Sabato 18 Novembre 2017
   
Text Size

SPEIRA E PROGETTO “SCUOLA DI ARCHEOLOGO JUNIOR”

speira archeologia e territorio

speira Al via, domenica 5 novembre, il progetto Scuola di Archeologo junior, organizzato dalle archeologhe dello studio Speira Archeologia e Territorio, in collaborazione con l’associazione culturale ‘L’altra scuola’ (Arco Cimone, 4).

L’interessante incontro dal titolo 'Come un artista preistorico' ha visto la partecipazione attiva di bambini – dai cinque agli undici anni – nella realizzazione di immagini preistoriche. Una sorta di viaggio nel tempo che i ragazzi compiranno attraverso altri cinque incontri, durante i quali si affronterà, in maniera ludica e divertente, l’evoluzione dell’uomo dalla preistoria fino ai giorni nostri.

Nei prossimi appuntamenti – che si avranno a cominciare dalla prossima domenica, sempre dalle 16.30 alle 18.30 –, si realizzeranno vasi di argilla come i neolitici, si scriverà su tavolette di argilla come i Sumeri, si creeranno le lucerne e si seppelliranno i defunti secondo i rituali funerari antichi, deponendo i manufatti come corredo della tomba.

I giovani partecipanti vestiranno i panni dell’archeologo cimentandosi nella scoperta del nostro passato.

“L’idea della scuola di archeologo junior nasce dai numerosi quesiti che i più piccoli rivolgono a noi archeologi … dalla curiosità che suscita il nostro mestiere. Per comprendere appieno l’affascinante lavoro dell’archeologo è fondamentale capire l’importanza di conoscere chi siamo attraverso la nostra storia. Quel che si trova in cantiere non sono un mucchio di cose vecchie da buttare […]. Di certo non semcorso archeologopre sono tesori degni di esposizione, ma sono testimonianze di chi ha vissuto prima di noi”, in questi termini si esprimono Annalisa Melillo e Anna Santovito, le due archeologhe dello ‘Studio Speira’. In effetti tutto ciò che si trova nei cantieri è in grado di raccontarci le usanze, i modi di vivere, le tradizioni di chi ha utilizzato quegli oggetti. “I laboratori di archeologia” – continuano le due archeologhe – “che proponiamo sono un piccolo contributo per conoscere la Storia attraverso gli occhi di un archeologo. E per meglio comprenderla è utile sperimentare ciò che hanno conquistato gli uomini nei millenni: le prime forme d’arte nella Preistoria, i primi vasi di ceramica nel Neolitico, le prime forme di scrittura sulle tavolette d’argilla, la pittura dei vasi, l’illuminazione attraverso le lucerne in età romana... Spesso nelle scuole non si ha né il tempo per giocare con la Storia e l’Archeologia”: D’altronde il gioco è lo strumento privilegiato per poter apprendere e conoscere il più possibile. Infine sulla scelta del luogo affermano: “L’altra scuola ben si adatta alle nostre esigenze, per uscire dai soliti schemi e dalla rigidità dei programmi scolastici, e imparare divertendosi”.

Per info e prenotazioni: Lorenza 388 6590966 Anna 328 1564595 Giulia 349 4334598.

 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI