Sabato 18 Novembre 2017
   
Text Size

ARO BA 5. DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DA RECORD

raccolta porta a porta risultati

raccolta porta a porta risultati “Il dato percentuale della raccolta dei rifiuti porta a porta a Turi sale ancora. A tre mesi dall'entrata in vigore del nuovo servizio i risultati sono ottimi. I dati parlano chiaro: Turi registra una percentuale di media solo nel primo trimestre del 2017 del 78,25% (nel dettaglio 77,84% a gennaio, 76,78% a febbraio e 80,12% a marzo).

La differenziata porta a porta ha preso il via il 1° dicembre 2016, dopo una lunga fase informativa e formativa dei cittadini, con incontri pubblici per utenze domestiche e non domestiche, e la consegna dei kit per la raccolta differenziata.

Si va oltre le aspettative grazie al lavoro sinergico portato avanti dalle amministrazioni comunali e da Navita, società che gestisce il servizio per conto del CNS nell’ambito dell’ATI ARO BA 5. Un risultato che tuttavia non sarebbe stato possibile raggiungere se fossero mancati i due elementi principali di questo nuovo sistema: l’impegno e la partecipazione attiva dei cittadini che con determinazione hanno iniziato a cambiare le proprie abitudini, e la grande dedizione degli operatori che hanno compreso l’importanza storica di questa nuova raccolta e hanno svolto il proprio lavoro con grande responsabilità.

“Sono orgoglioso dei risultati sin qui raggiunti, un grande merito va a tutte la comunità coinvolte in questo progetto innovativo. Sento il bisogno, al contempo di ringraziare i comandi di polizia municipale coinvolti, le amministrazioni e tutti i nostri lavoratori che non si sono mai arresi di fronte alle difficoltà che una simile rivoluzione organizzativa comporta - spiega Francesco Roca, presidente di Navita - . Continueremo nel completamento del nostro progetto supportando l'amministrazione nel draccolta porta a porta risultatiivenire al più presto al raggiungimento del tanto desiderato obiettivo della tariffazione puntuale. Nel frattempo continuano le attività di comunicazione con le scuole; sono state create due App per smartphone e tablet per agevolare la consultazione del sistema e delle regole del porta a porta e per insegnare ai più piccoli a fare la differenziata giocando. In ultimo - conclude Roca - sono appena stati pubblicati sul sito Aro Ba 5 i calendari di conferimento in lingua inglese dedicati alle utenze di nazionalità straniera per agevolare la comprensione e il passaggio al nuovo sistema anche per loro”.

Si rammenta infine che il sito internet www.aroba5.it e il numero verde 800 098 563 (questo valido solo per il comune menzionato) sono sempre a disposizione per gli utenti per la ricerca di informazioni o la richiesta di chiarimenti”.

Ufficio Stampa ARO Ba/5

 

Commenti  

 
#20 Eskimo 2017-04-23 19:46
@piudatimenoparole conferma quanto da me detto in precedenza. 80/100 euro/ton è il prezzo pagato per il prodotto pronto forno cioè deputato da scorie (etichette, tappi, prodotti non riciclabili che possono sembrare apparentemente fatti di vetro come ceramica, pirofile, ecc...) e lavato, non per quello grezzo conferito da chi raccoglie il rifiuto in prima battuta. Se le scorie superano il 3% il prezzo si abbatte anche a meno di a 30 euro. Questi sono dati che si possono leggere nel sito del COREVE (Consorzio Recupero Vetro). Ma è inutile che ci mettiamo a sottilizzare sui numeri. Volevo solo soffermare l'attenzione sul fatto che, indipendentemente dai valori esatti, nel business della raccolta rifiuti , differenziata e non, chi paga è sempre il cittadino mentre i guadagni vanno in tasca ad altri. Un dato per tutti, sempre del COREVE: nel 2013 i suoi soci hanno corrisposto ai Comuni italiani, direttamente o indirettamente, 46,5 milioni per la raccolta del vetro (una quantità pari in volume ad una volta e mezza il Colosseo !) mentre nello stesso periodo l'ammontare della Tares era stimata dall'ANCI globalmente almeno 10 miliardi. Come può diminuire la tassa sui rifiuti nononstante l'attenzione e lo sforzo richiesti ai cittadini, se gli Amministratori pubblici non li rappresentano adeguatamente anche in questo genere di trattativa ?
 
 
#19 marco 2017-04-23 08:05
Caro piudati..... con questo andamento dell'amministrazione, la programmazioe sta avvenendo dopo aver subito dall'alto tutte le scelte, che stanno per danneggiare il nostro caro e amato territorio. Si sapeva almeno un anno prima delle elezioni cio' che serviva al nostro territorio. Inoltre questa amministrazione non sta tutelando gli interessi dei cittadini ma solo quelli delle grandi lobby. Non erano questi i presupposti per andare a governare.....
 
 
#18 Uomodellaatrada 2017-04-22 14:17
@piudatimenoparole, sulla base delle esperienze in Italia (vedi Legambiente, dati regionali ecc), il porta a porta non è il sistema migliore ma è quello più efficace. Se ha dati diversi li esponga.
@marco io diffiderei sempre dal fruscio della scopa nuova, diffiderei da quelle amministrazione che hanno l'ansia da prestazione cercando il consenso. Il consenso si crea con i fatti e i fatti si costruiscono e si programmano.
 
 
#17 MARCO 2017-04-22 08:49
PURTROPPO QUESTA AMMINISTRAZIONE MIO MALGRADO DEVO ANCORA CONSTATARE CHE I PROCESSI DI CAMBIAMENTO LI SUBISCE SENZA NESSUN COINVOLGIMENTO. CI ASPETTAVAMO NUOVE INIZIATIVE, ANCHE NEL SETTORE DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI (COSì COME RIBADITO DALLA REDAZIONE), CHE POTESSERO PORTARE ENTUSIASMO ALLA CITTADINANZA NONCHE' QUALCHE RISPARMIO E FORSE ANCHE QUALCHE NUOVO POSTO DI LAVORO. INVECE SUBIAMO TUTTO PASSIVAMENTE (RIFIUTI, ITEA,..). AD OGGI NESSUNA INIZIATIVA DEGNA DI UNA NUOVA AMMINISTRAZIONE. MAI VISTO UNA COSA SIMILE. GENERALMENTE I PRIMI PERIODI DI GESTIONE DI UNA NUOVA AMMINISTRAZIONE SONO CARATTERIZZATI DA PROVVEDIMENTI CHE IDENTIFICANO LE PROMESSE FATTE IN CAMPAGNA ELETTORALE E I CAMBIAMENTI TANTO DESIDERATI DAI CITTADINI SPERANZOSI. INVECE QUI A GIOIA TUTTO CIO' NON STA ACCADENDO. ANZI SEMBRA LA CONTINUAZIONE DELLA PARTE PEGGIORE DELLE SCORSE AMMINISTRAZIONI. NESSUNA NUOVA IDEA, NESSUNA NUOVA INIZIATIVA.
 
 
#16 piudatimenoparole 2017-04-21 18:53
Il sistema porta a porta per la raccolta rifiuti è un buon sistema ma non affermerei con certezza che è il migliore. Analizzando globalmente impatti e benefici sull' ambiente del porta a porta in realtà emerge che spesso emissioni e consumi aumentano perché vanno raggiunti singolarmente i domicili di tutti i cittadini. Può sicuramente essere un modo per potenziare le percentuali di materiale ma a mio parere non è il metodo ottimale e definitivo. Al contrario il metodo ottimale è il conseguimento del senso civico del cittadino: il protagonista di una raccolta differenziata ben fatta è infatti proprio quest' ultimo e la sua consapevolezza dell' utilità del riciclo; dovrebbe essere una parte attiva e incaricarsi lui stesso del conferimento nei cassonetti. (anche in questo caso in funzione delle percentuali raggiunte nel comune si dovrebbero ottenere dei premi in termini di riduzione sulla tassazione dei rifiuti).

(@eskimo il dato del prezzo di vendita del rottame di vetro è completamente falso e lontano anni luce dal vero valore di vendita del vetro pronto forno alle vetrerie che si attesta attorno alle 80-100 euro/ton)
 
 
#15 Uomodellastrada 2017-04-20 22:19
Con spes o senza spes si deve differenziare,e il porta a porta spinto è il sistema ottimale. Quindi il problema dell'abbandono si avrà in ogni caso. Se c'è qualche leone da tastiera che può dare una soluzione avanzi l'amministrazIone o ai cittadini di Gioia la soluzione.
 
 
#14 basta 2017-04-20 20:13
Mi dispiace deluderla ma proprio quel sig con il mezzo aziendale grazie al sindaco Lucilla-Cuscito dove decantano trasparenza resterà sotto il dominio della Spes quindi di cosa parliamo.......dopopasqua
 
 
#13 basta 2017-04-20 20:08
La legge non ammette ignoranza ma con questa amministrazione tutti a Ciampino. ...saluti....
 
 
#12 Coerenza 0 2017-04-20 19:59
Chi ti ha detto poi che la spes non può assumere? Ne sei convinto? In primis bisogna vedere come questa amministrazione ha formulato la richiesta alla corte dei conti!!!!
 
 
#11 Coerenza 0 2017-04-20 19:55
Dopo Pasqua... in effetti vedrai cose nuove ... chiedi a. Casa massima il costo maggiorato in discarica dato che l'organico si va a scaricare a Cerignola e si superano i 50km scritti sul contratto dato che fai tanto il sapientone!!!!!fai un po' di conti... e tira le somme !!!!!
 
 
#10 Libero Didire 2017-04-20 19:37
L'uso del condizionale prevede una non certezza della circostanza, se qualcuno invece fosse più interessato a fatti, basterà fare un giro in biciletta nelle strade e nei viottoli di campagna per vedere crescere il degrado. Anziché scrivere, agiamo. Ogni tanto quando puntiamo il dito alla luna, soffermiamo a guardare la punta del nostro dito che ho sempre é dritto e pulito. A buon intenditor...
 
 
#9 Eskimo 2017-04-20 19:35
Pienamente d'accordo con la Redazione.
La raccolta dei rifiuti non può essere considerata una fase disgiunta dal successivo trattamento e riciclo perchè alla fine a pagare sono i cittadini mentre a guadagnare sono in pochi ed in maniera spesso poco chiara. Un solo esempio. Il vetro riciclato viene normalmente venduto tra 18 e 40 Euro alla tonnellata ma deve essere raccolto, ulteriormente vagliato separando quello bianco da quello verde o di altri colori eliminando ciò che non può essere trattato (specchi, lampadine, alcuni tipi di contenitori,ecc...) trasportato presso l'impresa o il consorzio che lo tratterà, magari a centinaia di chilometri. In sostanza la raccolta differenziata del vetro non porta alcun beneficio economico a chi la fa, anzi è un costo, mentre il vetro ricavato da quello usato viene rivenduto anche a 1.500 euro/ton cioè da 40 a 80 volte il prezzo pagato.
 
 
#8 DopoPasqua 2017-04-20 18:40
La spes non può assumere al contrario del gestore aro e senza operai il servizio offerto door to door non si può fare. A questo aggiunga la legge regionale 24 2012 in materia di gestione rifiuti e capirà che passare aderire al gestore unico è un obbligo di legge!
#vedretecosenuove
 
 
#7 DopoPasqua 2017-04-20 18:09
Mi cambia che sono stanco di mantenere qualche dipendente che, con il beneplacito della politica PD ieri e Lucilla oggi, trascorre le giornate lavorative a zonzo per il paese con automezzo aziendale!
 
 
#6 Eskimo 2017-04-20 17:19
I vantaggi della raccolta differenziata li conosciamo tutti: minore quantità di rifiuti in discarica, riutilizzo della maggior parte degli stessi, miglior decoro urbano (forse). Ma ARO BA 5 vantando i risultati ottenuti non fornisce alcune informazione sui costi a carico dei cittadini che derivano anche dalla capacità di smaltimento del singolo materiale raccolto. A fronte di un maggior costo del servizio (30/40% secondo la stessa ARO), otterremo una minore ecotassa (circa 10 Euro per abitante), un minor costo per il conferimento in discarica o inceneritore della parte indiferrenziata ed introiti dalla vendita dei prodotti riciclabili dopo opportuno vaglio e separazione successivi alla raccolta. Non avendo maggiori informazioni dall'ARO, possiamo fare congetture basandoci su quanto dice il Sole-24Ore , che fa riferimento ad uno uno studio commissionato da Federambiente, secondo cui il costo della raccolta porta a porta varia in Italia, a seconda del peso delle variabili appena dette, da un minimo di 125 Euro ad un massimo di 250 Euro ad abitante. Secondo l'ultimo bilancio ufficiale di Gioia (2014) tale costo era di circa 165 Euro a testa. Cosa dobbiamo aspettarci allora: un risparmio del 25% o un aumento del 50%? Personalmente sono disposto a pagare di più per una migliore salvaguardia dell'ambiente, ma non credo che per questo si possano firmare cambiali in bianco. Ma questo dato non può non essere stato portato a conoscenza dell'Amministrazione che dovrà tenerne conto nel bilancio di previsione 2017.Un pò di trasparenza non guasterebbe ......

La Redazione
Anni fa avevamo prospettato (e proposto) la nascita di nuove attività collegate ad una gestione oculata del porta a porta e ad una differenziazione spinta dei rifiuti. Nuove attività che avrebbero creato un nuovo business e nuovi posti di lavoro, e tutto ciò in assoluta trasparenza e alla luce del sole. Attività che avrebbero debellato l'attuale business legato ai rifiuti, da sempre nascosto e a nero. Chissà, può essere che dopo quasi vent'anni, qualcuno l'abbia finalmente capito.
Buona serata a tutti.
 
 
#5 basta 2017-04-20 15:59
Dopopasqua cosa le cambia a lei se vien gestito da Spes o altro gestore ???? Non vedo la sua goduria dov'è. .....e con l acam cosa succederà lei penserà dì risparmiare sulla tari e il contenzioso acam?????
 
 
#4 basta 2017-04-20 15:50
E chi ha detto che pagherai meno tasse????credete troppo alle favole.........
 
 
#3 LINGUAGLOSSA 2017-04-20 09:53
LIBERODIDIRE ... perchè invece di usare il "sembrerebbe", non utilizzi delle prove certificate ? Lo sai che questo è procurato allarme se le tue congetture rimangono semplicemente, sul "sembrerebbe" ? Detto questo, credo che sia normale che dovrà essere rafforzato un adeguato servizio di prevenzione nei confronti di questa possibile problematica ...
 
 
#2 Libero Didire 2017-04-19 20:50
Sembrerebbe che anche le campagne si stiano riempiendo di sacchetti di immondizia, cartoni e altri materiali da rifiuto. I cassonetti di Gioia del Colle accolgono anche rifiuti dei comuni limitrofi dove hanno la raccolta porta a porta.
Non mi sembra un grande risultato.
 
 
#1 DopoPasqua 2017-04-19 19:44
Finalmente, dopo la rinuncia della spes a gestire il servizio, Gioia del Colle potrà finalmente aderire al nuovo servizio proposto dall'aro. L'innovativo servizio door to door ci consentirà di risparmiare parecchi euro sulla tari oltre che usufruire di un servizio qualitativamente superiore a quello attuale. #avantitutta
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI