Mercoledì 23 Ottobre 2019
   
Text Size

UN SUCCESSO DA BISSARE IL CONCERTO UNIONE CIECHI

foto-gruppo

Musica e sguardi in un sabato di giugno”, saggio pianistico di rara bellezza, ha donato brividi e gioia il 12 giugno nella Distilleria di via Paolo Cassano.

Un vero e proprio iurloconcerto costellato di emozioni, per illuminare una realtà che, tra ombre e buio, ritrova nella musica e nelle sue vibranti note, le coloriture e i chiaroscuri ghermiti dal destino ai sensi, ma non allo spirito.

Il saggio organizzato dall’Unione Italiana Ciechi, dal Comune di Gioia e dalla Provincia di Bari, in collaborazione con il Centro di Servizio e Volontariato San Nicola e l’A.Vo.Fa.C. (Associazione Volontari Famiglie pro Ciechi) di Bari, coordinato dall’avvocato Lucio Romano, sensibile verso ogni tematica volta al sociale ed alle arti e fortemente voluto e perseguito con tenacia da Carmela e Giancarlo Stefanelli, mamma e papà di Vincenzo, ha segnato ancor più che nel passato, che ne vide la primissima edizione presso il Circolo Unione di Gioia, il guado verso un traguardo ambicatarinellato: non più diversamente abili cui è negato il diritto allo studio della musica, come sottolineato da Gino Iurlo, presidente della U.I.C., ma pari e migliori tra pari.

vitucci

E nel concerto vi erano musicisti da “concorso” di rara bravura, tra di essi Giuseppe Catarinella, alle prese con un vigoroso “Scherzo n. 1” di Chopin, Francesco Vitucci, da poco più di un anno impegnato in questo percorso musicale con il M° Enrico Palladino, che ha proposto “Preludio Op. 23 n. 5 di Rachmaninoff, ed ancora Alessandro Bongallino, imitatore e musicista d.o.c. m.-palladinocon “Notturno Op. 9 n. 1 di Chopin, brani di complessa esecuzione, mirabilmente eseguiti.

detomaso

Con estrema grazia, la stessa patinata dall’incertezza nei movimenti, e elegante disinvoltura alla tastiera, Rossella Stallone, emozionata ed emozionante ha dato vita a “Le onde” di Allevi, ascoltata “con gli occhi del cuore” come suggerito dalla presentatrice Franca De Tomasi, segretaria dell’A.Vo.Fa.C. di cui è presidente Olimpia Discipio.

Gino Iustallone-rossellarlo, con consumata esperienza e commovente intuizione ha individuato tra il pubblico autorità ed amici, ed esortato le famiglie a continuare su questo percorso artistico anche se irto di ostacoli e sacrifici.olimpia

Con la complicità di Giancarlo, pronto nel “suggerire” nuovi arrivi e nomi, Gino ha simpaticamente condotto la serata, affidando a Franca le presentazioni.

sindaco1Il corso, primo e unico in Italia – dichiara Gino – si presenta come un laboratorio di innovazione e prevede lo studio della didattica della notazione musicale Braille come percorso imprescindibile. La preparazione è stata pensata per dare agli studenti le basi per affrontare gli esami di compimento e ammissione presso i conservatori, sostituendoci alle istituzioni pur di dare una possibilità ai nostri ragazzi. Approfitto dell’occasione per strappare al sindaco Longo una promessa: occorre assumere al più presto un centralinista non vedente”. Piero Longo non ha esitato nell’accettare la proposta ed ha ribadito la sua attenzione alle problematiche dei non vedenti e all’unitàisdraele operativa di oculistica presente a Gioia. Il vice sindaco Isacco Isdraele, in riferimento ai piani di zona ha, a sua volta, annunciato la volontà di costruire una struttura di accoglienza denominata “Dopo di noi”, destinata ad accogliere i disabili nel momento in cui il supporto della famiglia dovesse venir meno.

Rosa Franrosa-francoco, presidente del Centro San Nicola, ha ricordato quanto sia importante l’opera del volontariato ed alcune iniziative per sensibilizzare sulla realtà dei non vedenti, tra cui “le cene al buio” che tanto successo stanno riscuotendo.

Gino Iurlo ha quindi ringraziato Lello Pastore, presidente del Lions Club Monte Johe di recente nomina, presente in sala con la sua consorte, Irene Martino, per il dono del cane per non vedenti di recente assegnato dal Club, su iniziativa del past president Carlo Colapinto, ad un cieco residente a Triggiano. Un segno di amicizia importante, essendo un dono “costoso” in termini di addestramento e “per sempre”, nel senso che il cane, splendido esemplare di golden retriever, docile e di ottimo carattere, a tutti gli effetti “guida ed occhi” per il suo padrone, sarà “sostituito” nel caso di dipartita (si spera a causa cause naturali).artisti

“Star” della serata,stefanelli e giocando in casa non poteva esser diversamente, Vincenzo Stefanelli, che pur se visibilmente emozionato, ha eseguito con professionalità e sicurezza ”La canzone del mietitore” di Schumann e uno studio di Kabalewski. Solo qualche anno fa, nel Circolo Unione, sotto lo sguardo commosso di mamma Carmela suonava “I soldatini passano”, in questa occasione proposti dalla piccola Antonella Di Gioia.

A competere il titolo di “starpubblico1” per simpatia e gioia di vivere Gianluca Madio, alle prese con più disabilità ed un “Notturno do diesis min.” di Chopin, assolutamente brillante nella sua esecuzione.

Dopo l’intervento del presidente regionale della U.I.C. Giuseppe Simone e la poesia dedicata da Roberto Natrella alla sua principessa Valentina, che tanto vorrebbe “sfamare” con le gocce della sua anima, dopo aver colto la piuma di cigno da lei persa in volo per descrivere le sue sensazioni,  applausi a tutti i ragazzi ed al loro maestro Enrico Palladino, senza le cui geniali revisioni e trascrizioni in Braille e l’infinita dedizione e fede in questo percorso di integrazione, nulla sarebbe stato possibile.

Palladino, autore della “Mpubblico2arcetta” eseguita da Gabriele Detullio, composta sotto lo pseudonimo di A, Smith, ha tra l’altro di recente collaborato e progettato con l’istituto Carano, sua “tutor” la professoressa Enza Losito, docente di lettere che tanto ha a cuore Vincenzo Stefanelli.

Ricordiamo i nomi dei restanti partecipanti: Grazia Simeone, Vincenzo Di Bari, Gennaro Dardanelli, Francesco Cascarano (altro genio di recente prestato al pianoforte, dalla simpatia contagiosa), Martina Carbutti, Angela Pia Turturo, Katia Valenzano, Mauro Campanale, Dominga Cinquepalmi, Ashley Sookloll, Rosa D’Albis, Laura Cannone, Maria Innamorato, Loriana Susca, Vito Lasorsa, Felice Cassanelli e Francesco Di Salvo. Molti di loro, provenienti dalla Bat, come affermato da Iurlo, il prossimo anno si esibiranno nella loro provincia staccandosi da Bari.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.