilita' di andare avanti con la tua uscita dall'aula, quindi abbassando il numero legale, tradendo quindi anche i tuoi nuovi compagni di opposizione.
Zileni, stattene a casa, che e' meglio!
 
 
#30 Verità 2018-05-25 00:38
Leggo di accuse nei confronti di ex assessori da parte del sindaco dimissionario Lucilla, posso solamente dire che quello che dichiara il Dr. Lucilla è il segreto di pulcinella, agli alloggi arca Puglia ex iacp conoscono tutti questa storia tanto è vero che c'è la magistratura che sta indagando sia su chi ha assegnato gli alloggi(solo uno in maniera definitiva) e sia sulle famiglie che hanno occupato illecitamente i sopracitati alloggi. Ci sono documenti inviati dalla procura della repubblica alle famiglie indagate.
 
 
#29 Marco giallo 2018-05-24 20:15
Brava Gina del commento 28. Ha descritto esattamente l'attuale situazione. Concludo dicendo che i tre hanno rovinato le speranze dei cittadini. andatevene via da questo paese e che quanto avete fatto, non vi porti mai fortuna!
 
 
#28 Gina 2018-05-24 19:05
Di meraviglioso c'era la loro pulizia e la loro moralità caro lettore. Forse vi aspettavate tutti che con un colpo di bacchetta magica Lucilla potesse cancellare debiti paurosi causati da anni di malaffare.credo che nessuno di voi sarebbe stato in grado di farlo.le amministrazioni precedenti hanno solo fatto i propri sporchi interessi favorendo il proprio portafoglio o quello degli amici...ma è possibile che nessuno parli degli interessi privati degli anni scorsi? Di come, ad esempio,vennero favoriti ........ chi costruiva appartamenti a destra e a manca?..E hanno permesso poi che ci sfilassero ospedale e pretura?...........
 
 
#27 Cittadino Onesto 2018-05-24 19:04
Lucilla non ha fatto accuse nuove, ha raccontato fatti dove ci sono pure processi in atto. Se poi la cittadinanza apprende queste come novità è solo per disinformazione. Ma il tema del comizio non era quello delle case popolari.

Riguardo a zileni, addabbo e de rosa di quale coalizone facevano parte? Non erano spie del nemico... anzi de Rosa dopo cucito è il secondo eletto. La responsabilità di lucilla e cuscito è nella scelta dele persone. Ovviamente non hanno la sfera di cristallo, ma avere 3 defezioni più vari mal di pancia in altre situazioni è indice del fatto che la coalizione si è rotta all'interno. Poi noi tutti attendiamo il comizio di Lucilla il quale almeno fino ad oggi ha fatto solo accuse generiche come il "non piegarsi alle vecchie regole della politica", ma non ha mai detto di cosa si è realmente trattato. Ora deve dire ai cittadini cosa gli è stato chiesto dai 3 ex consiglieri.
 
 
#26 Zileni a casa 2018-05-24 17:10
LA COLPA DELLA CADUTA E' DI ZILENI, DEROSA E LA ADDABBO. PUNTO. DICIAMO LE COSE COL LORO NOME. E ZILENI VA ANCORA CERCANDO DI RIFARSI LA VERGINITA' POLITICA SCRIVENDO POST RIDICOLI IN CUI SI DEPERSONALIZZA. E' COME SE VIVESSE LE COSE VEDENDOLE AL DI FUORI DEL PROPRIO CORPO. LUI E' IL COLPEVOLE DI QUANTO ACCADUTO. NON ALTRI. SERVIVANO SERIETA' E COSTANZA, QUESTI TRE SONO STATI OPPORTUNISTI. PUNTO. QUESTO PENSA LA GENTE. POI LE VARIE BOTTEGA, FORZA ITALIA, MASTRANGELO, CAPANO, DONVITO SPIEGASSERO COME MAI LUCILLA HA FATTO QUELLE ACCUSE PRECISE SULLO SCANDALO DELLE CASE POPOLARI. TUTTI CIECHI, MUTI E SORDI?
 
 
#25 Eskimo 2018-05-24 16:01
Va riconosciuto a questa Amministrazione lo sforzo di operare senza compromessi in una situazione preesistente difficile, ma quello che è il suo grande merito ha finito con l'essere la ragione del fallimento. La politica è per sua stessa natura compromesso (da non confondere con mercato) perchè deve rispondere ad esigenze diverse, spesso contrapposte tra di loro. Il piglio militaresco che si è voluto imprimere al suo modo di operare ha finito con il soffocare un democratico dialogo interno alla compagine che sosteneva l'Amministrazione. Lucilla è caduto per il fuoco amico e non per scorrettezze dell'opposizione, quasi inesistente, o per imprecisate congiure di palazzo. Tenere unita la coalizione era uno dei compiti fondamentali del Sindaco: se non c'è riuscito la colpa è solo sua e dei suoi più stretti collaboratori.
 
 
#24 aldino 2018-05-24 14:30
x BASITO
E' vero, l'avevo notato anche io! dopo una comparsa o un comizio dei Lucilliani, arrivano tuoni e fulmini per gli oppositori. c'è da dire che anche ieri si è verificata la stessa cosa, la pioggia e subito dopo un fulmine sull'ex..
basito, prega che al prossimo comizio o manifestazione, splenda il sole!
 
 
#23 zorro 2018-05-24 14:04
Colacicco spiegaci alcune tue affermazioni:
-chi ti voleva "eliminare fisicamente";
- chi sono "isoliti noti";
-quali sono gli "organismi infestanti";
-quali sono "le vecchie logich politiche.
ECCEZIONALE IL TUO POLITICHESE CONSIDERATO CHE SEI UN BUROCRATE!!!!!
 
 
#22 Tom 2018-05-24 11:51
Ma tutta questa questione, vero o falsa che sia, cosa centra con la caduta della giunta ?
Lucilla aveva l'obbligo, ove avesse riscontrato anomalie di fare le segnalazioni e le denunce agli organi competenti.
Ora questo sfogo tardivo appare più il tentativo di gettare fumo negli occhi, per non affrontare la questione delle dimissioni, che altro.
Io come elettore di Lucilla, vorrei sapere perché la maggioranza si è disgregata. L'opposizione ha fatto la sua parte, non si poteva certo pretendere che reggesse la maggioranza, quindi nessuno stupore che abbia votato contro l'approvazione del bilancio. è normale.
A questo punto non si può più dare la colpa agli altri, mi sembra infantile. Nessuno nega le colpe degli amministratori del passato, ma ora vogliamo gente seria, che lavori onestamente che se sbaglia, ammetta i propri errori, senza dare la colpa ad altri.
 
 
#21 Antonio Angelillo 2018-05-24 09:06
L'amministrazione Lucilla non ha fatto nulla? Io non ne sarei proprio convinto e forse qualcuno della minoranza lo sa benissimo ma è del tutto evidente che non può essere detto, siamo già in campagna elettorale. Magari sarebbe bello riconoscere i meriti di una amministrazione che in soli 2 anni ha avuto a mio parere ottimi risultati. Di errori ce ne sono stati, ma cosa toglie questo all'operato di una amministrazione? #ciarlatani perchè non parla di coop, di itea, della raccolta differenziata, dei bandi vinti che se non fosse per le lungaggini burocratiche avrebbero già dato una svolta definitiva al nostro paese. Risponda, magari i giornali dovrebbero avere il coraggio di scrivere qualcosa in merito utilizzando solo il buonsenso e l'obiettività. Il tutto e subito non esiste.
 
 
#20 Osho 2018-05-24 08:27
Ho visto il video di Lucilla che mi ha impressionato per come si è posto e per quanto ha detto. ha lanciato accuse gravi che credo siano di interesse penale e non penso che l'ex sindaco possa affermare cose non non vere rischiando parecchie grane giudiziarie. Il mio pensiero va ad altri consiglieri che per molti anni hanno tenuto le loro terga sulle poltrone senza mai aver detto qualcosa a proposito di quello che afferma Lucilla. Tutti zitti tutti muti quasi asserviti per poi esplodere e, come medici legali a tanto al chilo, hanno cominciato a squartare e fare autopsie a tutti gli atti dell'amministrazione Lucilla. Il loro comportamento è stato uguale a quello che i politici a tanto al chilo di questo momento hanno riservato a questo nuovo governo. Inutile dire che tale atteggiamento dimostra che questo governo è quello giusto e l'amministrazione Lucilla era quella giusta per Gioia del Colle.
 
 
#19 LINGUAGLOSSA 2018-05-24 08:04
D'accordo sulla difficile gestione delle RISORSE UMANE della macchina amministrativa : già di loro lavorano per il minimo sindacale, se poi sono amici del politicame incrostato nei lustri ... abbiamo detto tutto ! Ma Colacicco non fa autocritica sulla cattiva gestione dei rapporti con i suoi alleati seppini (da lui sempre guardati con un atteggiamento di supponente sufficienza) e con parecchi del suo movimento stesso epurati perchè troppo scomodi ! Non parla del casino che hanno creato facendo Mancino Presidente (con modi discutibilissimi): hanno dato spago alle rivendicazioni di Derosa per quella carica e hanno scatenato le ire di mezza Sep, di fatto, messa completamente all'angolino ! Un intero anno di tensioni passato ad attaccare al loro interno Mancino (e Cantore)! Risultato: Zileni e Derosa out, coalizione sempre in preda a continui litigi laceranti ! Colacicco sei un antigruppo per antonomasia ! Per quanto i prodigini parlino di poltrone, facessero prima una attenta autoanalisi: avete piazzato tutti i vostri strafedelissimi a San Domenico; 4 a voi (più il sindaco ovviamente) e 2 a Sep, di cui una poltrona, quella del vicesindaco, completamente avvolta tra le "grazie" della family Colacicco ! Non ho parole ! Non meritavate di cadere ma potreste almeno risparmiarvi il vostro quotidiano, esercizio di IPOCRISIA !
 
 
#18 Rimbotteghito 2018-05-24 06:29
Che Mazzaraco ed i bottegai, sulle case popolari, erano troppo impegnati sulla panchina artistica a forma di colombo vicino il teatro, altrimenti sarebbero stati loro a denunciare il tutto. A quelli della Bottega non sfugge niente, e si e' visto. Battaglie per la gente tra la gente, ma sulle case popolari l'Ufficio Stampa della Bottega, miseramente, tace. Poi si vantano della competenza!
 
 
#17 Roberta 2018-05-24 06:16
Domanda a Donvito: ma quanto dice Lucilla e' falso? E' falso che sotto l'ultima giunta Povia si sia assegnata solo e soltanto una casa popolare?
E' falso che questa famiglia non era collocata in maniera utile per poterne avere il diritto?
E' falso che questa casa, a questa famiglia che non ne aveva titolo, e' stata assegnata a titolo definitivo?
E' falso che questa famiglia e' ben note alle forze dell'ordine, e sicuramente non per meriti umanitari?
A prescindere dal fatto cge lei, Donvito, abbia o meno accettato le deleghe, e non si capisce il perche' non avrebbe voluto accettarle, si puo' ben dire che nonostante in quel momento si parlasse di "Buona Amministrazione" du cui lei ha ricoperto ruoli di primo piano, nessuno si sia accorto di questa situazione? Perche' se cosi' fosse, altro che buona amministrazione, trasparenza e legalita'. Un disastro!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI