Lunedì 24 Settembre 2018
   
Text Size

GIOIA DEL COLLE. RITI E PROCESSIONI SETTIMANA SANTA

settimana santa

settimana santa misteri Venerdì 23 marzo, conosciuto come "venerdì di passione", si sono aperti i riti della settimana santa con la processione della B.V.M. Addolorata dalla Chiesa di San Francesco alla Chiesa Madre a cura della confraternita del Purgatorio.

Questa settimana viene definita santa perché in essa non solo si ricordano, ma si celebrano i grandi misteri della redenzione.

Dopo la benedizione delle Palme di domenica 25 marzo, nel mattino di oggi, giovedì santo 29 marzo, ha avuto luogo la messa crismale in cattedrale a Bari con la consegna degli olii santi mentre nel pomeriggio, alle 18.00, la Solenne Celebrazione Eucaristica "in Coena Domini" vedrà in tutte le parrocchie la tradizionale "lavanda dei piedi".

Alle 19.30 partiransettimana santa misterino dalla parrocchia di Santa Maria Maggiore e da Santa Lucia le processioni delle confraternite per portare il Santissimo Sacramento nei rispettivi altari della reposizione. Alle 20 partirà il pellegrinaggio dei "perdoni", ed i confratelli penitenti si recheranno in visita ai "sepolcri" delle sette chiese sedi delle sette confraternite gioiesi. A mezzanotte i sepolcri delle rettorie verranno chiusi per lasciare spazio all'adorazione notturna nelle parrocchie.

Anche quest'anno si è perseguito l’obiettivo culturale di recupero delle tradizioni tipiche della settimana santa nel sud Italia. Ricordiamo, infatti, che il pellegrinaggio dei perdoni a Gioia risale al 1938, ad esso segue il recupero dell'antico inno eucaristico "Tantum ergo" e come per il giovedì santo, anche il venerdì ci sarà il ritorno di un antico canto caduto nel dimenticatoio - il "Via Crucis" di Metastasio del primo Settecento, cantato dai baritoni posizionati dietro l'immagine di Gesù Morto che si alternavano ai tenori che cantavano i "Sette

settimana santa misteri

dolori" davanti all'immagine dell'Addolorata.

Il venerdì santo, 30 marzo, al mattino sarà ancora possibile pregare davanti ai "sepolcri". In questo giorno si fa memoria della passione e morte del Signore adorando Gesù Crocifisso e partecipando alle sue sofferenze attraverso il digiuno e la penitenza. E' l'unico giorno dove la chiesa non celebra l 'eucarestia.

Nel pomeriggio alle 15, nell'ora santa, tutte le campane di Gioia suoneranno "a morto" per annunciare la morte di Gesù. Seguirà nelle parrocchie l'adorazione del legno della croce e alle 18.30 partirà dalla Chiesa di San Rocco la processione dei Misteri, organizzata dalla confraternita di San Rocco e con la partecipazione di tutte le confraternite.addolorata

Anche quest'anno sarà presente il gruppo delle "desolate" davanti all'immagine della Madonna Addolorata. Vestite di nero come la Vergine Maria, queste ragazze portano tra le mani i simboli della Passione di Cristo.

Sfileranno le immagini di Gesù nell'orto degli ulivi, Gesù flagellato alla colonna, Gesù che cade sotto la croce, la Veronica, il Crocifisso con la Maddalena, Gesù morto, il calvario, l'Addolorata, il palio con la reliquia del Legno Santo. Insieme al tamburo e alla troccola che daranno il passo della processione dei Misteri, accompagnerà la processione il corpo bandistico musicale "Angelo Lamanna" di Gioia del Colle.

La settimana santa si concluderà la notte del sabato santo, giorno del silenzio e del raccoglimento prima della gioia della risurrezione. Le campane sono ferme, gli altari sono spogli di tovaglie e fiori, non si può ricevere la comunione, tranne nel caso del viatico per gli ammalati gravi. Tutto è silenzio nell’attesa che Cristo risorga con la veglia pasquale nelle parrocchie che vedrà la benedizione dell'acqua e del fuoco nuovo, simboli di risurrezione e rinascita.

settimana santa

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI