Mercoledì 17 Ottobre 2018
   
Text Size

“NIENTE È COME SEMBRA” DI CHIARA PELLICORO DE CANDIA

chiara pellicoro

CHIARA PELLICORONon c’è due senza tre! Chiara Pellicoro De Candia presenterà sabato 25 novembre alle ore 19 presso il caffè letterario “L’Antica Caffetteria San Rocco” in via Cavour il suo terzo libro “Niente è come sembra”, [ed. “l’Erudita], una raccolta di racconti brevi che pur ripercorrendo il target vincente di “Incontri quasi per caso” [Ed. Bookabook], sua seconda pubblicazione dopo il romanzo “Le oche del Canada” [Ed. Le Mezzelane], rivela un geniale ed eclettico talento nel creare semi narrativi in grado di dar vita a storie compiute e indimenticabili.

Ognuna di esse, in realtà, potrebbe evolversi in un romanzo, ed il lettore è istintivamente portato a immaginare le pagine successive, tanto forte è il potere evocativo delle parole.

E se ad ispirare “Incontri quasi per caso” è Edgar Lee Masters con la sua antologia di Spoon River, gli scritti più recenti pubblicati anche in questo numero rimandano l’essenzialità di Raymond Carver, ma Chiara volge lo sguardo ai grandi con un suo stile ed una originalità difficilmente replicabili.

Nel corso della serata interverranno Livio Addabbo, le lettrici-attrici Angela Depalma e Maria Paola Sacino con interludi al pianoforte e alla chitarra di Christian Angelillo e Francesco Depalma.

Un sincero grazie a Sergio Mastromarino per aver messo interamente a disposizione gli spazi del caffè letterario per l’evento che si concluderà con un piccolo buffet.chiara pellicoro

Ricordiamo che Chiara Pellicoro De Candia ha conquistato Chianciano il 30 settembre scorso con il suo racconto breve “Perché che male c'è” letto dall’attore Giovanni Carta. Un meritatissimo terzo posto conquistato nel corso della nona edizione del concorso letterario “Donna Sopra le Righe” - che vede Camilleri presidente onorario -, organizzato dall’Associazione “Iosempredonna” Onlus.

Chiara - avvocato per professione, scrittrice per passione - è nata a Taranto, e con la sua famiglia poco più che bambina si è trasferita a Gioia del Colle. Sposata, da qui il doppio cognome che le piace proprio, tre figli. Ha sempre sofferto della sindrome del dover essere, che non esiste ma riassume bene la sua personalità e le sue scelte, perché mentre una parte di lei esercitava la professione di avvocato, l’altra parte continuava a scrivere. Una produzione cospicua e tenuta al caldo in file e cartelle. Fino a quando una rivolta ben organizzata dai suoi personaggi l’ha costretta a uscire allo scoperto.

Il suo racconto "Glossario di un amore farlocco" è stato pubblicato nell'antologia “La pelle non dimentica", avente a tema la violenza sulle donne ed è disponibile su lapellenondimentica.wordpress.com.

Attualmente alle prese con la stesura de "Il romanzo di un giovane pazzo" forse un romanzo di formazione forse una continua metafora del tempo e del viaggio della vita.

Terminato il liceo classico, consegue la laurea in giurisprudenza e subito dopo l'abilitazione all’esercizio della professione forense.

Ha, un marito, che molti amici definiscono martire delle sue molte manie, tre figli, quattro gatti e due cani. È un’ottima cuoca, lavora con successo a maglia, producendo i capi che lei stessa disegna e poi regala: si è sempre sentita una scrittrice prestata alla famiglia e alla professione forense, nonostante lo svolgimento stakanovista di quest’ultima.

Lettrice forte, di quelle che innalzano la statistica nazionale, con i suoi 4-6 libri al mese, (con punte di dieci, ci tiene a precisare), inizia a scrivere a nove anni: una poesia dedicata alla maestra, la sua prima vera mentore.

Dice che i suoi scrittori preferiti sono O. Fallaci, G. Garcia Marquez, D. Leavitt, L. Sciascia, A. Camilleri, A. Baricco, A. De Carlo, H. Murakami, B. Yashimoto, S. Veronesi, D. Chavarria e Luis Sepulveda, ma poi aggiunge che in realtà, tolta la letteratura rosa e/o erotica, la sua libreria è multietnica, multiculturale e multistrato. E li ama tutti.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI