Domenica 18 Agosto 2019
   
Text Size

FOTO “TALENTI” IN GARA NELLA PARROCCHIA SACRO CUORE

gruppo-vinvitori

pubblico2Talenti non proprio di evangelica memoria (“la parabola dei talenti”, ndr) in scena sul palco del Sacro Cuore il 26 giugno, alle ore 21, in occasione del Festival “Sacro Cuore’s got Talent”.

Una serata animata da fan dei vari concorrenti, rivelatisi determinanti a fine competizione (nonostantDSC01431e la simpatia dei due conduttori e la bravura dei concorrenti, in pochi ma irriducibili fedelissimi erano ancora in cortile dopo la mezzanotte!).

Ha aperto lo spettacolo la piccola Giorgia Buttiglione, graziosa ed agile come una libellula, letteralmente in volo tra piroette e verticali da ginnasta esperta, seguita da due dolcissime bimbe “fuori gara”: Manuela Colacicco e Laura Fasano.

Sul palco, nelle vesti di conduttori il simpaticissimo Donato Caricato e Donatella Iacobellis, che ha davvero faticato ad arginarne l’irrgag_con_leo_dongiovanni_e_roberto_rossettiuenza. Altrettanto simpatici i due bistrattati “disturbatori”- Leo Dongiovanni e Roberto Rossetti - armati di freddure da Polo Nord tratte da improbabili titoli di giornale.

In giuria Tommaso Brasile (presidente), Anna Maria Longo, Adriano Geramo, Daniela Marocco, Nicola Canario e Leonardo Distasi.

In gara cdomenico_triainque cantanti e cinque musicisti, tutti sul palco per salutare il pubblico e dar prova delle innate “capacità vocali” cantando “Domani”.

Al service Domenico Tria affiancato dal coordinatore e regista, Maurizio Galasso, pronti a risolvere problemi tecnici (sempre in agguato) e far partire stacchettclaudio_mastromarinoi ed attacchi vari.

Rompe il ghiaccio Claudio Mastromarino con il suo sorriso disarmante e un tenerissimo impaccio subito dissipato dall’incoraggiamento di una nutrita e rumorosissima “curva sud” oltre che da altrettanto sorridenti famigliari armati di striscioni. Claudio canta “Meraviglioso” e conduce il pubblico tra le note dell’indimenticabile Modugno. All’intervista cui lo sottopone Donato, non proprio alla Marzullo ma quasi da terzo grado, risponde di esser stato colpito dal testo e che “meraviglioso” è il mondo intero.

mara_favaleMara Favale propone alla tastiera “Libertango” di Piazzolla, ascoltato tania_procinola sera precedente in accompagnamento alle performance dei più piccoli. Molta determinazione e “vis” musicale, esaltate senza spartito e con ancor più grinta nel secondo brano, tratto dalla colonna sonora de “I pirati dei Caraibi”.

Seconda cantante in gara Tania Procino con “I will always love you”, di Whitney Houston, splendida voce dall’incredibile estensione che di certo ha toccato decibel da guinness, ancor più convincente ed emozionante nei passaggi in cui si è “trattenuta” con viraggi in modulazioni da brivido. Ottima anche la sua tenuta scenica, disinvolta e sicura e l’espressività. Davvero molto brava, Tania, tanto da risultare l’unica ad esser stata premiata per ben due volte con tutti “dieci” dalla giuriaroberta_procino.

stefano_mellaiRoberta Procino ha suonato alla tastiera “Per Elisa”, classico intramontabile di Beethoven, quindi è stata la volta di Stefano Mellai con “Haven’t met you” di M. Bouble. Look da gentleman, inconfondibile stile (ineccepibile nella grafica dei manifesti), Stefano ha rivelato di possedere anche doti vocali insospettate e pur non possedendo il timbro “caldo” di Buble se l’è cavata davvero bene ed ancor meglio in “Giudizio universale” di Bersani.

alfonso_giorgio_e_antonello_sorannaDa sottolineare la scelta da parte di quasi tutti i concorrenti di brani alquanto “ostici” e di complessa esecuzione, è il caso dei due chitarristi Alfonso Giorgio ed Antonello Soranna, che in repertorio han portato brani dei Red Hot Chili Peppers.

cleliaSul palco, fuori gara, Clelia Stoppini con “Every time” di Britney Spears, brano cult tra le quindicenni di tutto il mondo, brava come sempre anche senza aver fatto i preventivi “vocalizzi” d’obbligo (guai a dirlo alla sua maestra di canto!) ed una solDSC01446a “prova microfoni”.

Intermezzo curato da Donato Caricato con la riproposizione di una esilarante gag sul trattamento bancario riservato ai poveri cristi, di Enrico Brignano, star di Zelig.daniele_polverino

La gara riprende con Daniele Polverino in “Uomo senza età” di Francesco Renga, brano in cui ha enfatizzato le sue innegabili qualità di tenore, competendo per “decibel” con Tania e conquistando gli estimatori della lirica, cui è inequivocabilmente vocato.

Subito dopo sul palco Francesca Gaudiomonte con “Aria” di Allevi, seguita in seconda prova da “Le onde”. Visibilmente emozionata e francesca_gaudiomontepenalizzata dalla scarsa confidenza con la tastiera, ben diversa dal pianoforte che esalta l’appassionata ed emozionante musicalità di Allevi, Francesca ha comunque dato prova di grande professionalità e creato suggestioni, nonostante l’incessante vocio del pubblico intento ad ordinare e mangiare pupi, patatine fritte e pennette all’arrabbiata.

dario_spinosaBrillante la prova del piccolo Dario Spinosa al violino, accompagnato da Anna Maria Longo.

Sicuramente penalizzata da una base “problematica” Angela Falcone, la cui innata e indiscussa bravura è ben nota, essendo una delle veterane delle precedenti edizioni del festival del Sacro Cuore.

Secotango3ndo break per premiare gli atleti parrocchiali in torneo: primo premio alla “Ciccio Team” ed alla “Ciccio Volley”, con medaglie, coppe (riciclate?) e gag.

Dopo la simpaticissima lettera scritta dalla sua mamma e letta con disappunto e costernazione da Leo, letteralmente accasciato sul palco, i finalisti sono tornati in gara, intervallati da uno splendido e sensuale “Tango” ballato da Francesco Distasi e dalla bellissima Erika Falcone.

pubblico7Nel ballottaggio per determinare il vincitore assoluto tra i primi premi per categoria, Tania Procino (voce) e Mara Favale (tastiera), determinante il pubblico, il quale a ranghi ridotti per la tdon_marioarda ora ma con foga ed energia ha eletto la sua beniamina, Mara.

Don Mario Natalini, quasi sempre defilato nelle retrovie, lontano dai riflettori ma attento davvero a tutto, confessa di essere sinceramente sorpreso per la presenza di un così ricco parterre di talenti parrocchiali, che converrebbe DSC01417non “seppellire” ma far fruttare (ce lo ricorda il Vangelo secondo Matteo, 25, 14-30) per aiutare l’azione pastorale della Chiesa.

Ma le vere star, arroccate in cucina e sulla balconata, sono le cuoche e gli osti del “Gruppo Culturale & Ricreativo della Parrocchia Sacro Cuore”, innominati “angeli” delle serate cui è affidato, in tutti i sensi, l’approvvigionamento parrocchiale.

Un ringraziamento a Mario Di Giuseppe per il suo contributo nel completamento della gallery.

Commenti  

 
#2 FRANCESCO DISTASI 2010-06-28 18:42
LE COPPE NON ERANO PER NIENTE RICICLATE...sono state offerte da 2 SPONSOR! e per questo li ringraziamo ancora una volta...
Poi fra la giuria, non c'era nessun Antonio Geramo... ma ADRIANO GERAMO! ;-)
 
 
#1 Filippo 2010-06-28 16:56
Posso confermare che le coppe e le medaglie sono state offerte da vari sponsor e non sono RICICLATE ma offerte da vari sponsor che sono stati ringraziati durante la serata di sabato...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.