Martedì 21 Novembre 2017
   
Text Size

PROPOSTA DDL STUDENTI CANUDO APPRODA IN SENATO

senato della repubblica

articolo costituzione Il 5 febbraio 2007 ha preso il via l'iniziativa "Un giorno in Senato, incontri di studio e formazione", organizzata dall'Ufficio comunicazione istituzionale con la collaborazione di tutti i Servizi del Senato e concepita per gli studenti delle seconde, terze e quarte classi delle scuole superiori. Le classi inviano l'argomento oggetto del disegno di legge e una relazione illustrativa oltre alla suddivisione del progetto in articoli con relativa rubrica. La Commissione mista Senato-MIUR procede alla selezione  di 10 progetti formativi. Le classi selezionate procederanno ad elaborare l'articolato del disegno di legge. Tutti i disegni di legge saranno pubblicati on line sul Laboratorio didattico Senato Ragazzi LAB. A conclusione della discussione telematica la Commissione mista procede alla selezione finale di 5 scuole che saranno invitate a trascorrere le giornate di formazione a Palazzo Madama secondo il programma consueto. Alle iniziative previste dal Senato Lab ragazzi hanno partecipato per l’anno scolastico 2016-17: 4004 classi, 14922 studenti e 4106 docenti provenienti dalle scuole di tutta Italia. E’ ripreso così il percoMARIKA E ROBERTOrso di conoscenza giuridica avviato presso il Liceo Scientifico di Gioia del Colle. Infatti solo il 2 giugno dello scorso anno in occasione dei 70 anni dalla nascita della Repubblica gli studenti del Canudo si sono recati a Montecitorio per partecipare alla cerimonia conclusiva del progetto “Dalle aule parlamentari alle aule scolastiche” per cui sono stati insigniti dal Presidente del Senato Pietro Grasso e dalla Presidente della Camera Laura Boldrini di una targa per aver realizzato l’ebook digitale intitolato “Costituzione contro corruzione”.

A distanza di un anno esatto le docenti Loredana Lippolis e Piera De Giorgi, la cui collaborazione è divenuta una solida carta vincente, hanno nuovamente proposto agli studenti delle classi quarte di cimentarsi nella redazione di un Disegno di Legge intitolato “Costituzione di un Consorzio per il riutilizzo del siero zootecnico per commercializzare semilavorati a fini cosmetici e farmaceutici per la promozione delle piccole imprese attraverso la salvaguardia dell’ambiente e il potenziamento industriale”.

Gli studenti si sono cimentati IMG-20170504-WA0017attraverso ricerche ed approfondimenti a conoscere la complessa attività parlamentare, hanno familiarizzato con il linguaggio giuridico e hanno compreso come l’approvazione di un Disegno di Legge sia subordinato all’inserimento di emendamenti funzionali a rendere più agibile l’iter parlamentare di un progetto legislativo. Prezioso è stata l’esperienza del prof. Pierpaolo Armagno e del consigliere Giuseppe Zileni che hanno fornito agli studenti elementi importanti relativi al territorio e alle esigenze delle aziende casearie.

La comunità del Canudo nel corso del mese di maggio si è ben preso trasformata in un virtuale Parlamento i cui studenti e docenti sono diventati i co-firmatari del disegno di legge proposto. Studenti e docenti sono stati attivamente coinvolti nelle diverse fasi di iscrizione, votazione degli emendamenti e approvazione del Disegno di Legge.

Del resto dialogare con le scuole di tutta Italia e incrementare il numero dei partecipanti alle attività di formaziPIERPAOLO ARMAGNOone, è l'obiettivo di Senato Ragazzi Lab. Questa piattaforma vuole offrire nuovi strumenti di partecipazione alla vita pubblica di tutti i nostri giovani concittadini. La comunità online di Senato ragazzi è la realizzazione di un obiettivo ambizioso: far sì che il Senato possa dialogare con le scuole di tutta Italia e possa incrementare il numero dei partecipanti alle attività di formazione che svolge all'interno delle sue sedi. Ben 188 co-firmatari del progetto nella loro partecipazione attiva hanno contribuito con i loro voti favorevoli a promuovere questo Disegno di legge di cui alleghiamo il discorso introduttivo curato da alcuni studenti delle classi quarte. In particolare Marica Giove (IVA Scienze applicate) e Roberto Longobardo (IVE) hanno redatto il Disegno di Legge definitivo. Il 31 maggio scorso il Senato ha comunicato al Dirigente Scolastico, prof. Rocco Fazio che l’istituto Canudo risultava tra le cinque scuole finaliste in Italia che prenderanno parte alle attività di formazione a Palazzo Madama. Si preannuncia ancora una grande esperienza di partecipazione attiva e legalità per gli studenti, i docenti, la comunità scolastica ed il territorio tutto.

DISCORSO INTRODUTTIVO PROPOSTA DDL CANUDO

“Onorevoli Senatori! - Varticolo costituzioneorremmo porre alla vostra attenzione la situazione del territorio pugliese e in particolare dell’area di Gioia del Colle. Motivo di vanto per i cittadini gioiesi sono sempre stati i prodotti caseari ma diventa sempre più difficile promuovere e sostenere la produzione locale per diversi motivi. Innanzitutto è bene evidenziare il malfunzionamento del depuratore cittadino che non permette un adeguato smaltimento del siero da parte degli imprenditori. Questo ha un impatto ambientale negativo a causa delle acque reflue provenienti dalla struttura e soprattutto una pessima ricaduta economica sulle aziende stesse. Infatti i proprietari dei caseifici sono costretti a scaricare il siero in luoghi di lavorazione situati nel Nord Italia o addirittura all’estero. In quest’operazione gli imprenditori non vengono tutelati e incentivati a rispettare la legge sullo smaltimento dei rifiuti, a causa delle ingenti somme di denaro necessarie per il trasporto di questi ultimi. Dunque la nostra idea è quella di istituire un consorzio anticoncorrenziale che raggruppi i vari caseifici locali in modo da ottenere un miglioramento della situazione. Il progetto mira a ottenere una maggiore coesione e cooperazione tra le aziende così che nessuna di loro possa in alcun modo sentirsi limitata e ostacolata dalla competitività di altri produttori dotati di maggior sostegno economico. Si andrebbe a creare, all’interno del Consorzio, una “cassa collettiva” che permetterebbe a ciascuno di sostenere le spese di produzione e smaltimento. In questo modo ogni imprenditore sarebbe incentivato ad ampliare la propria produzione e a promuovere il prodotto perfino su scala nazionale. Con l’auspicio di una probabile denominazione DOP per il prodotto locale. Inoltre si potrebbe pensare all’interno del Consorzio stesso, alla creazione di una struttura addetta allo smaltimento del siero. Questo prodotto non deve essere visto unicamente come rifiuto poiché può essere una grande risorsa. Le sue proprietà permettono di rendere innocuo l’amianto o di essere semplicemente utilizzate per prodotti alimentari, cosmetici e farmaceutici. Questa legge avrebbe di conseguenza un impatto decisamente positivo sul territorio dal punto di vista ambientale. L’ultimo, ma non meno importante, vantaggio è quello di ottenere più posti di lavoro giovanili. Poiché si può intravedere un’opportunità di miglioramento nella delicata situazione economica in cui ci troviamo. Non a caso molti ragazzi giovani e intraprendenti che potrebbero dare un grande contributo all’economia locale e nazionale sono costretti a andar via a causa della mancanza di posti di lavoro. Per tutti i motivi sopra citati, ribadiamo la necessità territoriale della creazione di un consorzio caseario”.

 

Commenti  

 
#1 Vincenzo Stea 2017-06-05 07:17
Complimenti. Bravi tutti.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI