Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

“Gioia Bambina Christmas” – Teatro e animazione sotto Natale-foto

gioia bambina 2017

gioia bambina 2017 Un festival, un progetto, una sfida dedicata ai più piccoli e non solo, per permettere loro di osservare la realtà attraverso linguaggi nuovi, diversi, magici, sostenuta dal Garante Regionale dei Diritti del Minore della Regione Puglia con il patrocinio del Comune di Gioia del Colle.”

Questa è Gioia Bambina, la manifestazione organizzata dall’associazione Ombre, rivolta a grandi e piccini che, nello scorso Maggio, ha portato con successo il teatro nelle piazze, per le strade e fra la gente permettendo alla comunità gioiese di vivere “giorni di festa e insieme di riflessione perché siamo fermamente convinti che l’arte sia soprattutto partecipazione!” A dicembre, nasce e prende invece corpo il progetto Gioia Bambina Christmas, un’edizione tutta natalizia articolata in due giornate - mercoledì 20 e giovedì 21 - ricche di eventi, spettacoli teatrali e workshop gratuiti per sognare e divertirsi insieme, adulti e bambgioia bambina 2017ini.

Nelle mattinate del 20 e del 21 scolari dell’I.C. Mazzini-Carano e S.F. Neri-Losapio hanno partecipato ad un workshop di stop motion e cake design gratuito. I bambini, divisi in tre gruppi, con Gianni Donvito e Francesca Milano hanno realizzato biscotti/personaggi di una fiaba di cui hanno scritto la trama; i personaggi hanno infatti preso vita in un corto grazie alla stop motion, tecnica di animazione. Il risultato, una strepitosa story telling di immagini e storie in divenire, è in video sul profilo face book delle Ombre (https://www.facebook.com/ass.ombre/)

Il 21 dicembre si è entrati nel pieno del clima natalizio con “Il Canto di Natale” di Dickens, un grande classico, scritto in maniera sublime, colmo di atmosfere natalizie, che evocano immagini fiabesche e piene di fascino, a cura di Monica Contini e Michele Biancofiore dell’associazione culturale Il Duende.gioia bambina 2017

Nel pomeriggio nel foyer del teatro il Garante Regionale per i Diritti del Minore Ludovico Abbaticchio ha incontrato i rappresentanti del Consiglio Comunale dei Ragazzi e piacevolmente conversato con loro, e per finire, sul piazzale del teatro Rossini la compagnia dei Birbanti ha sfidato il freddo con i suoi spettacolari artisti di strada.

Fulcro della giornata di mercoledì è stato lo spettacolo teatrale della compagnia Principio Attivo Teatro, “La bicicletta rossa”, scritto da Valentina Diana, diretto da Giuseppe Semeraro e vincitore del Premio Eolo Awards 2013 per la migliore drammaturgia.

“La bicicletta rossa” è uno spettacolo privo di dialoghi che fonde la fiaba moderna alle atmosfere gotiche alla Tim Burton, dove a narrare la vicenda è una voce fuori gioia bambina 2017campo, quella di Marta (Rebecca Metcalf) che però al tempo dei fatti narrati, non è ancora nata e si trova nella pancia della mamma (Cristina Mileti). Quella di Marta è una famiglia molto umile che, per vivere, mette le sorprese negli ovetti di cioccolato ed è costretta a sottostare - come il resto del paese - alle vessazioni di BanKomat,il personaggio negativo, proprietario di tutto, della fabbrica degli ovetti, della casa ma anche della luna e delle stelle e nulla può essere fatto senza pagargli qualcosa”. Chi non è in grado di versare il contributo monetario richiesto dal crudele BanKomat, viene privato delle sue scarpe.  E così, quando la famiglia si priva dei pochi spiccioli racimolati per fare un regalo di compleanno al piccolo Pino (Dario Cadei), il papà (Giuseppe Semeraro) non è in grado di far fronte ai suoi doveri: diventa uno Scalzo. È una storia di crisi e di riscatto, di oppressione e rivoluzione quella narrata dalla compagnia, cui, oltre ai già citati attori, vanno aggiunti i bravissimi Silvia Lodi nel ruolo della nonna e Marco Otto Mercante, l’esattore delle imposte.

“Lo spettacolo - raccontano a conclusione i protagonisti - nasce dalla voglia di parlare, attraverso un linguaggio sperimentale povero di parole ma ricco di gesti e musiche, di crisi ed economia in modo da poter intrigare sia i bambini che le loro famiglie.”

L’obiettivo è, dunque, stato raggiunto: nella platea stracolma applaudivano proprio tutti! Al termine dello spettacolo ai bambini sono stati distribuiti dei doni di Natale: libri e stecche di cioccolata.

“Gioia Bambina” si conferma ancora una volta un festival di pregio, unico cruccio gli eventi in compresenza che non hanno permesso di godere a pieno le varie performance. Infatti nel pomeriggio del 20 “Natale con Gioia” ha coinvolto altre scolaresche nel concorso “Luminarte” organizzato dall’associazione “Bisbiglii dell’anima” che avrebbe potuto inserirsi tra le attività del festival creando più efficaci sinergie.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI