Martedì 21 Novembre 2017
   
Text Size

“CURE PALLIATIVE: SENSO E DIGNITÀ ALLA VITA FINO ALLA FINE”

circolo unione

cirolo unione Organizzata dalla professoressa Luisa Argenti Casillo, vice presidente del locale Circolo Unione, si è svolta il giorno 21 aprile alle ore 19.00 nel salone delle feste dello stesso Circolo, una interessante serata dedicata a “Le cure palliative - senso e dignità alla vita del malato fino alla fine”.

L’idea che certamente prendeva corpo da tempo nella mente della dolcissima vice - presidente, è nata da una triste esperienza personale che anni fa ha turbato la vita di una famiglia serenamente felice.

La morte del Maggiore Franco Casillo, per uno di quei mali che non lasciano speranza, assistito - accompagnato amorevolmente dalla famiglia e da quei volontari che Luisa ha voluto far conoscere alla nostra città. Quei volontari a cui la figlia Alessia ha dedicato toccanti parole di ringraziamento.

“Ringrazio tutto il personale dell’Hospice di Bitonto ed i volontari dell’Associazione “L’Abbraccio”, specialmente nella persona della dott.ssa Maria Castro, per l’assistenza offerta a mio padre nel momento più difficile della sua vita”.

La serata voluta dalla professoressa Luisa Argenti Casillo, è stata organizzata con la collaborazione dalla Fondazione “Opera Santi Medici, Bitonto - Onlus”, dal direttivo del Circolo Unione e dall’Hospice “Aurelia Marena“ di Bitonto, con i rispettivi dirigenti, dott. Tommaso Fusaro, direttore Sanitario ed il dott. Michele Galgani, psicologo palliativista. Presenti anche l’accompagnatore spirituale Don Antonio Stizzi e la dottoressa Maria Castro, responsabile del gruppo di volontariato “L’Abbraccio”.  

cirolo unioneNumeroso ed interessato il pubblico presente, nel quale spiccavano i volontari della carità e dell’assistenza del nostro territorio: rappresentanti del Centro d’Ascolto, dell’associazione ECO e del gruppo del Volontariato Vincenziano.

A detta di tutti i presenti, l’incontro è stato toccante e commovente. Tutti gli interventi sono stati seguiti con viva partecipazione, perché, purtroppo, sono pochi coloro che non sono stati toccati da situazioni di malattie terminali.

Molto confortante sapere che, in un momento storico in cui si parla molto e con esagerato accanimento di “morte assistita” ci sia qualcuno che si occupi invece di accompagnamento spirituale ad una serena fine.

Queste le parole di ringraziamento della professoressa Luisa a fine serata: “Ringrazio gli esperti relatori che, con la loro esperienza , hanno trasmesso speranza ed amorevole vicinanza a tutti coloro che hanno vissuto o potrebbero affrontare un momento doloroso e difficile, quale il distacco dalla vita e da coloro che si amano. Tre cose valgono più delle altre: Amore, Condivisione e Fiducia”.  

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI