Venerdì 23 Febbraio 2018
   
Text Size

Daluiso: “Scelta di paura o scelta di coraggio? La parola ai giovani”

gianluca daluiso al liceo

gianluca daluiso al liceo "A mio parere va bene andare via, cambiare Paese, ma solo quando è una scelta, non quando questo diventa un obbligo”. Sono queste le parole con cui il riccionese Gianluca Daluiso, autore del libro "Cambiare il Paese per non dover cambiare Paese", apre il discorso/performance durante l'incontro tenutosi in una delle tappe del suo tour, il liceo classico "P.V. Marone" di Gioia del Colle. Per assicurarsi un futuro, difatti, i giovani tendono ad emigrare verso terre apparentemente più ricche di possibilità, dando vita alla cosiddetta "fuga di cervelli" che, soprattutto negli ultimi anni, può essere anche considerata una fuga lontano dalle raccomandazioni, da cui l'Italia è contaminata. La domanda che, però, sorge spontanea non solo nella mente dello scrittore venticinquenne, bensì anche in quelle del suo giovane pubblico, è: bisogna quindi accettare queste condizioni o, con coragggianluca daluiso al classicoio, prendersi la responsabilità di cambiare?

La possibilità di cambiare il Paese e di renderlo un posto migliore c'è, ma, secondo Daluiso, è un bene che deve essere guadagnato, giorno dopo giorno, grazie all'impegno di ogni singolo individuo che, mediante i corretti piccoli gesti quotidiani, può fare la differenza. Non si tratta, infatti, di una gratificazione istantanea, alla quale i nativi dell'era digitale, circondati da lussi e comodità, sono abituati, ma di un risultato che, per essere tale, necessita di numerosi sacrifici e di tempi lunghi, proprio quelli a cui i giovani non sono abituati.

Queste tematiche, seppur complesse, sono state trattate dall'autore in maniera brillante non solo nel suo libro, il quale consiste in un insieme di interviste inedite poste ad esperti di svariati settori, dall'informazione con Travaglio al mondo dello spettacolo con J-AX, ma anche durante l'incontro in cui, mediante la sua personalità carismatica , è riuscito a creare un'importante intesa con i ragazzi, scegliendo di porre la luce dei rifletgianluca daluiso al liceotori proprio su di loro, sui loro sogni e sulle loro paure.

La paura, infatti, è un termine chiave dell'assunto da cui muove Daluiso, in quanto egli ritiene che ogni qualvolta siamo tenuti a prendere delle decisioni, queste possono essere di due tipi: dettate dalla paura o dal coraggio, che non deve essere incoscienza, dalla passione o dal calcolo. Quella di Gianluca Daluiso, ad esempio, che ha deciso, inizialmente quasi per caso ed un po' per gioco, di intraprendere la carriera giornalistica, partendo da quotidiani locali, passando attraverso radio e trasmissioni televisive, è stata una scelta di coraggio, coltivata poi con il tempo e la passione.

L'autore si pone, semplicemente esponendo le proprie idee, l'obiettivo di spingere i giovani alla riflessione, ad una partecipazione attiva nel mondo, a mettersi in viaggio alla ricerca di se stessi, senza paura del fallimento perché, come afferma Daluiso, definendosi un "inguaribile ottimista", "chi prova ha una possibilità di fallire, ma chi non prova affatto, ha già fallito in partenza".

Il giovane giornalista e scrittore è riuscito, durante il suo incontro, nella impresa non facile di catturare l’attenzione di tutti i presenti ed entrare in empatia con i ragazzi, muovendo tutti i presenti, dai più giovani ai prossimi alla maturità alla profonda riflessione sul proprio futuro, incognita comune a tutti i giovani. E’ giusto e doveroso fare incontrare menti in formazione con una personalità, quale quella di Daluiso, fresca e brillante che ha saputo costruirsi la sua “storia” con determinazione e tenacia. [foto Alessia Partipilo]

 

 

Commenti  

 
#1 Vito di gioia 2018-01-23 04:25
E' interessante tutto quello che ha illustrato questo giovane scrittore ma da "inguaribile ottimista" per chi prova e riprova per una, due, tre, ecc. ecc. con risultato che non si concretizza qual è la ricetta che propone al fallito? Grazie per coloro che mi suggeriscono la soluzione.....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI