Mercoledì 22 Novembre 2017
   
Text Size

MENSA SCOLASTICA. AL VIA LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

mensa scolastica

Per scaricare il modello della domanda, clicca qui.

Commenti  

 
#2 Antonio 2017-09-09 09:31
Ma se il mio isee e di 20200 euro pago la tariffa massima ?non dovrebbe esistere una sorta di franchigia?

La Redazione
Purtroppo no. In questo caso, non esiste alcuna franchigia. Ci si attiene al valore Isee quasi al centesimo.
Saluti
 
 
#1 I conti non tornano 2017-09-08 11:33
Spettabile Redazione, pur essendo convinto che un metro di misura per definire il costo giornaliero di un pasto in funzione delle fasce di reddito ISEE ci debba essere, quello adottato dall’ Assessorato alle Culture e dai Servizi Sociali del comune di Gioia del Colle, risulta alquanto sbilanciato a sfavore delle famiglie con la seconda fascia minima di reddito cioè delle famiglie con reddito da Euro 5501,00 e fino a Euro 5675,00. Tanto è vero che, le famiglie con reddito inferiore (più povere) con reddito fino a Euro 5500, dopo aver pagato i pasti a Euro 1,70 giornalieri per circa 160 giorni, pagherebbero Euro 272,00 con un residuo reddituale di Euro 5228,00; mentre, le famiglie con reddito da Euro 5501,00 a 5675,00 pagherebbero per lo stesso numero di giorni di mensa, Euro 448,00 con un residuo reddituale da Euro 5053,00 a 5227,00. Quindi, si nota palesemente che dopo aver pagato i pasti dei propri figli, le famiglie cosiddette più agiate con reddito da Euro 5501,00 e fino a Euro 5675,00 diventano meno agiate di quelle precedentemente più povere con reddito fino Euro 5500. Stesso discorso, vale per tutte le altre fasce di reddito riportate in tabella.
Ma, se la matematica non è una opinione e la giustizia non è un optional, secondo me, si dovrebbero porre quei correttivi che non facessero diventare i poveri, ricchi, e i ricchi, poveri, ma, almeno portarli alle stesse condizioni di reddito finale.

La Redazione
Basterebbe un semplice calcolo matematico. Determinare la % di incidenza del costo annuale sostenuto con il reddito posseduto. Chi meno ha non può pagare, in percentuale, più di chi sta meglio di lui. Facendo attenzione a non esagerare dall'altro lato. E questo ovviamente riferito a tutti i costi (tassazione comunale) che incidono sul reddito familiare, oltre alla mensa.
Saluti
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI