Martedì 21 Novembre 2017
   
Text Size

“LE CORTI DELL’IMPERATORE”. PERCORSO STORICO-ARTISTICO

LE CORTI DELL'IMPERATORE inaugurazione

LE CORTI DELL'IMPERATORE inaugurazione Arte di strada, letteratura, cinema, musica, e teatro: questi gli elementi principali dell’evento culturale ‘Le corti dell’imperatore’. Evento teso alla rivalutazione del nostro centro storico, e proprio perché quest’ultimo risulta essere caratterizzato dalla presenza di numerosi archi – che in passato fungevano da ingresso alle corti –, questi sono stati scelti come luoghi privilegiati delle iniziative in programma. Le corti, quindi, che, essendo state centro della vita quotidiana della comunità e luogo di ritrovo al fine di scambi proficui, diventano una sorta di palcoscenico ideale. D’altronde una delle finalità dell’iniziativa è il recuperare il valore della lentezza; perché sempre più spesso si manifesta l’urgenza e il desiderio, in una società caratterizzata dalla velocità e da rapporti sempre più spesso filtrati da uno schermo, di ritrovarsi per raccontarsi ed emozionarsi.

L’evento inaugurale – avutosi, domenica 3 settembre, presso uno degli archi più affascinanti della nostra tradizione autoctona, l’Arco Cimone – ha visto al centro l’arte figurativa. Ospiti della serata: Antonio Frugis, curatore della Fondazione Pino Pascali – Museo di Arte ContempoLE CORTI DELL'IMPERATORE inaugurazioneranea di Polignano; il regista Francesco Dongiovanni e l’artista gioiese Pierluca Cetera.

L’introduzione è un excursus artistico attraverso l’opera irriverente dell’artista polignanese Pino Pascali, al quale segue la proiezione del film breve dal titolo Studio, firmato da Francesco Dongiovanni. “All’inizio Francesco avrebbe voluto girare un cortometraggio, durante il quale avrei dovuto dipingere una tela dalle dimensioni imponenti (4m x6); ma successivamente, dati i tempi stretti per una mostra, che avrei portato in Cina, ha optato per girare le riprese sui volti che stavo preparando per la medesima esposizione […]”. Con queste parole si esprime l’artista Pierluca Cetera, protagonista del film breve. Nel suo studio, infatti, la macchina da presa del regista gioiese riprende la concentrazione, ma anche l’impeto e la fisicità che vi è dietro l’atto creativo di un artista.

Nelle immagini, date dalla raffinatezza della regia, vi è tutta la fascinazione di una lavoro che risulta ai più inafferrabile, e in merito Francesco Dongiovanni afferma: “Volevo filmare un artista che ammiro e stimo molto per il suo lavoro, perché ero curioso di vedere come nascono le sue figure e i suoi volti […]”.

Dopo la proiezione, la seconda parte della serata si è svolta, presso il teatro comunale Rossini, per una rappresentazione teatrale dalla storia tutta meridionale: ‘Briganti’ della compagnia Berardi Casolari e interpretato dall’attore Gianfranco Berardi. Guidato dalla sola luce e dalla compagnia di una sedia ilLE CORTI DELL'IMPERATORE inaugurazione coinvolgente attore interpreta un giovane ventiseienne caduto prigioniero in battaglia.

E così, in una cella delle carceri dell’ex Regno delle Due Sicilie, attraverso i suoi ricordi, si rivivono gli avvenimenti storici che hanno segnato la vita della popolazioni del Mezzogiorno, durante il periodo dell’Unificazione italiana. Presente è anche quella matrice orale che dà colore a quello che è stato uno dei momenti più scuri della nostra tradizione storica. Del resto il brigantaggio ha rappresentato un grande trauma, una ferita che per decenni è stata rimossa. Qualcosa di troppo sconvolgente, perché se ne potesse parlare, in quanto si tratta di un’unità – concetto reso perfettamente dallo spettacolo – nata con dei vizi soprattutto per la dicotomia, che continua ad avere delle ripercussioni sul presente, avutasi tra il settentrione il meridione.

L’evento, che si snoderà in altre cinque serate (9-10-17-23 settembre), in toto ha avuto un’ottima affluenza. Le Corti dell’Imperatore è, quindi, un vero e proprio percorso storico-artistico, organizzato dall’associazione Sic! ProgettAzione Culturale con il Patrocinio del Comune di Gioia del Colle, in collaborazione con FITA Puglia, Lions Club Gioia del Colle, Comunità Fratello Sole, Presidio del libro Gioia del Colle, Murex production, The Open Reel, Festival Il Libro Possibile, nell’ambito del progetto InPuglia365. Per info, contattare i numeri 388 3669119- 328 9569724.[foto Angelo Tauro]

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI